Alieni e razze

In queste due parti si parlerà sostanzialmente degli alieni provenienti dai sistemi stellari di Zeta Reticuli, si accennerà della razza insettoide Ferget Melangus, e degli esseri non fisici conosciuti come i Demoni. Vedremo che dietro tutta questa faccenda è presente una lunga catena dove ogni razza agisce per i propri scopi, abusando di un’altra razza “inferiore”.

Part 3 – September 21, 2005

The Zeta Reticulans already have several slave planets in different galaxies of the Universe

(http://educate-yourself.org/cn/zetainfo16sep05.shtml#top)

Parte 3 (21 Stettembre 2005)

Gli alieni provenienti dai sistemi stellari di Zeta Reticuli hanno già schiavizzato molti pianeti in diverse zone dell’universo. Questi esseri puntano sempre alle civiltà tecnologicamente e spiritualmente inferiori a loro, con l’unico scopo di farli lavorare nel settore minerario. C’è una razza che viaggia sempre con loro, questi vengono chiamati Linenaris Tubilurus. Sono una razza di piccole dimensioni ma sono dotati di corpi forti e resistenti. Questi ultimi sono in grado di resistere meglio l’atmosfera terrestre, riescono a respirare, a differenza degli Zetas che lo possono fare ma solo per un tempo ridotto, per loro l’atmosfera terrestre è velenosa. Quindi sono riusciti a schiavizzare i Linenaris Tubilurus, controllandoli con potenti onde mentali. Hanno la carnagione di colore blu ed effettivamente sono una delle razze responsabili delle abduction, il loro compito è di portare gli esseri umani dentro le navi aliene.

Una volta che gli esseri umani sono dentro le navi, vengono svolti molti esami scientifici anche strani, e se ne occupa una vera e propria equipe aliena medica. Finito il lavoro, viene iniettato un liquido dietro l’orecchio della vittima. Questa sostanza viene estratta direttamente dal cervello degli Zetas ed è in grado di compromettere le aree del cervello umano legate alla memoria a breve termine.

Questo passaggio viene eseguito perché gli esami a cui sono sottoposti gli esseri umani sono intensi, dolorosi e invasivi. Il cervello umano fatica a cancellare del tutto certe esperienze, quindi viene iniettata questa sostanza chimica che in un certo senso, blocca la memoria. Tuttavia, come molti di voi sanno, esiste un modo per ricordare queste brutte esperienze, sto parlando dell’ipnosi regressiva grazie alla quale si possono recuperare certi ricordi. Se i medici dovessero scoprire la chimica di questa sostanza, forse potrebbero creare un antidoto.

Gli alieni di Zeta Reticuli posseggono una specie di fabbrica, in un luogo sconosciuto, dove creano androidi che all’apparenza sono molto molto simili a noi. La loro funzione e quella di essere gli “occhi” degli Zetas.

La persona che scrive questo articolo è americana eppure mi è venuta in mente un’immagine che ho visto parecchie volte da piccolo sui muri delle case, il triangolo con l’occhio in centro e la scritta “Zeus ti vede!”, chissà che non abbia a che fare proprio con questa strana e assurda faccenda… Parlo della fine degli anni Settanta, inizi Ottanta. Ce ne saranno ancora in giro, ma non si vedono spesso come una volta. Quel triangolo non ho mai saputo cosa volesse dire da bambino, eppure era così semplice.. la solita piramide…

E così questi androni, stando a quello che leggo nell’articolo, sono gli occhi degli Zetas (i Grigi, una delle razze). Questi androidi, continua l’articolo, fungono anche da antenne di trasmissione delle loro onde mentali progettate per manipolare e controllare le menti più deboli umane. Tuttavia, nonostante questi androidi siano una copia nostra, non sono perfetti.

Questi androidi non sono altro che cloni e hanno la loro funzione cerebrale limitata, questo è stato pensato preventivamente per poterli controllare meglio, in effetti questi cloni potrebbero anche non sapere di lavorare per una razza aliena. Gli Zetas li controllano grazie ad impulsi neuronali con i quali sono in grado di controllarli.


In realtà non possiamo chiamarli veri e propri cloni, perché non sono la copia fedele di un essere umano, ma sono creazioni uniche rese possibili grazie alla scienza e tecnologia avanzata degli Zetas. Queste creazioni, come spiegheremo in un’altra lettera, sono destinate a fini ancora più sinistri.

Di fatto abbiamo a che fare con umani, uso questo termine perché sono esseri fisici e dotati di intelligenza. Esiste anche una razza di esseri d’oro che non fanno parte della terza dimensione, sono esseri superiori (magari se le persone che ti seguono sono interessate ne possiamo parlare in un’altra lettera), loro non sono fisici ma spirituali.

Nell’ultima lettera parlavo di un alieno Yukonadius che pretendeva che cancellassimo tutti i nostri dati dal computer, in caso contrario mi avrebbe fatto impazzire. Beh, sono stato costretto a farlo perché ricevevo continui attacchi mentali, non so neanche io come ho fatto a non diventar pazzo, forse grazie all’aiuto di mio fratello. Tuttavia, dopo quell’inconveniente decisi di volare in Sud America dove ci sono i nostri studenti (sarà un professore?!) chiesi loro di salvare il salvabile in altri computer. Tramite conoscenze sono riusciti a trovare persone in gamba i quali hanno recuperato la maggior parte dei dati che io credevo ormai persi.

Parte 4 (22 Settembre 2005)

Zeta Reticuliani

Oggetto: Zeta Reticuli (parte finale), seguirà nuovo capitolo su un’altra razza aliena…

Gli Zetas sono implacabili nella loro missione e obiettivi. La loro specie sta attraversando un periodo delicato, in cui è sempre più difficile per loro sopravvivere come specie. Sono una razza priva di organi sessuali quindi si propagano clonandosi. Questa clonazione è andata avanti per così tanto tempo che pare la natura stia cominciando ad ostacolarli nel loro percorso, rendendo più difficile continuare questa pratica. Inoltre, sembra che i loro geni stiano cambiando, ma lo spiegheremo più avanti. I loro corpi possono durare millenni (o più), questo è uno dei motivi che li rende una specie orgogliosa che aspira a diventare divina.

A questo punto, il lettore potrà capire la gravità della situazione che stiamo vivendo oggi, in quanto questi extraterrestri rappresentano la più grande sorpresa per l’umanità. All’inizio, i loro piani erano di lavorare da soli rimanendo nell’anonimato, ma hanno dovuto cambiare tattica dopo che la loro presenza è stata resa più evidente, dal famoso incidente di Roswell, che ha rilevato una delle prove più indiscusse della loro esistenza. Successivamente alcune persone chiave dei governi e organizzazioni sono state incluse nei loro piani, e questa cosa ha funzionato bene, sempre a loro vantaggio.

Non abbiamo indagato a fondo riguardo queste organizzazioni umane e/o gruppi, per non perdere la concentrazione su quello che stavamo facendo. Inoltre, non semplice ottenere informazioni su di loro in quanto hanno molti reparti psichici a loro disposizione. Ma, siamo sicuri che alcune organizzazioni come il NWO e gli Illuminati operano a vari livelli con gli Zetas.

Inoltre, il governo si tiene in contatto con loro, più telepatico che fisico. Il governo ha un gruppo di sensitivi chiamato Omega 12 che sono in contatto e vengono anche impiegati per altri scopi tramite visione a distanza (remote viewing). Il governo ha costruito un edificio speciale di metalli specifici che trasmettono le vibrazioni magnetiche dell’ambiente (probabilmente grazie a tecnologia Zeta), che aumenta tremendamente i loro poteri psichici. (In un’occasione, abbiamo avuto un breve contatto con loro, e ci hanno detto che il governo sapeva, del 9/11, ma non ha fatto nulla.)

Quindi il piano degli Zetas per la conquista coinvolge molte tattiche, tra le quali la realizzazione genetica di malattie e spazzare via grandi porzioni della popolazione. Siamo sicuri che l’AIDS faccia parte di un gran numero di esperimenti che hanno creato e scatenato su di noi. Grazie a Dio l’umanità è stata in grado di controllare questa piaga e fermare la propagazione.

Rating: 4.5. From 2 votes.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
loading...

LASCIA UN COMMENTO