Notizie astronomia: Nascono nuove stelle nella Via Lattea

Un gruppo di volontari ha studiato attentamente le immagini del telescopio spaziale Spitzer della NASA e ha scoperto più di 5.000 “bolle” nel disco della nostra galassia Via Lattea. Giovani, stelle calde saltellano su queste bolle di gas e altre polveri circostanti, indicando così, delle aree di formazione stellare nuove di zecca.

Nel progetto sono stati coinvolti 35.000 scienziati, ove ognuno di essi analizza dettagliatamente i dati in infrarossi del telescopio spaziale Spitzer, è un progetto che si svolge per lo più on-line.

Foto – NASA/JPL-Caltech/Oxford University

“Questi risultati ci fanno sospettare che la nostra galassia, Via Lattea è molto più attiva di formazione stellare di quanto si pensasse”, riferisce Bressert Eli, uno studente di astrofisica dell’European Southern Observatory, con sede in Germania, e dell’Università di Exeter, in Inghilterra, e co-autore di un documento presentato alle Monthly Notices della Royal Astronomical Society.

“Il disco della Via Lattea è come lo champagne con bollicine sparse dappertutto,” ha detto.

I programmi per computer cercano d’individuare le cosiddette bolle cosmiche. Ma gli occhi e le menti umane fanno anche un ottimo lavoro notando gli archi di anelli “wispy” parzialmente rotti e ambienti dentro cerchi di sovrapposizione di bolle. Il progetto della Via Lattea attinge alla “saggezza delle persone”, richiede che almeno cinque utenti contrassegnano una potenziale bolla prima della sua inclusione nel nuovo catalogo. I volontari segnalano eventuali bolle candidate nelle immagini a infrarossi di Spitzer con un sofisticato strumento di disegno prima di procedere a perlustrare un’altra immagine.

Le bolle contrassegnate dai volontari variano di dimensione, forma e distanza a causa di variazioni locali di nubi di gas. I risultati aiuteranno gli astronomi a identificare meglio la formazione di stelle nella galassia.

Da questo progetto si è giunti alla conclusione che la nostra galassia, Via Lattea è in pieno sviluppo, con la formazione di nuove stelle. Tutti questi nuovi pianeti scoperti e queste nuove stelle che si formano, è nessun vicino si prende la briga e l’educazione di presentarsi 😉

Difficile credere che con tutti questi pianeti scoperti soprattutto negli ultimi anni, siamo i soli esseri viventi umanoidi. Non capisco come ancora oggi molti scienziati neghino l’evidenza, ma questa è un’altra storia.

Fonte – link

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO