Scienziati della UCLA scoprono che dare aiuto porta benefici alla salute

di Stuart Wolpert

Dare supporto ad un amato è di beneficio a chi lo da, non solo a chi lo riceve, come conferma uno studio di imaging cerebrale presso la UCLA.

“Quando le persone parlano di come il supporto sociale sia buono per la nostra salute, solitamente pensano che i benefici derivino dall’aiuto che riceviamo dagli altri, ma ora sembra che parte di tali benefici alla salute derivino dal supporto che diamo agli altri”, ha detto Naomi Eisenberger, assistente professore di psicologia della UCLA e autrice principale dello studio, pubblicato nell’edizione online di Psychosomatic Medicine , un journal di salute della psicologia. Eisenberger e lo studente laureato Tristen Inagaki, hanno esaminato 20 coppie eterosessuali in buona relazione presso l’Ahmanson–Lovelace Brain Mapping Center Le 20 donne erano sottoposte a risonanza magnetica funzionale (fMRI), mentre i loro compagni erano all’esterno della macchina e ricevevano scariche elettriche. A volte le donne potevano dare supporto ai compagni, tenendo loro la mano e altre volte dovevano guardarli mentre ricevevano le scosse, senza poter dar loro supporto (tenevano in mano una palla di gomma). Altre volte i compagni non ricevevano la scarica e le donne potevano toccarli o meno.

Meglio dare che ricevere

Gli scienziati hanno scoperto che quando le donne davano aiuto ai propri partner, mostravano una maggior attività nelle regioni del cervello relative alla ricompensa, inclusa l’area dello striato ventrale e del setto. Inoltre, più mostravano attività neurale relativa alla ricompensa e più si sentivano connesse emotivamente con i propri compagni nel dar loro supporto. Quando non davano supporto, queste regioni erano meno attive.

“Una di queste regioni, lo striato ventrale, è tipicamente attiva in risposta a semplice ricompensa come il cioccolato, il sesso e il denaro”, ha detto la Eisenberger. “Il fatto che il dare aiuto attivi questa regione, suggerisce che può essere processato dal cervello come una esperienza di ricompensa basilare.” I ricercatori hanno anche scoperto un altro schema interessante di attività neurale nell’area del setto. Oltre ad essere un centro di piacere, questa regione gioca un ruolo nella riduzione dello stress, inibendo altre regioni del cervello che processano la minaccia, come l’amigdala. I ricercatori hanno scoperto che le donne che mostravano maggior attività nell’area del setto, mostravano anche meno attività nell’amigdala.

“Questa scoperta suggerisce che dare supporto può avere effetti di riduzione dello stress nelle persone che lo danno”, ha detto la Eisenberger, che dirige il Social and Affective Neuroscience Laboratory della UCLA “L’attività nell’area del setto durante l’aiuto era correlata negativamente con l’attività dell’amigdala, che è una regione legata alla risposta alla paura e allo stress. Se c’è qualcosa nel dare aiuto che riduce l’attività dell’amigdala, questo suggerisce che il dare supporto può avere proprietà di riduzione dello stress”.

“Dare agli altri è di beneficio”, ha detto Inagaki, autore dello studio e premiato con le borse di studio National Science Foundation e Jacob K. Javits. “Abbiamo persino visto una attività notevolmente superiore in queste regioni cerebrali della ricompensa, quando le donne davano supporto, rispetto a quando toccavano il compagno nei momenti in cui non riceveva le scariche. Pensereste che sia più piacevole toccare il compagno quando non prova dolore, ma abbiamo trovato l’opposto, cosa sorprendente”.

La Eisenberger pensa che i benefici del dare supporto, si ottengano anche quando un amato subisce altri eventi stressanti, inclusi eventi emotivamente dolorosi e ha offerto una sua teoria. “Dare aiuto a chi ci è vicino, come un membro della famiglia o un bambino, può aumentare la sua possibilità di sopravvivenza e quindi la probabilità che i nostri geni verranno tramandati”, ha dichiarato. “Data l’importanza del dare aiuto per la sopravvivenza della nostra specie, è possibile che nel corso dell’evoluzione, tale azione sia divenuta psicologicamente premiante in modo da persistere nel comportamento”. La Eisenberger e Inagaki stanno continuando queste ricerche per contribuire ad una miglior salute. La ricerca è finanziata dal Senato Accademico della UCLA. Fonte – link

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO