Il significato del numero 7

Il significato del numero 7

Anticamente i Saggi attribuivano un’alta idea di perfezione al Settenario; gli antichi Greci lo chiamavano soptas o Venerabile. Cicerone, iniziato alla scienza dei numeri, assicura nel «Sogno di Scipione» che non c’è quasi alcuna cosa, di cui questo numero non sia la radice. Macrobio è dello stesso avviso, perché nella filosofia numerica il numero 7 era considerato come nodo, legame delle cose. Questo numero simboleggia il grado di Maestro che nella primitiva Massoneria raccoglieva tutte le cognizioni che potevano giovare al genere umano. Secondo il «Timeo» di Platone, l’origine dell’anima del mondo è rinchiusa nel 7. I pianeti erano in numero di 7, la luna, che occupava il 7° posto in queste sfere, era sottomessa all’influsso del 7° numero; la sua rivoluzione si compie in 28 giorni, totale della addizione dei primi sette numeri; essa offre quattro principali fasi di 7 giorni ciascuna. Anche l’Oceano cede alla potenza del numero 7, perché prova, nell’innalzamento e nell’abbassamento delle sue acque, l’influenza delle fasi della luna. Dal settenario sono regolate le serie della vita umana: il fanciullo può vivere di sette mesi; dopo sette volte 7 giorni esso guarda fisso gli oggetti; a sette mesi comincia la sua prima dentizione; a 7 anni, l’età della ragione, i suoi denti sono rimpiazzati da altri; a 14 anni (due volte 7), entra nella pubertà; a 21 anni (3 volte 7) egli raggiunge la maggiore età legale o convenzionale, è interamente fatto, ed è in diritto di credersi un uomo; a 35 anni (5 volte 7) egli è nella pienezza della sua forza muscolare; a 49 anni (7 volte 7) egli raggiunge il limite del suo sviluppo intellettuale, ma a 63 anni (9 volte 7) c’è il fatale anno climaterico, che uccide tante brave persone, che sarebbero disposte a vivere più a lungo. L’uomo conta 7 organi interni: la lingua, il cuore, il polmone, il fegato, la milza, e due reni; 7 sostanze formano lo spessore del corpo, dal centro alla superficie: il midollo, le ossa, le vene, le arterie, i nervi, la carne e la pelle. L’uomo ha 7 mezzi per sentire: la bocca, gli occhi, le narici, gli orecchi; infine i movimenti esteriori del corpo umano sono 7: esso va in avanti, indietro, sulla destra, sulla sinistra, verso l’alto, verso il basso, intorno sé stesso; ha 7 delizie della vita, la salute, il riposo e i cinque sensi, quattro dei quali hanno nella testa la loro sede di funzionamento; sette passioni, utili, quando siano moderate, e mortali, quando vengano usate senza restrizione.

Il Sette, nella creazione delle cose per forza dei numeri, era il numero architettonico per eccellenza, il numero del Demiurgo, di Minerva; doveva, per conseguenza divenire il numero sacro della Maestranza massonica.

Di tutte le particolarità del numero 7, non ce n’è alcune che abbia fornito tanti simboli, quanti quelle che si riferiscono all’insieme del sistema planetario, ai 7 pianeti, alle loro 7 porte che hanno il nome dei 7 metalli, alle 7 pleiadi, alle 7 stelle della grande e della piccola orsa, ai 7 trioni, donde settentrione. In questo senso specialmente possiamo dunque anche comprendere: i 7 altari sui quali si immolava per propiziarsi il favore dei Numi – Le 7 vittime per far discendere i geni nulla terra. – I 7 ordini del mondo. – Le 7 intelligenze celesti. – I 7 cieli degli Orfiti. – I 7 Dei planetari degli Indi. – I 7 anelli profetici dei Bramini. – I 7 Kamis, principi o spiriti celesti, dei Giapponesi. – Le 7 classi degli angeli dei Siamesi. – I 7 Amschaspandi, compagni di Mitra. – I 7 gradini della scala nei misteri mitriaci. – I 7 piloti di Osiride, il cui regno durò 4 volte 7 anni (28, numero lunare). – I 7 giorni genetliaci di Api in Egitto. – I 7 ministri del supremo Dio presso Api in Egitto. – I 7 ministri dell’Ente supremo, Dio, nella Teogonia dei Persiani. – I 7 idoli dei Bonzi. – Le 7 camere di Moloch. – Le 7 teste di Amida. – I 7 figli di Rea. – Le 7 figlie di Astarte. – Le 7 figlie e i 7 figli di Anfione e Niobe. – Le 7 porte del tempio del sole a Eliopoli. – Le 7 torri risuonanti dell’antica Bisanzio. – I 7 scalini del tempio dei destini. – Le 7 tavolette del loro libro. – I 7 Ciclopi. – I 7 titani: Briareo, perdita della serenità; Oto, diversità delle stagioni; Efialte, grande ammasso di nubi; Encelado, inondazione di acque straripate; Parfirione, frattura della terra; Mimas, le grandi piogge; Roto, il vento. – I 7 giorni della creazione secondo la Bibbia. – I 7 giorni della settimana, I 7 sacramenti dei cattolici. – Le 7 beatitudini. – I 7 animali profetici. – I 7 cherubini. – I 7 arcangeli dei Caldei e dei Giudei. – I 7 Eoni degli Gnostici. – Le 7 donne di Esther. – Le 7 paia di animali nell’arca di Noè. – I 7 mesi della durata del diluvio. – I 7 gradini (sfere) della scala di Giacobbe, imitati nella scala mitriaca. – I 7 giorni consacrati dagli Ebrei a piangere la morte di Giacobbe. – Le 7 vacche grasse e le 7 magre spiegate da Giuseppe. – I 7 flagelli dell’Egitto. – I 7 giri di Giosuè intorno alla città di Gerico. – I 7 squilli di tromba dei Leviti per abbattere le mura di Gerico. – I 7 giorni della festa dei Tabernacoli. – I 7 mesi della costruzione del tabernacolo. – Le 7 ore (mesi) durante i quali Adamo ed Eva rimasero nel Paradiso terrestre. – I 7 giorni durante i quali i Galli, sacerdoti di Cibele, si proibirono l’entrata nel tempio di lei. – I 7 anni impiegati nella costruzione del tempio di Salomone. – Le 7 branche (sfere) del famoso candelabro. – Le 7 vocali che pronunciavano gli antichi sacerdoti, invocando i 7 pianeti. – Le 7 città del cielo degli Scandinavi. – Le 7 note musicali: do (o ut), re, mi, fa, sol, la, si. – I 7 toni dell’armonia. – I 7 buchi nel flauto di Pane. – Le 7 stelle sul suo petto. – Le 7 corde della lira, perciò detta lira a sette toni. – I 7 colori principali: rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, indaco, violetto. – I 7 metalli degli antichi: oro, argento, ferro, rame, mercurio, piombo, stagno. – Le 7 arti liberali. – I 7 recinti del tempio di Salomone. – I 7 occhi del Signore. – Le 7 colonne della sua casa. – I 7 anni della fuga di Gesù in Egitto. – Le 7 parole che Gesù pronunciò sulla croce. – I 7 dolori della Madonna. – I 7 peccati capitali. – I 7 salmi della penitenza. – Nell’Apocalisse: le 7 stelle che il figlio dell’uomo tiene nelle sue mani, le 7 chiese, i 7 candelabri, i 7 agnelli, i 7 suggelli, le 7 trombe, i 7 lampi, i 7 tuoni, le 7 teste del drago, i 7 corni, i 7 occhi dell’agnello – Le 7 volte che Nauman, per ordine d’Eliseo, si tuffò nel Giordano per guarire dalla lebbra. – Le 7 volte 10 anni dopo Gesù Cristo, epoca nella quale Gerusalemme fu distrutta. – Le 7 settimane, o 7 volte 7 giorni dalla Pasqua alla Pentecoste. – I 7 garzoni e le 7 donzelle che Minosse esigeva come vittime. – I 7 giri che si facevano fare alla vacca sacra nell’Egitto. – I 7 giri che si facevano fare alla vacca rossa nella Giudea. – I 7 anni, dopo i quali l’oracolo di Memmone annunciò la presenza di Dio. – I 7 anni, dopo i quali aveva luogo la septeria, festa dei delfini, in onore di Apollo. – I 7 movimenti della terra, producenti ciascuno fenomeni particolari. – I 7 precetti (i Noachidi) dati da Noè ai suoi figli. – I 7 canali del lago Moèris. – Le 7 bocche del Nilo. – Le 7 isole Ionie. – I 7 quartieri di Gerusalemme. – I 7 circuiti di Ecbatana. – Le 7 caste indiane ed egiziane. – I 7 giri nel gioco del circo. – I 7 colli di Roma: Palatino, Quirinale, Aventino, Capitolino, Celio, Viminale, Esquilino. – I 7 sapienti della Grecia: Talete di Mileto, Pittaco di Mitilene, Biante di Priene, Cleobulo di Lindo, Misone di Khene, Chilone di Sparta, Solone di Atene. – Le 7 stelle dell’orsa. – I 7 capi o eroi che si segnalarono a Tebe che Eteocle, per scherno ai giuramenti, governava al di là del tempo convenuto. Questi 7 capitani erano: Polinice, Adraste, Tideo, Anfiarao, Ippomedone, Partenopeo, Capaneo, che perirono tutti, fuorché Adraste. Su questo soggetto Eschilo compose la tragedia intitolata: «I sette a Tebe». – I 7 Magistrati o septemviri Romani. – I 7 re egiziani, l’ultimo dei quali, Tifone, fu detronizzato. – I 7 monarchi cinesi, l’ultimo dei quali, Tebi, fu detronizzato. – I 7 Re di Roma, l’ultimo dei quali, Tarquinio, fu detronizzato. – I 7 Principi Elettori, stabiliti nel 1292, al tempo dell’elezione di Adolfo di Nassau, che avevano il privilegio di eleggere l’Imperatore. – La guerra dei 7 anni, dal 1756 al 1763, che agitò l’Europa intera; la Francia vi perdé tutto il Canada e vi perirono un milione di soldati.

numeri

Questa cosa dei numeri che si ripetono ciclicamente, la trovo molto interessante anche se qualcuno (come l’autore che ha inserito questa lista nel suo libro) sostiene che non significa sostanzialmente un bel niente – casualità. Contrariamente, credo che i numeri (almeno alcuni) rappresentino qualcosa in ognuna delle nostre vite, non posso pensare che si tratti semplicemente di casualità.

[Nota: L’autore non usa il termine “casualità”, tuttavia afferma quanto segue: “Ce n’è davvero abbastanza! Stravaganze sono queste e puerilità, le quali possono rivelare un certo ingegno e una certa cultura, ma che, naturalmente, non hanno alcuna importanza! Si potrebbero riempire cinquanta volumi di queste e simili sciocchezze. Eppure molti trattatisti vi si fermano e vi si compiacciono! Beati loro! e beatissimo l’amico Ragon che ne è duce e maestro!”]

Dicevo che i numeri devono pur significare qualcosa. Giusto per fare qualche esempio, durante il corso della mia vita mi si sono presentati spesso questi numeri 3 – 13 – 21, per non parlare dell’interesse che ho sempre avuto per il numero 7, appunto. Per esempio sono stato battezzato il 17-7-77, e ovviamente non è stata una mia scelta. 😉 Quando un giorno, chiesi a mia madre perché avesse scelto quella strana combinazione di numeri, mi rispose semplicemente che le piaceva il numero 7. In effetti ammetto che il 17 non mi ha mai portato sfortuna (forse perché non ho mai creduto in certe superstizioni), in compenso c’è una serie di numeri (variano a seconda del periodo/mese) che sostituiscono egregiamente tale numero, questi sono il 21-22-23-24-25. Credo che quando arriverà il mio momento, ossia quando lascerò questo mondo, avverrà in uno di questi giorni perché tutte le volte che ho passato una giornata negativa, ricevuto una brutta notizia, ecc., mi trovavo in uno di quei giorni. C’è stato un periodo (parecchi anni fa) che stava quasi diventando una fobia, tant’è che rimanevo volentieri a casa evitando anche il lavoro. Dopo poco tempo però ho capito che un comportamento del genere sarebbe stato più dannoso che costruttivo, per cui decisi di vivere quei giorni serenamente, in ogni caso non posso farci nulla. Non ho il potere di cambiare le cose, l’unica cosa che posso fare è prestare molta attenzione, alzando magari il mio abituale livello di allerta.

È vero che il numero 7 per me è importante, anche se non so dire per quale ragione (forse perché è presente nella mia data di nascita e battesimo), infatti si tratta di una sensazione oserei dire “sanguigna” (passami il termine), so che è importante ma probabilmente non a livello personale, credo che il numero 7 rappresenti in qualche modo la vita. D’altro canto in numerologia si dice che tale numero viene collegato molto spesso alla spiritualità, all’intuizione, saggezza interiore, ecc.

Tuttavia uno dei maggiori numeri che mi si è presentato in diverse occasioni nel corso della mia vita è senza ombra di dubbio il 13 (anche il 3). È sempre stato così presente che ad un certo punto o iniziato a prenderlo seriamente in considerazione, cercando di decifrarlo. Questo numero rappresenta (almeno per me) una novità/notizia, un cambiamento, ma ahimè la notizia/cambiamento può essere positiva/o negativa/o. Giusto per fare qualche esempio, quel giorno sono partito per andare a vivere all’estero. In diversi alloggi che ho cambiato durante la mia permanenza il numerino della porta era spesso e volentieri il 13 e si trovava al 3° piano (3 alloggi su 4). Ho vissuto dei bei momenti in quegli anni. Ma 113 è anche il reparto (credo si chiami in questo modo) del cimitero dove si trova una persona cara, e 3 era la stanza che l’ha ospitata negli ultimi suoi giorni di vita. Adesso che ci penso, mi pento di non essermi appuntato da qualche parte tutte le vicende legate al numero 13, so che sono diverse ma a quanto pare il mio cervello ha registrato solo quelle emotivamente più importanti (ho un vuoto in questo istante).

Un’altra curiosità è legata al numero 33, nel profondo ho sempre saputo fin da piccolo che a quell’età doveva accadere “qualcosa”, per giunta ho una fotografia dove mi trovo con quella “cara persona” che indossava una maglietta con il numero 33. Sarà una delle tante coincidenze, ma quando ho compiuto 33 anni dopo solo due mesi è passata a miglior vita.

Ho già parlato in altre occasioni del numero 3. Lo stesso autore del libro da cui ho preso le informazioni che riguardano il numero 7, ha stilato una lunga lista di circa 6-7 pagine sul numero 3 che non inserisco per ragioni di spazio.

Ho inserito certi esempi e, “accennato” qualcosa su certi episodi, perché sono convinto che i numeri sono molto più importanti di quel che si pensa. Certo non devono diventare un’ossessione, ad ogni modo credo che tutti noi dovremmo prestare attenzione, anche nella vita quotidiana, perché in qualche modo “questi” si presentano per indicarci qualcosa, gran parte delle volte sono portatori di messaggi. Ovviamente non è semplice decifrarli soprattutto quando si è indifferenti, o poco attenti. Chissà quante volte si presenta lo stesso numero durante una giornata ma non c’è ne accorgiamo perché siamo presi da altre cose. è probabile che una volta imparato a decifrare determinati numeri, siamo in grado di conoscere un pezzetto del nostro futuro.

I numeri sono un po’ come i simboli dei nostri sogni. A prima vista possono non significare nulla, ma una volta decodificati potremmo rimanere stupiti dai messaggi premonitori che contengono.

Fonti: Il libro del vero massone.

Lettura consigliata -> L’universo matematico. La ricerca della natura ultima della realtà.

 

loading...

Altri articoli che potrebbero interessarti ...dello stesso autore

lascia un commento
(javascript deve essere abilitato)