Visitare Barcellona tutto quello che la città ha da offrire

Barcellona la capitale catalana dei giovani e non solo

Quando si viaggia, uno degli obiettivi è quello di massimizzare il tempo e tornare a casa con la sensazione di non aver perso uno dei luoghi più importanti della città. Si tratta di un compito difficile, lo sappiamo, quindi ci accingiamo a dare una mano con questa selezione cose e/o luoghi che puoi fare o visitare, a Barcellona. E se il tempo non è abbastanza si può sempre tornare una seconda volta. 😉

Innanzitutto, farsi una passeggiata per la città.

Barcellona è una grande città, ma è perfetta per una bella passeggiata. Si può scegliere di visitare gli edifici più importanti e parchi della città come quello della Ciutadella, il parco di Joan Miró (parque de Joan Miró), o il castello di Montjuïc (castillo de Montjuïc).

Sicuramente una delle attrazioni turistiche da ammirare nella città di Barcellona è l’architettura modernista e le opere di Gaudì in particolare. Si possono trovare diversi esempi del loro lavoro in tutta la città, sia edifici civili che religiosi. Le più famose sono la Sagrada Familia, impressionante sia dall’esterno che all’interno, il Parco Güell, un luogo quasi fatato che emula un giardino all’inglese, o La Pedrera. Ma non lasciarti sfuggire l’opportunità di visitare altri edifici di Gaudí di cui molte guide ne parlano poco. Ad esempio, il Palau Güell, Casa Batlló, Casa Vicens o (appena fuori Barcellona) la cripta della Colonia Güell a Santa Coloma de Cervelló.

barcellona-palau-guell

Ma Gaudí non era l’unico esponente del modernismo che ha lasciato la sua impronta a Barcellona. Mrita una visita, per esempio, la Casa Amatller e il Palau de la Música, di Puig e Cadafalch; la Casa Lleó Morera, disegnata da Domènech e Muntaner, o la Casa de les Punxes. Un altro esempio è l’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau, Patrimonio de la Humanidad, i cui giardini sono un’oasi in mezzo al trambusto della città.

Barcellona-Hospital-de-la-Santa-Creu-i-de-Sant-Pau-

Barcellona ha molti locali di musica dal vivo come il Razzmatazz o la Sala Apolo, e non mancano le splendide sale concerti. Il Gran Teatre del Liceu è uno splendido superstite, decorato con foglie d’oro, e tappeti rossi. I biglietti non sono sempre così costosi come sembra, ed è un luogo che merita una visita. Poi c’è L’Auditori, uno spazio elegante con una capienza di 2.400 spettatori, nel suo programma non c’è solo musica classica, ma anche jazz e musica varia. Il Palau de la Música Catalana è famoso per la sua architettura modernista e il numero di attività che accoglie. Barcellona è anche sede di numerosi festival, dal Primavera Sound al Festival International de Jazz de Barcelona, il ​​Sonar e il Cruïlla, e altri.

Picasso ricordava Barcellona, come bella e luminosa, una città dove ha trascorso i suoi primi anni. Seguire i passaggi del genio visitando i siti che hanno segnato la sua giovinezza. Camminando per la strada della Regina Cristina e poi attraversare al numero 3 della Via (calle) della Misericordia dove viveva la sua famiglia, anche se l’edificio è stato distrutto. E se volete fare una pausa lungo la strada, troverete Els 4 Gats, un luogo dove si riunivano gli artisti del tempo per incontri e cene d’arte. Infine, ci sarebbe anche il Museu Picasso, una galleria che ospita opere degli anni di formazione di Picasso.

barcellona-els-quatre-gats

Tapas, pintoxos y vermut

I pintxos, sono piatti di piccole dimensioni (la versione basca delle tapas), una tendenza culinaria che troverete a Barcellona. Uno dei posti migliori è Euskal Etxea, dove si potranno assaggiare gnocchi al prosciutto crudo, pintoxos di pollo en tempura con maionese allo zafferano, provolone fuso con mango e prosciutto, o un mini-spiedino di carne di maiale, ma ci sono molti altri posti da visitare in città.

Se stai cercando luoghi dove gustare i famosi tapas, le proposte si moltiplicano. Alcuni di questi posti dove si possono gustare le famose patatas bravas e bere una buona birra sono il Quimet i Quimet, l’Esquinica o El Jabali.

La cucina giocosa potrebbe essere completato con vermouth. I fine settimana sono il momento ideale perché hanno più ore a “saltare” da un bar all’altro, ma in realtà è sempre un buon momento per fare vermouth fatta in casa, le cantine storiche. Si consiglia il Calders Bar, La Pepita e Electricitat, per esempio.

barcellona-quimet-quimet

Una salita a Montjuïc, perfetto per una passeggiata tra gli alberi e per godere di una vista stupenda, ma non tutti hanno voglia di salire quindi è un posto non molto visitato dai turisti. In questo posto si delle strutture che sono state costruite per le Olimpiadi del 1992, tra cui il Palau Sant Jordi o la torre di telecomunicazioni progettata da Santiago Calatrava. Quelli con più energia che saliranno fino in cima della collina osserveranno lo Stadio Olimpico e il Giardino Botanico. Ai suoi piedi, la famosa Plaça d’Espanya il posto da cui comincia la salita per Montjuïc, e si può anche visitare il Mies van der Rohe che sarebbe il centro culturale CaixaForum.

È anche possibile passeggiare per i giardini di Laribal, progettato dall’architetto paesaggista francese Jean-Claude Nicolas Forestier. Né mancherà il vivaio Tres Pins, dove si coltivano piante per giardini e parchi comunali della città, o togliersi il cappello davanti la statua bronzea del poeta italiano Dante Alighieri nella piazza omonima.

A Barcellona, ​​una passeggiata nel parco non è solo un’esperienza rilassante, ma può anche essere un percorso artistico. Fate il tifo per una passeggiata intorno ai lussureggianti giardini del Teatre Grec per poi andare a la Fundació Joan Miró, uno dei più grandi musei del mondo. E’ sede di una collezione di oltre 225 dipinti, 150 sculture e pezzi grafici del pittore surrealista spagnolo, insieme a una serie di opere di suoi contemporanei.

Elencare tutti i musei e le gallerie d’arte di Barcellona avrebbe richiesto tempo, ma uno dei gioielli della città è il MNAC (Museu Nacional d’Art de Catalunya), con pezzi che raccontano l’arte catalana nel periodo romanico a metà del secolo XX.

Museu-Nacional-dArt-de-Catalunya

Quando si visita una nuova città, si dovrebbe conoscere un po’ della sua storia per capire i suoi edifici, urbanistica, arte e anche qualcosa del carattere della sua gente.

Ci si può fare un’idea visitando il Museo di Storia di Barcellona (MUHBA) che conserva il patrimonio storico della città e nelle loro varie posizioni (i principali sono la Plaça del Rei, el Call, el Tempio di Augusto e el Refugio 307), il nuovo Born Centro Culturale, le Colonne di Adriano, i cantieri navali reali del Museum Maritim, i vari rifugi che sono state costruite per sopravvivere alla Guerra Civil, l’isola della discordia modernista o, el Fossar de les Moreres, che una volta era uno dei cimiteri storici della vicina Santa Maria del Mar ed è un memoriale di guerra per i caduti durante l’assedio di Barcellona (1713-1714).

barcellona-el-born-centre-cultural

Cucina marinara

Nessuno dovrebbe lasciare Barcellona senza aver provato la sua cucina marinara. La città offre Rias de Galicia, in Poble-sec, e Cachitos nel Eixample, con un fantastica varietà di pesci e frutti di mare. Cal Pep nel Born, è noto per il suo misto di bianchetti fritti, calamari e gamberetti con deliziose tagliatelle. A Barceloneta troverete La Mar Salada e Can Solé, che servono pesce fresco tutti i giorni.

cucina-marinara

Se si desidera assaggiare la vera cucina catalana, visitare i Cinc Sentits. Il suo chef Jordi Artal, rispetta le ricette classiche, ma aggiunge anche un tocco personale ai piatti come zuppa di Palamos aglio gamberi con ciliegie e panna. Infine, assaggiate i formaggi catalani o “l’uovo falso” con il cioccolato bianco intorno e una crema di maracuyá. E’ uno dei ristoranti con tanto di stelle Michelin, tra i più conosciuti a Barcellona.

L’offerta di cucina creativa a Barcellona è molto ampia e spesso costosa, pero’ cenare in luoghi come ad esempio i Dos Cielos, Dos Palillos, Moments, o Tickets, ne vale il prezzo pagato.

A Barcellona, ​​se volete rilassarvi e gustare una birra fredda una buona opzione è uno dei tanti bar e caffetterie della città a disposizione.

Alcuni esempi sono il Bar Colombo, un bar che serve tapas con una piccola terrazza con vista sul porto, o Kasparo Bar con tavoli ombreggiati da archi che si affaccia su un parco giochi. Un’altra opzione è Bar Calders, piccole e accoglienti caffetterie all’aperto disposti lungo La Rambla, come il Quim de la Boqueria.

barcellona-quim-de-la-boqueria

Se avete già visitato gran parte di Barcellona di giorno, è il momento di dare uno sguardo ai principali club e locali notturni della città per passare una notte di festa memorabile. La Sala Apolo è una garanzia, propone feste a tema ogni giorno della settimana (lunedì Nasty, Crappy martedì, Midnight Call…), Razzmatazz è il fulcro della festa notturna da parecchi anni, propone feste e sessioni diverse in più stanze, Sidecar è il tempio della musica indie rock da 30 anni, e Magic è il rock club per eccellenza di Barcellona. Se poi preferisci il funk e la musica negra, dovresti andare a la Marula.

Infine non si può non andare allo Zoo di Barcellona, specialmente se avete bambini. Lo Zoo di Barcellona ha una delle più importanti collezioni di animali in Europa, ed è conosciuto per essere la casa del gorilla albino “Fiocco di neve”. Lo Zoo di Barcellona ha iniziato la sua storia nel 1892 grazie ad una donazione da una collezione privata di animali, che si trovava presso il Parco della Ciutadella. Da allora lo zoo famiglia non ha smesso di crescere e conta attualmente più di 7.000 esemplari di 400 specie diverse, fra i quali; bisonti, canguri, zebre, elefanti, orsi, pantere, leoni, linci, ippopotami, giraffe, struzzi, avvoltoi, scimmie, e molti altri.

barcelona-zoo

L’Acquario di Barcellona, è un altro sito da visitare. L’Acquario di Barcellona è la patria di più di 11.000 pesci e di creature marine, oltre 450 specie diverse, ed è uno dei più grandi acquari del mondo. Questo è un posto divertente sia per i bambini, che gli adulti, i quali hanno l’opportunità di immergersi con gli squali.

Barcelona-Aquarium

E non dimenticate di visitare il famoso museo delle Cere. Il Museo delle Cere di Barcellona ha una grande collezione di statue di cera di personaggi famosi che sono esposti in un grande edificio del 1867. L’edificio, progettato in stile neoclassico, è un palazzo che è stato creato per ospitare la Banca di Barcellona. Nel 1973 ha aperto le sue porte al pubblico per diventare il museo delle cere della città. Il museo ha una collezione di oltre 200 statue di cera tra i quali includono, tra gli altri, personaggi del mondo della musica, grandi figure storiche e i personaggi più spaventosi di tutti i tempi.

barcelona-museo-delle-cere


loading...

Altri articoli che potrebbero interessarti ...dello stesso autore