Pianeti vagabondi nascono in solitudine

Secondo un nuovo studio non tutti i pianeti extrasolari che viaggiano senza una meta nello spazio, sono stati espulsi dal loro sistema stellare.

La scoperta è stata fatta osservando la Nebulosa Rosetta. Precedenti ricerche hanno dimostrato che ci possono essere fino a 200 miliardi di pianeti che fluttuano liberamente nella nostra galassia, la Via Lattea. Fino ad ora gli scienziati hanno creduto che tali pianeti, che non orbitano attorno a una stella, devono essere stati espulsi da sistemi planetari esistenti.

Tuttavia, osservando delle piccole nubi scure in un punto dello spazio, è saltata fuori un’altra possibilità: Alcuni pianeti che fluttuano liberamente nello spazio si sono formati da soli.

Questa nuova scoperta è avvenuta grazie a un team di astronomi provenienti da Svezia e Finlandia, che ha utilizzato diversi telescopi per osservare la Nebulosa Rosetta, una enorme nuvola di gas e polvere che si trova a 4.600 anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Unicorno, raccogliendo dati su osservazioni nelle onde radio con il telescopio di 20 metri a Onsala Space Observatory in Svezia, in onde submillimetriche con apice in Cile, e in luce infrarossa con il New Technology Telescope (NTT) di La Silla in Cile.

“La Nebulosa Rosetta è la patria di più di un centinaio di queste piccole nubi, noi le chiamiamo globulettes”, afferma Gösta Gahm, astronomo dell’Università di Stoccolma, che ha guidato il progetto. “Queste sono molto piccole, ciascuna con diametro inferiore di 50 volte la distanza tra il Sole e Nettuno. Precedentemente siamo stati in grado di stimare che la maggior parte di loro sono di massa planetaria, meno di 13 volte la massa di Giove. Ora abbiamo misure molto più affidabili di massa e densità per un gran numero di questi oggetti, e abbiamo anche misurato con precisione la velocità con cui si muovono rispetto al loro ambiente”, conclude.

nebulosa rosetta

Questa immagine mostra alcune di queste piccole nubi che si trovano nella Nebulosa Rosetta. Nel riquadro: un’immagine scattata in luce infrarossa mostra alcune delle piccole nubi (globulettes) cerchiate. Immagine di sfondo: Parte della Nebulosa Rosetta. (Fonte: Canada-France-Hawaii Telescope/2003 e ESO/M. Mäkelä)

“Abbiamo scoperto che le globulettes sono molto dense e compatte, e molte di loro hanno nuclei molto densi. Questo significa che gran parte di queste piccole nubi collassano sotto il proprio peso formando pianeti che fluttuano liberamente. I pianeti più comuni che si formano da queste piccole nubi, sono le nane brune”, afferma un membro del team di Carina Persson, astronomo presso Chalmers University of Technology.

Le nane brune, a volte chiamate stelle fallite, sono corpi la cui massa è compresa tra quella dei pianeti e delle stelle. Lo studio dimostra che le piccole nubi si muovono verso l’esterno attraverso la Nebulosa Rosetta a velocità elevata, circa 80 000 chilometri l’ora.

Secondo Gösta Gahm e la sua squadra, le piccole nubi scure vengono espulse fuori dalla Nebulosa Rosetta. Nel corso della storia della Via Lattea, innumerevoli milioni di nebulose come Rosetta sono fiorite e poi svanite. Lo stesso vale per queste piccole nubi che formano i pianeti “vagabondi”.

“Queste piccole nubi rotonde, formano pianeti e nane brune, che successivamente verranno espulse fuori nelle profondità della Via Lattea”, afferma Gösta Gahm, “Ne esistono così tanti, di questi pianeti, che potrebbero essere una fonte significativa di tutti quelli scoperti che fluttuano liberamente, negli ultimi anni”, conclude.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO