Risposte alle domande sul processo creativo.

Cosa si può fare se una persona non è capace di creare un’immagine mentale viva quando utilizza la tecnica dell’immaginazione creativa?

Formare un’immagine mentale viva non è altrettanto importante quanto avere la consapevolezza, unitamente ad un senso di sicurezza, del fatto che ciò che si desidera sia già
un fatto compiuto. Come ti sentirai quando il tuo scopo o il tuo obiettivo sarà raggiunto? Dalla parte interiore di te stesso crea quella sensazione, unitamente a sentimenti di libertà, felicità e
gratitudine. Immagina una situazione che confermerà il tuo successo. Quali saranno i tuoi pensieri? Pensa in quel modo. Come agirai? Dopo la tua sessione di pratica, agisci in quel modo.

Quante volte si deve utilizzare la tecnica per scopi specifici?

Deve essere utilizzata fino a che la consapevolezza e la convinzione di ciò che si immagina non sono fermamente stabili. Quando gli obiettivi sono stati raggiunti, la ripetizione non è necessaria. Se usi l’immaginazione per cambiare il tuo stato mentale, o il tuo stato di consapevolezza, mantieni questi stati. Se la usi per raggiungere obiettivi o per creare e attrarre circostanze ideali, abbi fede e lascia che gli eventi esteriori abbiano luogo. Sii ricettivo alla fortuna non pianificata che può essere – e sarà – tua. Più aprirai te stesso alla vita, più la grazia di Dio sarà evidente. Se fluirai con le inclinazioni innate di espressione della vita, non sarà necessario sederti nel silenzio per praticare l’immaginazione creativa. In ogni momento in cui un pensiero sorgerà a proposito di possibilità che avranno un valore per te, accetterai immediatamente il risultato e la vita stessa provvederà. Sarai consapevole di diventare più cosciente a livello cosmico, capace di comprendere la completezza della vita e il tuo ruolo nei suoi processi. Mentre il tempo passa, quando metterai a confronto il modo in cui starai pensando e le sensazioni che avrai, rispetto a come pensavi, agivi e sentivi precedentemente, sarai grato per i progressi fatti. Realizzerai a quel punto che la tua consapevolezza non sarà più ordinaria o annebbiata da condizionamenti che in precedenza la modificavano.

Si può immaginare di raggiungere più scopi od obiettivi durante una sessione o devo concentrarmi su una cosa per volta?

Se hai un desiderio o un bisogno specifico, focalizza la tua attenzione su di esso. Quando la tua consapevolezza è più chiara e le tue capacità sono allargate, immagina e senti che tutte le
circostanze nella tua vita sono ideali. Coltiva pace, allegria e ottimismo. Quando sei in questi stati puoi vedere opportunità che prima non ti erano visibili ed essere in grado di pensare ed
interagire in modo più efficace. Evita di pensare a motivazioni secondo le quali non puoi essere liberamente funzionale. Non prestare attenzione a pensieri e sensazioni di limitazione o
inettitudine. Non lasciare che ricordi di fallimenti passati ti influenzino e non mantenere la tua attenzione a lungo su di essi. Dimentica le opinioni negative che qualcuno può avere espresso
su di te. Sei un essere spirituale dotato di potenziale illimitato. Vai avanti con la tua vita. Considera il vivere come una grande avventura. Sii interessato nelle possibilità di imparare,
compiere e raggiungere. L’entusiasmo è la prova del tuo apprezzamento per la vita e il vivere. Apatia e disinteresse indicano un’inclinazione verso la morte. Non potrai mai morire. Puoi solo
essere temporaneamente incosciente. Preferire l’incoscienza all’essere pienamente cosciente è sinonimo di immaturità emotiva. Prima di poter sperimentare la crescita spirituale e di vivere la
vita nel modo giusto, devi avere voglia di crescere e di diventare emotivamente maturo. Solo a quel punto sarai arrivato e liberamente funzionale.

E’ giusto usare l’immaginazione per attirare cose materiali?

Non c’è separazione tra le realtà materiali e spirituali. Le cose materiali sono formate dall’energia della coscienza. Desidera avere ciò di cui hai bisogno, acquisiscilo compiendo le
giuste azioni e utilizza l’immaginazione per attirare le circostanze e gli eventi di supporto. Qualsiasi cosa di cui tu abbia bisogno per il tuo benessere è per te disponibile da riconoscere e
accettare. Evita di pensare e comportarti in maniera egocentrica. Nutri le tue qualità divine innate. Medita nel silenzio fino a che non sarai stabile nella cosciente consapevolezza della tua
vera natura e del tuo rapporto con l’infinito. Medita “in Dio”. Senti di essere una bolla di consapevolezza nell’oceano della coscienza infinita. Evita persone egocentriche o che non sono
sinceramente interessate ad imparare a vivere come esseri spirituali illuminati. Sii gentile, veritiero e onesto. Disciplina pensieri e azioni. Concentrati sull’essenziale e lascia da parte ciò
che non ne fa parte. Pensa a ciò che è più importante per te e focalizza su quello la tua attenzione. Sei in questo mondo per raggiungere quattro scopi della vita, ossia:


Utilizzare in modo efficace conoscenza e capacità, in relazione ai processi ordinati della natura. In questo modo farai quello che sei più qualificato a fare e saprai di essere nel “giusto posto” nel cosmo.
Soddisfare facilmente i tuoi desideri per migliorare la vita. Impara a farlo attraverso il saggio utilizzo dell’immaginazione creativa.
Avere risorse abbondanti per i tuoi bisogni, per quelli delle persone di cui sei responsabile e per permetterti di raggiungere scopi di valore.
Risvegliarti attraverso gli stadi di crescita spirituale fino a che non sarai completamente illuminato.

Stabile nella consapevolezza del Sè e nella conoscenza della completezza della vita, pensa in modo razionale e compi azioni efficaci. Ricorda che la piena realtà di Dio include (anche)
questa dimensione materiale.

Dovrei tenere per me quello che immagino o posso condividere i miei sogni e speranze con altri?

Mantieni privati i tuoi fatti personali. Parlarne con altri dissiperà le tue energie fisiche e mentali, distrarrà la tua attenzione, indebolirà la tua concentrazione e potrà invitare opinioni e
commenti negativi non richiesti. Lascia che il risultato del tuo lavoro interiore sia la prova esteriore della tua dedizione ad esso. Puoi discutere i progetti che coinvolgono altre persone
che sono possibiliste e che lavoreranno costruttivamente con te. In questi sforzi, assicurati che tutte le persone coinvolte abbiano gli stessi obiettivi e siano orientate al successo.

Qual è la differenza tra il processo immaginativo e la preghiera in materia di desideri realizzati o bisogni soddisfatti?

Le procedure sono simili. La preghiera efficace e la pratica corretta dell’immaginazione creativa producono gli stessi risultati. Quando crederai con certezza che avrai quello per il quale stai
pregando e quando sperimenterai come reale quello che hai immaginato, raggiungerai il desiderio del tuo cuore (l’essenza del tuo essere). L’immaginazione, usata con devozione come
preghiera, è la più efficace. Quando fai il tuo lavoro interiore, fallo come un essere spirituale competente, piuttosto di pensare o sentire di essere una creatura umana bisognosa che tenta
di raggiungere qualcosa che possa migliorare la sua esistenza ordinaria.

Dopo aver praticato la tecnica immaginativa, cosa si può fare per mantenere fede e ricettività?

Vivi con un senso chiaro di scopo. Scegli di essere felice e ottimista. Ricordati di essere una creatura spirituale in un universo emanato e mantenuto dal potere della coscienza. Sapendo
ora che i tuoi stati mentali e di consapevolezza determinano le tue esperienze, scegli di essere consapevole del Sè e di pensare costruttivamente, mentre compi le azioni che produrranno i
risultati che desideri avere.

Che cosa posso fare per aiutare il prossimo nel nostro mondo?

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
loading...

LASCIA UN COMMENTO