Kepler scova altri tre pianeti

La missione Kepler della NASA trova altri tre pianeti extrasolari più piccoli della Terra

Gli astronomi utilizzando i dati di missione Kepler della NASA hanno scoperto i tre pianeti più piccoli, sono stati rilevati con un’orbita attorno ad una stella oltre il nostro sole. I pianeti orbitano una stella singola, chiamata KOI-961, e sono 0,78, 0,73 e 0,57 volte il raggio della Terra. Il più piccolo ha le dimensioni di Marte.

Si pensa che tutti e tre i pianeti siano rocciosi come la Terra, ma la loro orbita è molto più vicina alla loro stella. Il che li rende troppo caldi per essere nella zona abitabile, che è la regione dove può esistere acqua allo stato liquido. Degli oltre 700 pianeti confermati, in orbita ad altre stelle – chiamati esopianeti – solo una manciata di essi sarebbero rocciosi.

Foto – credit: NASA/JPL-Caltech

 

“Gli astronomi grazie a Kepler, hanno appena iniziato a confermare migliaia di pianeti candidati”, ha dichiarato Doug Hudgins, del programma scientifico Kepler della NASA, Washington. “Trovarne uno piccolo come Marte è incredibile, la scoperta suggerisce che ci può essere un grosso numero di pianeti rocciosi intorno a noi.”

Foto – credit: NASA/JPL-Caltech

Kepler è in cerca di pianeti grazie al costante monitoraggio di oltre 150.000 stelle, alla ricerca di buchi rivelatori nella loro luminosità provocate dalla traversata, o in transito, di pianeti. Occorrono almeno tre transiti intorno alla propria stella per essere considerati pianeti. Le osservazioni da telescopi terrestri inoltre, sono necessari per confermare le scoperte.

L’ultima scoperta viene da un team guidato da astronomi del California Institute of Technology di Pasadena. Il team ha utilizzato dati pubblicamente rilasciati dalla missione Kepler, insieme alle osservazioni dell’Osservatorio di Palomar, vicino a San Diego, e il WM Keck Observatory sulla cima di Mauna Kea alle Hawaii. Grazie alle loro osservazioni, si sono potute diminuire dtrasticamente le dimensioni, originariamente stimate dei pianeti.

I tre pianeti sono molto vicini alla loro stella, impiegano meno di due giorni per completare un’orbita intorno ad essa. KOI-961 è una stella nana rossa con un diametro di un sesto di quella del nostro sole, che la rende solo il 70 per cento più grande di Giove.

“Questo è il più piccolo sistema solare scoperto finora”, ha dichiarato John Johnson, il ricercatore principale della ricerca di NASA Exoplanet Science Institute presso il California Institute of Technology di Pasadena. “In realtà è più simile a Giove e le sue lune in scala, rispetto a qualsiasi altro sistema planetario. La scoperta è un’ulteriore prova della diversità dei sistemi planetari nella nostra galassia.”

Le Nane rosse sono il tipo più comune di stelle nella nostra galassia Via Lattea. La scoperta di tre pianeti rocciosi circa una nana rossa suggerisce che la galassia potrebbe essere piena di pianeti rocciosi simili.

“Questi tipi di sistemi potrebbero essere onnipresenti nell’universo,” ha dichiarato Phil Muirhead, autore del nuovo studio di Caltech. “Questo è un momento davvero emozionante per i cacciatori di pianeti”.

La scoperta segue una serie di pietre miliari recente per la missione Kepler. Nel dicembre del 2011, gli scienziati ha annunciato il primo pianeta confermato dalla missione, che si trova nella zona abitabile di una stella simile al Sole: un pianeta 2,4 volte le dimensioni della Terra, chiamato Kepler-22b. Nel corso del mese, il team ha annunciato la scoperta dei primi pianeti di dimensioni simili alla Terra che orbitano attorno ad una stella simile al Sole, al di fuori del nostro sistema solare, chiamati rispettivamente Kepler-20e e Kepler-20f.

Nell’ultima scoperta, il team ha ottenuto le dimensioni dei tre pianeti chiamati KOI-961,01, KOI-KOI 961,02 e 961,03, con l’aiuto di una ben studiata stella gemella KOI-961, o stella di Barnard. Attraverso una migliore comprensione della KOI-961 stelle, hanno poi potuto determinare quanto fossero grandi i pianeti. In aggiunta alle osservazioni di Kepler e di terra a base di misurazioni del telescopio, il team ha utilizzato tecniche di modellazione per confermare le scoperte dei pianeti. Fonte – link

Prima di questi pianeti, solo altri sei pianeti erano stati confermati utilizzando i dati di Kepler e telescopi terrestri.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO