Pulsar Project: rapimenti alieni e controllo mentale, tramite ipnosi, impianti e altre tecniche

Mk-Ultra Project

Agganciandoci al post precedente in cui venivano mostrate alcune razze aliene, sarebbe giusto approfondire l’argomento tirando in ballo un vecchio progetto del governo, il “Progetto Mk-Ultra”.

Prima di iniziare a parlare di questo progetto sarà, vediamo quello che sappiamo riguardo gli UFO, alieni e Governo.

Diverse razze aliene hanno monitorato il processo di genetica umana per millenni. La loro presenza sulla Terra si è intensificata, perché durante il secolo scorso (1900), è iniziato un cambiamento genetico, dapprima lentamente, poi rapidamente. I loro propositi stavano finalmente producendo i risultati da loro sperati, ma la nuova psiche umana tecnologica stava crescendo troppo in fretta e fuori dal controllo alieno. Durante la Prima Guerra Mondiale, la Germania scoprì esseri provenienti dallo spazio esterno, alcuni, dotati di incredibile tecnologia, si spostavano in tutto il pianeta.

Qualche anno dopo, nella Seconda Guerra Mondiale, la combinazione di entrambi gli scienziati giapponesi e tedeschi servì a scoprire un tipo di suono pulsante ad alta e bassa frequenza, che se impostato su una frequenza specifica, era in grado di colpire un’astronave aliena. Erano a conoscenza di questa tecnologia perché alla fine degli anni ’30 la Germania stava testando un dispositivo per esplorare gli strani mezzi in cielo, con l’intento di riuscire a catturarne una, ebbene, ci riuscirono. Recuperarono la nave e da quel momento in poi Hitler ordinò ai suoi scienziati di studiarla per comprendere e poter utilizzare quella stupefacente tecnologia aliena, con il solo ed unico scopo di governare il pianeta.

Cercarono di costruire una nave primitiva in grado di teletrasportare, e anche una potente arma che emetteva un fascio di luce, ma gli alieni non furono d’accordo, con la filosofia tedesca di governare il mondo. Così gli alieni intervennero distruggendo questa tecnologia.

Nel 1946, il generale Doolittle si recò in Scandinavia per indagare sulle accuse dei “Ghost Rockets” che era il termine scandinavo di “dischi volanti (Craft Alien”), poiché vi furono segnalazioni di centinaia di avvistamenti. Poi, nel giugno 1947, furono segnalati degli avvistamenti negli Stati Uniti a Washington, da Mr. Ken Arnold, e il governo si preoccupò molto.

Dopo l’incidente del New Mexico, il governo degli Stati Uniti cominciò a trattare con entità biologiche extraterrestri (EBE). La creazione del MJ-12 è stato prodotto, da un ente governativo all’interno di un governo segreto, per lavorare con, e contro gli alieni. A proposito di altre specie aliene, (più o meno 170 specie diverse, umane, umanoidi e non umani) delle quali, ve ne sono ostili, neutrali e amici, ma ora parliamo del Mk-Ultra Project.

Il Progetto Mk-Ultra è un progetto del Central Intelligence Agency noto per lo studio del “Controllo Mentale”. Molti casi di rapimento che furono segnalati non erano opera degli alieni, nonostante i dispositivi trovati all’interno degli addotti potessero essere una prova di un rapimento alieno, in realtà alcuni erano di origine terrestre.

rapimenti-alieni-pulsar-project

Una risonanza magnetica mostrava impianti intracerebrali, e alcuni investigatori del campo abduction insistevano nel dire che gli impianti dovevano per forza dimostrare il risultato di un rapimento alieno, ma come si diceva prima alcuni di essi erano chiaramente di origine terrestre, inventati nel 1950 dal Dr. José Delgado, (se vi interessa l’argomento, dovreste documentarvi leggendo il seguente libro “Physical Control of the Mind”, ovvero, “Controllo Fisico della Mente”).

E’ stato sperimentato che l’impiego di questi dispositivi di piccole dimensioni, possono cambiare il comportamento di un soggetto attraverso un controllo remoto del cervello. Gran parte di questo lavoro è stato continuato nel Mkultra Sub-Project 95. Delgado sta perfezionando questa tecnica che permetterà lo stesso risultato senza l’uso di procedure invasive.


Dobbiamo anche segnalare che nel 1970, il Dr della UCLA, Louis Jolyon West, uno scienziato associato al progetto Mk-Ultra, voleva aprire un istituto per lo studio del comportamento violento in una base abbandonata, Nike Missile Base, nei Monti di Santa Monica vicino a Los Angeles, California. Questo Istituto avrebbe fornito un ambiente adeguato per poter praticare varie tecniche di controllo mentale, tra cui psicochirurgia, impianti e operazioni di ipnosi programmata.

Le operazioni di sicurezza NR del MJ-12, progetto Mk-Ultra, comprendevano il creare disinformazione, accadevano cose strane agli addotti, molti sembravano essere utilizzati più da umani che da alieni, anche se gli veniva fatto credere il contrario. Probabilmente dietro questa faccenda delle abduction si nascondeva una sorta di spionaggio governativo, appoggiato da alcuni alieni. Inoltre, il governo usava la famiglia e/o gli amici per sorvegliare periodicamente i potenziali testimoni contattati e/o rapiti, per raccogliere i dati.

Questo sistema di raccolta dei dati (grazie al progetto Mk-Ultra) confonde la questione, abbiamo contattati extraterrestri/rapiti e poi abbiamo i nostri contattati/rapiti da parte del governo. I contattati/rapiti dal governo sono a volte indicato come squadre di spionaggio suicide, perché sono considerati dalla commissione, sacrificabili.

Abbiamo impianti alieni, (dispositivi di piccole dimensioni che variano nel formato da 50 micron a 3 mm) e poi gli impianti del Dr. Delgado Mkultra. La motivazione di tutto questo, forse è stata riferita ad un vecchio discorso di Winston Churchill, nella seguente frase:

‘La verità è così importante che deve essere costantemente protetta da guardie del corpo bugiarde’

I Controllori di Affari – Oltre ai casi di rapimento alieno, ci siamo anche concentrati sul problema crescente delle attività di MK-Ultra.

Stiamo parlando del lavoro infame che riguarda gli “impianti-spia” della US Intelligence Community, che sono stati utilizzati a migliaia, forse milioni, per casi di cancellazione della memoria, resistenza ipnotica alla tortura, sieri della verità, suggestione post-ipnotica, rapida induzione di ipnosi, stimolazione elettronica del cervello, radiazioni non ionizzanti, induzione a microonde di voci intracerebrali, e una serie di tecnologie ancora più preoccupanti che sono state utilizzate.

Abbiamo già parlato di alcuni metodi utilizzati per rapire e inserire impianti, qui sulla Terra.

Ora dobbiamo parlare di un altro pericolo, “L’ipnosi a distanza”.

Remote Hypnosis (ipnosi a distanza) – Per eseguire un’ipnosi non è necessario trovarsi fisicamente persona a persona. Per l’addotto, o la vittima del controllo mentale, non è necessario un contatto fisico con l’ipnotizzatore per avere effetto; la trance può essere indotta, sotto suggestione attraverso trasmettitori intracerebrali, gli “impianti”.

[Se posso consigliarvi un bel film, probabilmente il più riuscito in questo genere (a parte l’aspetto degli alieni che poteva ancora essere migliorato, ma va bene comunque), che abbia mai visto fino ad ora è “Dark Skies: Oscure Presenze”, un film che tratta di rapimenti alieni. Riguardo il controllo mentale un film consigliato, se non l’avete ancora visto, che rispecchia secondo me un’amara realtà, è “The Manchurian Candidate” con Denzel Washington]

Alcuni investigatori in borghese hanno imparato ad utilizzare una tecnologia chiamata ‘RHIC-EDOM’. RHIC significa “Radio Hypnotic Intracerebral Control” (Controllo Intracerebrale con Radio Ipnosi), ed EDOM che significa “Electronic Dissolution of Memory” (Scioglimento Elettronico della Memoria). Insieme, queste due tecniche possono indurre una trance ipnotica a distanza, fornire suggerimenti per il soggetto, e cancellare tutta la memoria sia per quanto riguarda gli ordini istruiti che per tutto ciò che è stato eseguito dopo, dal soggetto.

Rating: 4.0. From 16 votes.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
loading...

LASCIA UN COMMENTO