Addestramento team Serpo e dati alieni Ebens

Addestramento del team partito per Serpo e altre notizie sugli alieni Ebens

Nona lettera Anonymous (30 novembre, 2005)

Ogni membro del team fu sottoposto a duri test psicologici e fisici. In un test di formazione, è stato chiesto loro di rimanere bloccati dentro una cassa di 5′ x 7′ (circa 1.50m x 2m) sepolta due metri sotto terra per cinque giorni (con cibo e acqua).

Ogni membro del team aveva con se anche una “pillola” che poteva essere ingerita, con la conseguente morte, in caso si fossero trovati in un ambiente ostile (Serpo), con creature pericolose.

I piloti selezionati per la missione hanno avuto modo di guidare un mezzo alieno (fu sequestrato nella zona occidentale del New Mexico nel 1949). C’erano quattro piloti nel team. Questi quattro hanno trascorso diverse settimane nel Nevada con lo scopo di apprendere a pilotare un velivolo alieno. Riuscirono senza troppe difficoltà a guidare il mezzo Ebens. Sono sicuro che molti degli avvistamenti UFO avvenuti nel 1964/ ’65 in tutto l’Occidente potrebbero essere attribuiti a questi voli di prova da parte dei nostri membri del team.

Ai membri del team furono consegnati dei contenitori di azoto liquido che sarebbero serviti in caso di difesa se gli Ebens avrebbero “cambiato idea”, quindi sarebbero stati ostili. Poiché queste creature sono molto vulnerabili al freddo hanno pensato che spruzzare dell’azoto liquido sul volto dell’alieno li avrebbe potuti salvare da un’eventuale minaccia. Tuttavia, una volta arrivati sul pianeta Serpo questi contenitori sono stati fatti sparire, e nonostante alcuni Ebens sapevano di questa sostanza non si misero sulle difensive.

Come ho già detto in precedenza, ogni membro del team possedeva anche una pistola e un fucile. Queste armi furono utilizzate solo una volta da un gruppo di esploratori del team, ma mai contro un alieno.

Decima lettera di Anonymous (2 dicembre, 2005)

Ecco alcune informazioni che interessavano Gene [Locowski] riguardo la formazione del team. Dopo l’ampio processo di selezione ogni membro dovette dimostrare le proprie capacità nel saper superare ogni possibile difficoltà.

La formazione comprendeva quanto segue:

  1. Introduzione all’esplorazione dello spazio (appreso da alcuni membri del personale della NASA);
  2. Astronomia, e identificazione delle stelle, uso di telescopi e astrofisica generale;
  3. Antropologia della razza Ebens (informazioni ricevute dalla creatura sopravvissuta nel New Mexico);
  4. Storia degli Ebens (informazioni di base ricevute dall’alieno sulla Terra);
  5. US Army Field Medical Training (cura traumi). Rivolto al solo personale medico del team;
  6. High Altitude training – erano previsti lanci con paracadute, in assenza di ossigeno e peso;
  7. Sopravvivenza, fuga, e tattiche di evasione;
  8. Armi di base e maneggio di esplosivi (portarono con se circa 2.5kg di C -4);
  9. Psychological Operations Training e preparazione anti-interrogatorio;
  10. Small Unit Tactical Training (un mini corso da Ranger di 4 settimane);
  11. Intelligence Gathering Training;
  12. Space Geology – metodi di raccolta e utilizzo di attrezzature speciali geologiche;
  13. Physical Training stress;
  14. Metodi di addestramento per affrontare e superare situazioni difficili come la reclusione/isolamento;
  15. Corso di Nutrizione;
  16. Attrezzature allenamento;
  17. Formazione specialistica individuale;
  18. Biologia di base;
  19. Altre formazioni che ancora oggi dopo 40 anni sono considerate altamente classificate [1965-2005].

Gli esseri umani potrebbero riuscire ad imitare i suoni emessi da questa specie aliena ma occorre molta pratica. Il suono emesso dagli Ebens è simile ad un canto con tonalità alta. Ad ogni modo, non era semplice ricordare e riprodurre le giuste tonalità, di fatto solo i due linguisti appresero le basi per riuscire a comunicare con queste creature, secondo i documenti che ho letto.

Gli Ebens impararono un po’ l’inglese, ma avevano difficoltà a pronunciare correttamente le parole. Ad esempio, secondo il documento, la lettera “L” non riuscivano a pronunciarla quindi “look” diventava “ook”.

E’ interessante notare che fra gli Ebens viaggiatori (coloro che partivano per lunghi viaggi di esplorazione) uno in particolare era più portato degli altri quindi aveva appreso molti più vocaboli dei sui simili. Questo alieno era stato soprannominato “Noè” dai nostri, e quando dovevano comunicare informazioni importanti si rivolgevano a lui. Tuttavia, verso la fine del “soggiorno” Noé parti per una missione di ricognizione ma fortunatamente i due linguisti del team avevano imparato a comunicare meglio.alieni-ebens-pianeta-serpoDomanda: Perché la squadra non ha da subito utilizzato il dispositivo di traduzione alieno?

Anonymous: Perché quel dispositivo conteneva solo circa 500 vocaboli in inglese e non erano abbastanza. Il team una volta arrivati sul pianeta Serpo, non impiegò molto tempo prima di decidere di mettere da parte quel dispositivo.

