Rilevata la risonanza di Schuman dallo spazio

In ogni momento circa 2.000 temporali si abbattono sulla Terra, producendo circa 50 fulminazioni al secondo. Ogni fulmine genera onde elettromagnetiche che iniziano a girare attorno alla Terra con uno spessore compreso tra superficie terrestre e 96 chilometri di quota. Alcune delle onde si combinano, aumentando in forza, per creare quello che sembra un battito del cuore, noto come risonanza di Schumann.

Questa risonanza fornisce uno strumento utile per analizzare il clima della Terra, il suo ambiente elettrico, e per determinare quali tipi di atomi e molecole siano presenti nell’atmosfera terrestre, ma fino ad ora erano stati osservati soltanto dal basso. Ora, uno strumento di misura dei campi elettrici (VEFI) a bordo della US Air Force Communications / sistema di navigazione Interruzione Forecast (C / NOFS) della NASA, ha rilevato la risonanza di Schumann dallo spazio.

Una vera e propria sorpresa, dal momento che gli attuali modelli di risonanza di Schumann prevedono che queste onde dovrebbero essere intrappolate a quote più basse, tra il suolo e uno strato di atmosfera terrestre chiamato ionosfera. “I ricercatori non si aspettavano di osservare queste risonanze nello spazio“, afferma Fernando Simoes, uno scienziato del NASA Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland “Ma si scopre che l’energia è fuoriuscita apre molte altre possibilità, fino allo studio del nostro pianeta dall’alto “. Simoes è il primo autore di un articolo su queste osservazioni che è apparso online sulla rivista Geophysical Research Letters il 16 Novembre scorso e che apparirà nella pubblicazione cartacea nel mese di Dicembre. Egli spiega che il concetto di risonanza in generale è abbastanza semplice: aggiungendo energia al momento giusto aiuterà ogni dato fenomeno a crescere.

Le onde create da un fulmine non sono naturalmente visibili come le onde dell’oceano, ma oscillano con le regioni di maggiore e minore energia. Queste onde rimangono intrappolate all’interno di un soffitto in atmosfera creato dal bordo inferiore della “ionosfera” – una parte dell’atmosfera piena di particelle cariche, posta a circa 96 chilometri verso il cielo. In questo caso, il punto dolce per l’onda di risonanza richiede di essere lungo la circonferenza della Terra. Si tratta di un’onda a frequenza estremamente bassa che può essere di soli 8 hertz (Hz) – un centinaio di migliaia di volte inferiore alla frequenza più bassa delle onde radio utilizzate per inviare segnali alle nostre radio AM / FM. Mentre questa ondata scorre attorno alla Terra, essa colpisce nuovamente il luogo ideale in modo tale che le creste e le depressioni siano allineate. Et voilà, le onde agiscono in risonanza con le altre per pompare il segnale originale.

Renzo Mondaini, nel seguente video, spiega un semplice metodo per rilevare la risonanza Schumann, un’onda elettromagnetica avente la frequenza di circa 8 Hertz, con relative armoniche, che alimentata dalle scariche dei fulmini, si propaga rimbalzando fra la terra e la ionosfera.
Si rileva con la scheda audio del PC, collegando un filo alla presa microfono, il filo va attaccato con del nastro adesivo al coperchio del quadro elettrico dell’appartamento.
In questo modo si rileva la frquenza di 50 Hertz, con sovrapposte le risonanze di Schumann, in quanto i fili della corrente elettrica lunghi chilometri, fanno da antenna per questi deboli segnali della natura.
Alcuni ritengono che potrebbero fare da precursori dei terremoti.
Evitate nel modo più assoluto di collegare direttamente il filo alla presa di corrente, vi è il pericolo di MORTE. Si riceve bene anche solo avvicinando il filo alle scatole dove transitano i cavi elettrici.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO