Notizie aggiornamenti cometa Ison, sempre più vicina

Notizie e aggiornamenti sulla cometa Ison, sempre più vicina

La cometa ISON, chiamata anche C/2012 S1 ISON, è una cometa radente e anche una cometa non periodica scoperta il 21 settembre 2012 dal bielorusso Vitali Nevski e dal russo Artyom Novichonok. La scoperta è stata effettuata utilizzando un telescopio riflettore di 0,4 m dell’International Scientific Optical Network vicino a Kislovodsk in Russia. La ISON dovrebbe essere la prima cometa ben visibile dall’emisfero boreale dopo la Hale-Bopp nel 1997.

Al momento della scoperta ISON aveva una magnitudine apparente di 18,8. Questa cometa, al suo primo passaggio al perielio, passaggio particolarmente vicino al Sole, come le altre comete provenienti dalla Nube di Oort non ha finora mai subito stress gravitazionali né shock termici, questo fa sì che potrebbe creare una lunga coda luminosissima facendola diventare circa 100 volte più luminosa di Venere e probabilmente anche più luminosa della Luna. Con una magnitudine apparente negativa sarebbe facilmente visile anche in pieno giorno ma essendo una cometa radente potrebbe disintegrarsi al momento del passaggio al perielio. Tenendo a mente l’estrema imprevedibilità della luminosità delle comete si possono azzardare le seguenti previsioni sulla sua visibilità: dall’agosto 2013 dovrebbe essere visibile con un piccolo telescopio o un binocolo, da fine ottobre/inizio dicembre dovrebbe cominciare ad essere visibile a occhio nudo, rimandendo visibile fino a metà gennaio 2014. ISON potrebbe essere per magnitudine paragonabile alla cometa McNaught del 2007 o alla Grande Cometa del 1680, la cui orbita è talmente similare da far pensare che le due comete si siano originate dalla frammentazione di una preesistente cometa, o alla cometa Lovejoy del 2011. Nelle ore attorno al passaggio al perielio la cometa dovrebbe raggiungere una magnitudine di -13,1[3] portandosi al livello, e forse anche superando, quella della cometa Ikeya-Seki che nel 1965 raggiunse la magnitudine di −10.

image-2510
fonte – Spaceweather clicca x ingrandire

La cometa ISON (C/2012 S1) è attualmente nella costellazione dei Gemelli, tra i capi dei gemelli Castore e Polluce, afferma Chumack (colui che ha scattato la foto dal suo osservatorio privato a Yellow Springs, Ohio. “E ‘ancora piuttosto debole, vicina ad una magnitudine 16, ma non lasciatevi ingannare. Questa potrebbe diventare una delle migliori comete mai osservate”.

Il 28 novembre 2013, volerà attraverso l’atmosfera esterna del sole a soli 1,2 milioni di chilometri dalla superficie della stella. Se la cometa sopravvive all’incontro, potrebbe diventare incandescente e raggiungere una luminosità simile a quella della Luna, sarà visibile nel cielo in prossimità del sole anche in pieno giorno e avrà un colore blu. La coda di polvere della cometa darebbe luogo ad uno spettacolo raro da vedere ad occhio nudo, in piena notte.

ISON sembra così gracile per ora, perché è lontana, attualmente vicina all’orbita di Giove. Più si avvicinerà verso la nostra stella, nei prossimi mesi, più si riscalderà rivelandoci il suo vero carattere. Entro l’estate del 2013, i ricercatori sapranno se le previsioni ottimistiche circa la Cometa ISON sono giustificate. C’è una grande possibilità che questa sia la “Cometa del secolo”.

GD Star Rating
loading...

Lascia un commento..