Bene! Caro lettore, di seguito vengono inserite delle domande, e risposte poco chiare poiché non è scritto “chi domanda cosa”. Come ho già detto in una delle prime traduzioni, questo non è un vero e proprio documento ma una “brutta” dove sono state inserite una lunga serie di e-mail che contenevano presunti dati altamente classificati rilasciati principalmente da un certo Anonymous. Quindi non stupirti se non comprendi qualche informazione. Credo che per noi italiani o europei sia complicato comprendere certi dati che riguardano eventi accaduti in passato negli Stati Uniti, anche perché non conosciamo i fatti. Mi sembra di capire che parlano di un probabile programma televisivo, ma non ne sono sicuro. Va beh, io traduco al meglio delle mie possibilità, poi sarai tu a valutare/interpretare.

Chi è il “Falcon ?! ” Sto leggendo i documenti reali del debriefing. No c’è, non si parla di un “Falcon”. Non vi è alcuna menzione di un certo “Falcon” sul Briefing Access Control Roster.

Se ti riferisci al 1989 lo speciale TV, “UFO Coverup, … LIVE! “, Dove vengono menzionati un certo “Falcon” e “Condor”, sappi che non hanno mai avuto accesso alla vera relazione riguardo “Project SERPO “.

Direi che chiunque sia stato questo Falcon stava diffondendo disinformazione. Gli Ebens vivevano su un pianeta caldo, tranne l’emisfero settentrionale, che era più fresco. E nonostante alcuni Ebens vivevano in una zona del pianeta con clima più fresco, questa specie non sopportava il freddo estremo.

Penso che si confonde con ciò che disse l’Ebe 1 (il sopravvissuto sulla Terra) riguardo il “nostro” pianeta. Si riferiva al clima del nostro pianeta non di Serpo. Questo essere fu portato in diverse zone del nostro pianeta prima, per lo più luoghi caldi. Quando arrivò a Los Alamos, sembrava gradire il clima (fine estate).

Tuttavia, quando fu portato a Washington, DC, nel tardo autunno era troppo freddo per lui. Ora, io non so chi sia questo Falcon e da dove prese le informazioni, ma ho con me i dati reali che riguardano l’Ebe 1.

Domanda: Cosa ne pensi riguardo ciò che disse l’Ebe 1, quando parlò della nostra umanità che stando a ciò che disse fu modificata geneticamente e che la religione fu creata praticamente da loro, compresa la figura di Cristo?

Anonymous: Se si legge “Yellow Book” [la vera storia sull’umanità che raccontarono un gruppo di alieni] verrebbe da pensare che Gesù Cristo aveva a che fare con questa razza, e forse era uno di loro.

Nota: Pare che questo “Libro Giallo” sia stato scritto sotto dettatura da un gruppo di alieni, probabilmente della specie dei Grigi, gli stessi che tradirono il “patto” con il governo americano riguardo i rapimenti e le uccisioni sia umane, che di animali.

Ora, per quanto ne sappia, a parte il fatto che questo libro è introvabile, poi, anche se fosse vero che sul libro è scritto che la religione, e lo stesso Cristo sono da attribuire agli alieni, dobbiamo considerare che questi Grigi non erano per niente sinceri, come diceva qualcuno su Blue Planet Project.

Secondo me, qui si fa ancora confusione con la razza ostile dei Grigi e questi Ebens, che saranno anche della stessa famiglia dei Grigi ma non mi sembrano per nulla ostili stando a ciò che sto traducendo.

Quindi, qualsiasi cosa è stata scritta su questo Libro Giallo da un gruppo di alieni ostili, potrebbe benissimo essere considerata inaffidabile. Ovviamente cambierebbe tutto se invece fu scritto con l’aiuto degli Ebens. Purtroppo troppe persone raccontano un pezzetto di storia, di chi dobbiamo fidarci? Di nessuno? Di qualcuno? Di tutti? Per sfortuna non abbiamo la possibilità di mettere le mani su questo Libro Giallo. Se veramente esiste qualcuno lo tiene ben custodito.

Concludo aggiungendo che se Gesù Cristo fosse stato uno di loro (con lo stesso aspetto fisico), la Sindone e tutta la storia di quest’uomo sarebbe un falso. Questi esseri non sembrano in grado di cambiare aspetto, non sono mutaforma.

Continua Anonymous:

Inoltre, se si guardano alcuni eventi indicati nel “Yellow Book” è possibile collegare alcuni fenomeni di apparizioni mariane, come quello di Fatima, ecc, con un atterraggio di questa razza aliena (Ebens).

Domanda: E la tanto conclamata e pubblicizzata “Alien Autopsy” che riguarda Ray Santilli è un filmato vero o falso?

Anonymous: Quel film è un falso. Abbiamo fatto eseguire quattro autopsie dei cinque Ebens morti nel luogo dell’incidente a Corona e sono state fatte anche delle foto, però i corpi del luogo dell’incidente nel New Mexico occidentale erano troppo decomposti per essere sottoposti ad autopsia. In ogni caso, il film Ray Santilli è un assoluto falso al 100%.

Il ” DIM ” di cui si è parlato in precedenza, conosciuto anche come Duty Information Manual. Era la loro “bibbia” per tutte le informazioni di cui avrebbero avuto bisogno. I piani operativi, procedure di intervento di emergenza, ecc. [Bill Ryan: il significato della sigla DIM lo fornisce un’altra persona, non Anonymous, che era a conoscenza del progetto.]

5 dicembre – Victor Martinez precisa che:

Anonymous è responsabile dell’85% del materiale; mentre un 13% proviene da un’altra sorgente collegata direttamente con il progetto; questa è una sorgente “fantasma”, poiché cancella le tracce del suo account non appena invia le sue informazioni.

[Bill Ryan: questo spiega alcune differenze grammaticali riscontrate nelle varie lettere.]

…continua

Prima ParteNona Parte


loading...

Altri articoli che potrebbero interessarti ...dello stesso autore