Gli alieni poco extraterrestri

Molti alieni potrebbero non essere extraterrestri

Parecchi addotti descrivono i loro rapitori come esseri piccoli con gli occhi grandi neri e la pelle di un colore grigiastro (alieni Grigi). Tuttavia, i dati raccolti dalle ormai migliaia di testimonianze lasciano intendere che questi alieni onnipresenti nelle abduction sono dei cloni, una sorta di robot super tecnologici che vengono utilizzati come avatar da altre razze aliene inter-dimensionali per realizzare i loro scopi. Innanzitutto è bene precisare che l’alieno piccolo grigio è una sorta di sottospecie facente parte di una famiglia di alieni Grigi più o meno simili. Non sappiamo con esattezza quante tipologie di Grigi esistano, ad ogni modo, almeno 3 (i cloni, gli ibridi e i Grigi alti), ma potrebbero essere molti di più.

Si è arrivati alla conclusione che la famiglia di alieni Grigi comprende altre sottospecie poiché alcuni addotti e contattisti, etc., raccontano esperienze diverse dalle solite. Ad esempio Clifford Stone afferma di aver avuto l’opportunità di conoscere un alieno della razza dei Grigi e lo descrive come un essere che provava emozioni, anche se un po’ diverse dalle nostre. Per chi non conosce Clifford Stone (aggiungo solo due dettagli), egli prestò servizio nell’esercito americano per oltre 20 anni con il grado di Sergente di Prima Classe, aveva accesso a zone, e si trovava spesso in situazioni al di sopra (pensate) del Top Secret. Questo significa che faceva parte di un ristretto gruppo di persone che avevano lo scopo di gestire quelle situazioni ultra segrete. Raccontò di aver visto con i propri occhi corpi di alieni che si trovavano dentro dischi volanti precipitati sulla Terra, e lo stesso Clifford parla di alieni vivi recuperati dall’incidente di Roswell. Clifford aveva delle doti psichiche molto sviluppate e prese parte nel progetto “remote viewing”, ovvero quelle persone che riuscivano in qualche modo a mettersi in contatto con esseri di altri mondi. In realtà i remote viewing furono formati esclusivamente per spionaggio militare. Grazie alle doti di queste persone si potevano conoscere in anticipo le mosse dei nemici. La maggior parte di loro erano (lo sono ancora) sensitivi e medium, se svolgete delle ricerche vedrete che anche Hitler aveva i “suoi” remote viewing, ma non bastò per salvargli la vita. Le persone come Clifford Stone riuscivano a mettersi in contatto telepaticamente con esseri provenienti da altri pianeti, grazie ad una tecnologia (segreta) che gli permetteva di espandere le loro capacità psichiche. Ad ogni modo, per farla breve tra le informazioni interessanti che fece Clifford, ricordo quella dove affermò di essere stato in contatto con un alieno grigio fin da piccolo (dai comportamenti molto simili a noi umani), l’altra, che molti degli alieni che ci contattano, o cercano di contattarci, altro non sarebbero che noi stessi dal futuro. Capisco che è un po’ complicata la faccenda ma lui come altri ex militari sostiene che alcuni esseri interagiscono dal futuro grazie alla loro tecnologia super avanzata, e pare che ci conoscano “molto bene”.

abduction alieni grigiI cloni Grigi

Mi è sembrato di capire, dopo essermi documentato, leggendo e ascoltando diverse esperienze di abduction e contattisti, che i Grigi di cui si parlava inizialmente (i cloni) non sarebbero altro che avatar utilizzati da diverse specie aliene, tra queste risultano comparire i Grigi alti, Rettiliani, Nordici e forse anche le Mantidi. Certo, se si indaga un po’ più a fondo si scopre che esiste una grande gerarchia dietro le varie razze aliene, ad esempio sembra che le Mantidi agiscano sotto il controllo di altri esseri, ma qui la faccenda diventa troppo complicata ed io non ho abbastanza informazioni per poter dare un quadro “abbastanza dettagliato” sulle varie gerarchie. Chissà forse ex addotti come Federico Bellini, o personaggi come il famoso Corrado Malanga possono aiutarvi a comprendere meglio il fenomeno alieni. Anzi, visto che ho nominato Corrado Malanga, vorrei spendere due parole.

Naturalmente ringrazio quest’uomo per aver condiviso anni del suo lavoro con tutti noi. La prima volta che vidi Malanga su YouTube ero interessato sostanzialmente alle ipnosi regressive, credo di ricordare che correva l’anno 2009. Sono sempre stato attratto dal mondo invisibile, il paranormale, il mistero, e quando scoprii che tramite le ipnosi regressive le persone erano in grado di “ricordare” le vite passate, cercai di reperire tutto il materiale possibile su tale argomento. Quando arrivai a scoprire Corrado Malanga mi resi conto che a differenza degli altri tirava in ballo esseri di altri mondi e rapimenti alieni, mentre per esempio, un Brian Weiss parlava “solo” di vite passate. Così da quel momento cominciai ad interessarmi di queste abduction (ne avevo già sentito parlare ma non mi ero mai seriamente interessato) e l’unico italiano che ne parlava come testimone personale era Malanga.

Tuttavia, molti (secondo me) trascurano il fatto che Corrado Malanga è come tutti noi un essere umano, voglio dire, anche lui ha dovuto intraprendere un certo percorso dove la vita ci insegna che, si impara man mano che si fa esperienza (si dice che dagli sbagli si impara no?). Ora, ripeto, questa è solo la “mia” opinione, ma sono convinto che Malanga si sia “costruito” (passatemi il termine) una suo film mentale, quindi non è detto che la parola di Corrado Malanga è uguale alla parola di Dio (Creatore, o quello che vi pare). Voglio dire, come è possibile che tutti gli addotti che conoscono Corrado Malanga, o che hanno la mentalità malanghiana quando si prestano per una (si fa per dire) seduta di ipnosi vedono sempre gli stessi alieni, tutti fetenti e che vogliono approfittare del corpo della vittima, mentre gli addotti stranieri no? Non sarà che questi addotti vengano suggestionati dal modo di pensare di Malanga?

Alcune cose poi, non le capisco proprio. Malanga (e qualcun’altro) sostiene che anima non si trova dentro tutti gli uomini/donne, ma dai, se per anima si intende quell’energia grazie alla quale si muove un corpo nella materia, è ovvio che anima si trova dentro ogni “essere vivente”. A meno che lui per anima non intenda un’altra cosa, di cui tra l’altro, conosce solo lui e i suoi fans, perché io ancora non ben chiaro il concetto.

Allora, cercando di spiegarla nella maniera più semplice possibile da bambino delle elementari (almeno ci provo), quindi mettendo da parte i vari strati, corpo sottile, mentale, astrale, coscienza, etc., ne viene fuori che tutti noi siamo (dotati di) uno spirito che a sua volta si serve di un’anima grazie alla quale ci si può muovere nel mondo materiale. In realtà sarebbe tutto molto più semplice “affermare” che noi siamo lo spirito che anima il nostro corpo, ma purtroppo non esiste una persona in grado di spiegare questa faccenda, quindi ci si fida delle varie filosofie..

Infatti se ci pensate, le persone che vivono un’esperienza di premorte non hanno mai raccontato di aver parlato con spirito, o con anima, piuttosto si sono intraviste quasi sempre come un’energia con la stessa forma del loro corpo che avevano in vita, che si dirigeva verso un’altra luce la quale si trovava oltre il tunnel. La cosa curiosa, è che alcuni sono riusciti a raggiungere questa luce e dicono di aver visto molti altri esseri simili a fantasmi bianco/grigio che passeggiavano per i fatti loro, apparentemente senza far caso alla loro presenza. Fin quando, non si presenta un essere, che può essere un santo, spirito guida o un parente a seconda della cultura di quella persona (credo), il quale gli spiegherà che non è ancora arrivato il suo momento perché deve fare altre cose sulla Terra. Già questo fatto, smonterebbe “tante” se non tutte le teorie che si ispirano a molte filosofie orientali, o dogmi religiosi. E la cosa più buffa, è che neanche loro sanno realmente cosa siamo, secondo me, neanche il più saggio di questo mondo sa spiegarti cosa siamo realmente oltre questo corpo/guscio.

Quindi dovremmo prendere per buona l’esperienza che ci viene raccontata da queste persone che hanno vissuto anche se per poco la morte fisica. E ricordiamoci che si parla di “migliaia” di testimonianze e di diverse culture. Sostanzialmente quando ce ne andiamo (chissà dove) siamo pura energia “1” non tante.

Se per Malanga, tutti questi alieni sono delle “merde” (alla Malanga) non è detto che lo siano veramente, non dico che siano buoni, ma considerando la vastità dello Spazio io non credo che “tutti” gli alieni siano come li vede Malanga. L’uomo terrestre è il più dotato mentre gli alieni sono una sorta di imbecilli, ma dai, ma come fa ad arrivare a queste conclusioni? Sostanzialmente è questo il messaggio che lui trasmette nelle sue conferenze o interviste.

Prendere coscienza significa essere “unici” nell’Universo? Ma chi ci dice che non facciamo parte di una grossa famiglia proveniente da pianeti più o meno vicini al nostro sistema solare? No, secondo lui, sono tutti degli schiavisti e approfittatori che non hanno il coraggio di incarnarsi per farsi l’esperienza della materia (gli Angeli di Malanga).

Lo stesso Malanga vi dice di pensare con il vostro cervello, prendendo coscienza, ma da quel che vedo migliaia di persone si sentono “figli” di Malanga. Come al solito, quello che si sente più furbo dimostra tutto il contrario. Il detto “non accettare consigli, da chi non accetta consigli” potrebbe essere utile per molti di noi, anche se lui stesso ha ammesso (secondo me ironicamente) che potrebbe non aver ragione.

Comunque, Corrado Malanga va rispettato, ed io lo rispetto però posso solo prenderlo come uno dei punti di riferimento, non come “parola di Dio”. Ad ogni modo stiamo parlando di uno scienziato che affronta quasi tutta la questione mettendoci un po’ di fisica quantistica.

La faccenda delle razze aliene

Sembra che la maggior parte di questi esseri Grigi vengano realizzati in laboratori segreti all’interno di basi militari/aliene sotterranee. Sé pur vero che gli addotti hanno descritto diverse razze aliene, non hanno (a parte qualcuno, tra i più noti i coniugi Hill che descrissero una mappa stellare) mai saputo dire la provenienza di questi esseri. Ricordo che si parla di addotti, non di contattisti o canalizzazioni. Ciò significa che potremmo avere a che fare con alieni che vivono sul nostro pianeta da chissà quanto tempo. Potrebbero benissimo avere una conoscenza che gli permette di agire sul controllo della materia, questo significa che potrebbero avere dei loro avamposti sotterranei in qualunque zona del nostro pianeta, che sia mare o terra.basiMi viene in mente il Caso Amicizia dove i testimoni raccontavano che questi alieni, tra l’altro molti di loro simili agli umani, riuscivano ad aprire e chiudere “passaggi” che conducevano alle diverse basi sotterranee. Per fare un esempio è come se ci trovassimo in mezzo un parco e dal nulla si apriva un passaggio che li conduceva nell’entroterra e si chiudeva senza lasciare alcuna traccia. Fantascienza? Loro dicevano che si trattava semplicemente di tecnologia.

caso-amicizia-alieniOra mi chiedo, se esistono da un’eternità persone (alieni) in grado di manipolare la materia chi ci dice che già non si trovino sul nostro pianeta? I famosi W56 raccontavano agli “Amici” che sul nostro pianeta hanno vissuto civiltà molto più avanzate tecnologicamente di quanto lo siamo noi oggi, ma che si sono autodistrutte perché sopraffatte dalla loro stessa tecnologia.

Per questo sono convinto che non esista un terrestre in grado di “spiegare”, o avvicinarsi alla verità assoluta.

Chi lo sà, magari altri alieni provengono dalla Luna, da Venere, anche se per noi inabitabile per vie delle altissime temperature, o Marte, Giove, Saturno, e così via, tutto può essere. Alcune verità le conoscono solo i governi ombra, quell’élite che agiscono nell’oscurità che sanno, perché si tramandano alcune informazioni strettamente riservate da diverse generazioni. I “furboni” che governano questo pianeta, magari alcuni con la stessa mentalità di quelle antiche civiltà che vissero migliaia di anni fa autodistruggendosi.

Ma ci avete mai pensato – E se tutte queste razze che appaiono nelle abduction non stiano in realtà montando un loro spettacolo facendoci credere di provenire da chissà dove, quando sono “in un certo senso” terrestri anche loro, poiché vivono qui da diversi millenni e non possono interagire se non tramite abduction?

E’ un argomento così complesso che se non si fa attenzione si rischia di andar fuori di testa, considerando tutte le varianti possibili, forse è proprio per questo che alcuni preferiscono dire: Loro sono i cattivi noi i buoni, quindi via dalla nostra vita, dalla nostra mente, o campo energetico.

Di una cosa siamo certi. Qualunque sia la provenienza di questi esseri alieni, sono molto furbi, in grado di alterare la nostra visione di loro e di ciò che ci circonda. Riescono a controllare (almeno fin quando non ce ne rendiamo conto) la nostra mente, probabilmente per via della loro tecnologia, ma non è da escludere che sappiano utilizzare il cervello meglio di noi, quindi hanno sviluppato delle doti psichiche inimmaginabili per un umano terrestre.

Sono talmente bravi che “pare” riescano a fare apparire i loro mezzi sotto forma di nuvole, mongolfiere, aerei, angeli, etc., quindi anche loro potrebbero mostrarsi con una forma differente dalla reale. Questo per farvi capire che Malanga in alcuni casi può aver ragione. Ma fare di tutta l’erba un fascio la vedo una cosa sbagliata e troppo riduttiva.

La mia interazione personale con certi esseri è avvenuta tramite i sogni, per me di sogni si trattava, anche se mi hanno trasmesso emozioni forti. Le mie interazioni più “importanti” sono avvenute con persone dall’aspetto pallido/bianche, una divisa chiara non erano sicuramente colorate, difatti mi è venuto il dubbio di aver vissuto le intere (due) esperienze in bianco e nero. E’ curioso perché nei sogni i colori solitamente li vedo e li riconosco, in queste due occasioni invece sembrava mi trovassi immerso nel bianco, tutto intorno a me era bianco. In tutti e due i casi ricordo la presenza di una donna giovane dai lineamenti delicati, non so dirvi se era bella o brutta (proprio brutta non credo) ad ogni modo, mi trasmetteva tranquillità. In una delle due occasioni mi sono trovato come seduto in una poltrona dove aprendo gli occhi vedo lei indaffarata ad infilarmi qualcosa sul lato destro del corpo un po’ sopra l’appendice per intenderci, e mi ripeteva di stare tranquillo poiché lo faceva per la mia salute. Mentre nell’altra esperienza (ne ho già parlato in passato) ero dentro un velivolo dall’interno bianco anche questo, c’era di nuovo una giovane donna ma questa volta mi aveva attaccato qualcosa dietro la nuca e quando mi resi conto di ciò che stava accadendo volevo andarmene anche se mi sentivo abbastanza confuso (non spaventato). Fin quando una voce maschile interagì con me calmandomi e facendomi notare che se volevo avrei potuto osservare fuori, e fu in quel momento che notai la presenza di un pianeta gigante che io riconobbi come Giove, e pare mi stessero portando (anche se questo è l’ultimo mio ricordo) in una luna che in quel momento vedevo di color nero, e a dirla tutta non c’era la luce del Sole. Questo fatto, tra l’altro, quando mi svegliai mi fece pensare che il grosso pianeta copriva la luce solare. Ripeto, sono state esperienze pazzesche, io le ho sentite come qualcosa di più che un semplice sogno, però la mia parte razionale mi suggerisce che di sogni si è trattato, e non posso pensare diversamente. Non è come un avvistamento, dove ero sveglio e con i miei occhi ho visto strani velivoli (UFO). Qui parliamo di si parla di esperienze che sono al di fuori della mia comprensione, e che per andare sul sicuro preferisco identificare come sogni.

Me ne sono capitate tante altre dove ho visto pianeti e stelle, o semplicemente dove parlavo con esseri dall’apparenza saggia, con tanto di barba bianca per intenderci. Tuttavia, la vera e propria abduction come la intendono i vari ragazzi addotti, non ricordo di averla mai vissuta (fortunatamente?).

Concludo con una frase di Arthur C. Clarke (autore di fantascienza e inventore britannico il quale scrisse il romanzo “Odissea nello spazio”), disse: “Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia.”

Libri consigliati:

loading...

Altri articoli che potrebbero interessarti ...dello stesso autore