Marte potrebbe essere colpito dalla cometa C/2013 A1 nel mese di ottobre del 2014

Una cometa scoperta di recente, C/2013 A1, secondo i calcoli gli scienziati astronomi andrà a sfiorare di il nostro vicino pianeta Marte alla fine del prossimo anno.

Questa volta non è la Terra ad essere a rischio, Secondo i modelli di previsione orbitali preliminari, le cometa C/2013 A1 potrebbe schiantarsi su Marte il 19 ottobre, 2014. Un altro intruso ghiacciato che si pensa provenga dalla Nube di Oort, un luogo non molto distante dal nostro sistema solare contenente innumerevoli miliardi di nuclei cometari.

Marte RosettaMarte osservato dalla sonda Rosetta

Non sarebbe la prima volta che pianeti del nostro sistema solare vengano colpiti da comete, ( ricordiamo La Cometa Shoemaker-Levy 9 che è divenuta famosa perché è stata la prima cometa ad essere osservata durante la sua caduta su un pianeta.) Giove e Marte, in particolare, sono stati colpiti da comete in passato.

Si ritiene che gli oceani si siano creati grazie all’acqua erogata dalle comete, in sostanza, grazie a questi impatti cometari è presente la vita in questo ecosistema cosmico.

La cometa C/2013 A1 è stata scoperta il 3 gennaio 2013 da Robert H. McNaught a Siding Spring Observatory con il telescopio Schmidt di 0,5 metri (20 pollici). Al momento della scoperta la cometa si trovava a 7,2 UA dal sole.

cometa c2013a1Fonte – http://transientsky.wordpress.com/tag/comet-bressi/

I dati sono stati analizzati in Australia dall’Osservatorio di Siding Spring.  Gli astronomi del Catalina Sky Survey in Arizona, osservando bene i dati della cometa, hanno tratto le seguenti conclusioni.

La cometa C/2013 A1 passerà ad una distanza ravvicinata da Marte, pari a 0,00073 UA (Unità Astronomiche), equivalenti a circa 109,200 km, il 19 ottobre 2014. Secondo gli esperti è da escludere una collisione con il pianeta rosso, ma se si sbagliassero per una qualche ragione, l’impatto della cometa C/2013 A1 su Marte, avverrebbe ad una velocità di 56 km al secondo con una potenza di 20 milioni di megatoni creando un cratere di 500 km di diametro.

Secondo quel che ci viene mostrato dalla NASA, non sarebbe così grave, visto che il pianeta è un ammasso di deserto, l’unico rischio sarebbero i rover Curiosity e Opportunity.

Comunque per il 19 ottobre 2014 la sonda spaziale MRO Orbiter della NASA sarà in grado di catturare immagini in alta risoluzione della cometa C/2013 A1, anche perché avrà una luminosità della magnitudine di 8, facendola sembrare apparente stella.

Dati cometa C/2013 A1 – http://ssd.jpl.nasa.gov/sbdb.cgi?sstr=C/2013%20A1;orb=1;cov=0;log=0;cad=1#cad

Fonte articolo originale  – http://astroblogger.blogspot.it/2013/02/will-comet-c2013-a1-siding-spring-hit.html

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO