Intervista ad un contattista: Alejandro

Jorge1270: Ciao Alejandro, hai detto che cominciasti ad avere contatti da
molto piccolo? A che età precisamente?
Alejandro: E’ difficile darti un’ età esatta, tutto comincio tra gli 8 e i 10
anni.
Jorge1270: Eri piccolo, i tuoi genitori ne erano consapevoli? Erano
preoccupati per te?
Alejandro: Guarda qui ho una cosa curiosa da dire, mio padre non viveva
con noi, però lui era cosciente che io riuscivo a vedere “qualcosa” già da
piccolo. A mia madre anche se glielo dicevo, non si preoccupava era
tranquilla, era consapevole che non sapeva spiegarmi che cosa io vedevo
da piccolo. Mi diceva solo di non aver paura, (al giorno d’oggi non so
ancora se me lo diceva per non avere paura realmente o solo per
tranquillizzarmi).
Quello che mi diceva era, che a volte facevo dei commenti o domande
insolite per un bambino della mia età, per esempio, gli chiedevo spesso il
perché di tanta malvagità nel mondo, della violenza sugli animali, o come
fosse possibile che lo mostrassero in televisione, e non capivo perché se la
gente sa che questo è sbagliato continua a farlo? A volte queste domande
le facevo fermando la gente per le strade, o facevo vedere le immagini in
TV ai miei familiari quando si riunivano. Allo stesso modo la mia condotta
nella scuola primaria è stata sempre tranquilla perché non vedevo
ingiustizie, però mi consideravano un bimbo ribelle.
Da piccolo parlavo sempre di extraterrestri in una forma molto naturale.
Mi domandavo, perché i dottori non chiedono agli extraterrestri la cura
per il cancro o altre malattie? avevo sempre la soluzione per certi fatti,
come quando ti fermano in strada per un’ informazione e tu
istintivamente gli rispondi vai a sinistra o gira a destra.
Ricordo che mia madre diceva a mio padre che questo tipo di domande non
era normale per bimbi della mia età. Sinceramente non so se mia madre
era cosciente di quello che mi succedeva.
Infine per terminare di rispondere più direttamente alla tua seconda
domanda; l’unica paura che aveva di me mia madre era che non riuscissi a
difendermi dagli altri bambini della mia età. Diceva che dovevo imparare
a difendermi. Io non concepivo la violenza fisica con bimbi della mia età,
questo mi costò molto lavoro per assimilarlo.
Alla stessa maniera mio padre mi diceva che dovevo imparare a tirarmi
fuori dalle brutte situazioni che la vita mi presentava, da solo.
Ricordo anche che da piccolo facevo parecchi commenti su Dio, fui educato
con la religione cattolica, però per fortuna mia madre ci diceva sempre di
prendere il lato positivo della cosa, io d’ istinto le dicevo con convinzione
che Dio non castigava perché tutto questo era inventato e non c’era niente
di certo.
A volte facevo i miei commenti su tutto questo senza pormi il problema di
chi avevo davanti, mettendo in difficoltà i miei genitori, però loro hanno
sempre rispettato le mie idee. A parte questo ho avuto una vita infantile
abbastanza allegra e piena di divertimenti. E in fine non ho mai avuto
una brutta esperienza o brutto ricordo con gli extraterrestri.
Jorge1270: Che tipo di contatti hai avuto da piccolo?
Alejandro: Senza alcun dubbio il contatto diretto, anche se allora non
capivo il perché di questo. Mi visualizzavo fluttuando su una strada di
sabbia mentre raggiungevo una cupola di mattoni d’argento, non potevo
fare niente ero immobilizzato riuscivo a mala pena a vedere una luce fuori
dalla mia stanza. Sapevo che erano gli extraterrestri e che tanto poi se ne
andavano. Ricordo anche di essere stato dentro un qualche tipo di
astronave, dentro la quale si poteva vedere tutto l’esterno, mi sentivo
totalmente entusiasta, come quando un bambino guarda fuori dal
finestrino di un aereo o un’ auto. Si vedevano i boschi e gli edifici, fino a
quando all’improvviso mi sentivo come sopra uno scivolo e da questo
scivolo mi ritrovavo improvvisamente nel letto della mia camera. Però
essendo bambino mi godevo l’ esperienza, e mi divertito parecchio ridevo
tanto. Questo è quello che ricordo, arrivavo in camera e dormivo, come
quando ti addormenti in macchina dei tuoi genitori poi ti svegli e sei già a
casa nel letto.
Jorge1270: Quando realmente fusti cosciente di quello che ti stava
capitando? A che età?
Alejandro: Fui realmente cosciente di questa cosa a 33 anni, quando
cominciai a sentire parlare di come si poteva ottenere un contatto, con chi
avrei potuto averlo, o chi mi poteva cercare per ottenerlo. Fu qui che capii
che io ebbi avuto a che fare con dei contatti. Così come compresi che “il
contatto” fu importante per le informazioni che ricevetti riguardo i vari
temi di cui ti parlerò in questa intervista.
Jorge1270: Avevi paura per quello che ti potevano fare?
Alejandro: Non ho mai avuto paura, ansia si, e in qualche maniera un po’
di preoccupazione perché quando avevo tra i 18 e i 20 anni, in città del
Messico dove io vivevo, si parlava poco di queste esperienze, solo in
qualche radio o piccoli programmi televisivi. Tristemente ogni 10
esperienze di cui si parlava, 8 erano riferite ad avvistamenti di OVNI, e le
2 restanti di qualcosa di strano avvistato ma niente di che.
In quegli’ anni esistevano film che parlavano di incontri ravvicinati del
terzo tipo, si parlava del fenomeno abduction e non era ben visto, anzi
metteva paura, facevano capire che noi siamo creature fragili e che siamo
esposte a questo tipo di situazioni e che potevano accadere in qualsiasi
momento.
Jorge1270: Quale fu il primo messaggio che ti fu trasmesso?
Alejandro: Quando comincia ad essere cosciente di quello che mi stava
succedendo, la prima cosa che mi trasmisero fu la storia del pianeta Terra,
perché dissero che è un diritto divino di tutti gli esseri, conoscere il
pianeta sul quale si è deciso di reincarnarsi, la quale ci è stato nascosta
per molto, molto tempo ed io avrei preferito conoscerla, facendomi capire
l’importanza che avrebbe avuto per noi umani, mi dissero che dalla
distruzione di Atlantide e Lemuria questo pianeta non ha più avuto
interventi aperti da razze di altri pianeti. Da quel momento fummo
lasciati liberi di iniziare ad evolverci come razza umana.
Allo stesso modo mi spiegarono chi era che mi contattava quando io ero
piccolo, chi erano e da dove provenivano e facendomi presente che il nostro
pianeta è un essere vivo, il quale ha una sua coscienza e un proposito per
esistere.
Quindi non siamo i soli esseri intelligenti, nel nostro pianeta vivono anche
delle razze sotto terra, come allo stesso tempo vivono anche razze sotto il
mare. Dissero anche che il nostro pianeta è collegato con tutti i pianeti del
sistema solare.
Mi è stata spiegata la situazione attuale del pianeta e del suo cambio
dimensionale che è già cominciato, mi hanno anche fatto presente che ci
sono esseri che ci tengono sotto controllo attualmente, che hanno preso
misure eccezionali per cercare di rimanere il più possibile fino al cambio
dimensionale del nostro pianeta, perché quando avverrà il cambio di
livello di coscienza ( già sta accadendo) sarà impossibile controllare le
persone che vivono qui. Mi hanno spiegato che ci sono persone che
aspettano questo cambiamento sopratutto per quel che riguarda alle
persone che stanno al potere. Mi è stato detto che ci sono esseri, a parte
loro che mi hanno contattato, di altre razze che collaborano con loro,
formando un gruppo o associazione dove ci sono rappresentanti della
razza umana, cioè, umanoidi con la consapevolezza di essere umani
(pleyadiani), creature provenienti dalle razze felini, uccelli, pesci, e tutti
loro formano un gruppo chiamato di forme differenti, però la più
conosciuta è la Confederazione Galattica.
Jorge1270: Secondo loro quale fu la storia del pianeta Terra?
Alejandro: In origine c’erano 3 razze che vivevano sulla Terra, i rettiliani,
dinoidi e i siriani acquatici, queste 3 razze vivevano in armonia, ognuno al
suo posto senza infierire uno con l’altro. Finché gli umanoidi non si
mischiarono con gli umani, così cominciò la nostra evoluzione.
Per prima cosa cominciaste a prendere coscienza per quello che vi era

Rating: 5.0. From 2 votes.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
loading...

2 COMMENTI

  1. questi governatori de anima sfruttano le tue paure .
    esempio se crei un immagine mostrosa dentro di te che ti fa tanto paura la sfrutteranno.
    ricordati che nei tuoi sogni puoi diventare qualsiasi cosa quello che ti cosiglio dai una forma al tuo spirito fatta di , luce e fuoco per difenderti.

    quello che usano di piu contro gli umani piu deboli mentalmente sono i piaceri della vita che sono gli eccessi e abbusi della parte animale per questo .
    per chiudere crescete in perfezione psicofisica date un volto e una forma al vostro spirito e create le vostre difese aumentando il vostro suono. ciao

  2. tutto quello che dici e vero da piccolo e capitato me tutto questo e sono informato sulla cosa per che ho fatto quella strada oscura dentro di me .

    e vero controllano ma possiamo resistere e anche vincere .

    usano le nostre paure contro di noi per controllare il nostro astro per sfuttare la nostra energia .
    come spiegarlo gli umani sono corpo,anima e cervello possiamo fare tante cose ma serve molta dedizione .
    queste entita che sfruttano la nostra energia erano come noi gli serve la nostra energia per far sopravvivere piu allungo il loro astro . esempio la nostra forma universale e come un asteroide e fatto di nucleo, massa ,energia,suono o spirito in fase di
    crescita sei schiavo del tuo governatore come lo chiami tu lui tentera’ di tuttoi per farti sestare nella sua orbita fruttandoti fino a quando sei troppo grande e forte il tuo suono sara’ cosi forte che distuba il suo e allora ti scaccera, non tutti questi governatori usano maniere forti avvolte sei atratto dalla loro orbita e rimani fregato di nuovo.

LASCIA UN COMMENTO