Esodo e comandamenti

Prima di cominciare mi sembra doveroso dire che non ho nulla contro le religioni, in questo mondo ognuno è libero di credere a ciò che vuole. Se poi questa credenza renderà la persona migliore, altruista, positiva e magari anche più civile, tanto meglio. Quindi per quanto mi riguarda una persona è anche libera di credere alle fatine, o agli elfi come usano gli islandesi. Beh, a dir la verità per loro è una vera e propria cultura infatti stanno molto attenti a non irritarli. Ad ogni modo non sarò di certo io a giudicarvi (chi sono io per farlo?). Però quello che si legge in questo libro è un po’ diverso da ciò che alcuni sostengono. Se sei un persona molto attaccata alla chiesa e con una forte fede religiosa, non ti offendere perché non è mia intenzione, sto solo esprimendo la mia opinione. Tra l’altro non mi sto inventando nulla.

In questi giorni mi è capitato di leggere per caso il titolo di un post inerente ai 10 comandamenti, così mi è venuto in mente di scrivere qualcosa a riguardo. Ad esempio molti (la maggior parte delle persone, io compreso fino a poco tempo fa) non sanno che in realtà il dio di Mosè (che dovrebbe essere il Dio di tutti, l’unico) non detta solo 10 comandamenti ma una sfilza quasi interminabile di leggi. Se non mi credete basta prendere la Bibbia (quella che qualcuno ci ha regalato e che solitamente la teniamo da qualche parte a prendere polvere) e cercare tra le prime 100 pagine, dovreste trovare il famoso Esodo (tra l’altro da poco hanno fatto un film Exodus). L’Esodo è dedicato alla storia di Mosè e il Faraone che sfida il suo dio finché capisce che dovrà per forza sottomettersi ai suoi “ordini”. Sostanzialmente il dio di Mosè ordina a quest’ultimo di presentarsi d’innanzi al faraone eseguendo una serie di “miracoli” o magie se vogliamo. Inizia con il bastone che si trasformerà in serpente, poi l’acqua che si trasformerà in sangue, le api, locuste, tempeste, insomma adesso non ricordo bene ogni singola prodezza ma ricordo che il Faraone provava ad imitare queste “magie divine” tramite i Magi, che a loro volta hanno tenuto testa ad un paio di queste esibizioni. Tutto per cosa? Perché questo dio voleva in poche parole appropriarsi del suo popolo che sarebbe stato condotto da Mosè in compagnia del fratello Aronne (è scritto sulla Bibbia basta leggere l’Esodo).

Ora, questo dio non è poi così buono e pieno di amore come uno s’immagina, e lo leggerete di seguito. Anzitutto, i dieci comandamenti li conosciamo bene o male tutti, per lo meno conosciamo quelli che ci hanno insegnato a catechismo o nelle scuole primarie. La verità è che sono un po’ diversi, e vorrei evitare di ripetere affermazioni che hanno già fatto altri, in primis Mauro Biglino, cioè che la Bibbia non è il libro che molti di noi credono, e ce ne rendiamo conto solo sfogliandolo. D’altra parte è una lettura pesante soprattutto quando vengono elencate le varie generazioni (nomi dei padri, figli, nipoti, ecc.).

Comunque sostanzialmente il dio di Mosè afferma che essendo il Signore Dio, colui che li ha portati via dalla terra d’Egitto luogo di schiavitù, loro (lui e il suo popolo) non dovranno adorare altri dèi stranieri all’infuori di lui. Già da questa frase si capisce che i comandamenti sono rivolti a questo gruppo di persone che è fuggito grazie al suo aiuto dall’Egitto. Poi sostiene che non si dovranno fare sculture che rappresentano immagini che riguardano il cielo e la terra (a me sembra che parli di persone fisiche che provengono dal cielo o che sono in terra, però potrei sbagliarmi) e non dovranno adorarle, né prestare ad esse un culto perché lui è un dio geloso, forte e farà giustizia sui padri, figli, fino alla terza e quarta generazione se si sentirà offeso. Al contrario sarà misericordioso con chi lo rispetterà. In poche parole se non rispettavano le sue leggi sterminava direttamente quasi tutta la generazione, fino alla quarta. Salto il resto dei comandamenti..

monte-sinai-bibbia-comandamenti

Nel capitolo 21, quello dopo i comandamenti si parla delle leggi relative alla libertà e alla vita. Quindi come dicevo, i comandamenti non sono 10. Sì, quelli incisi sulla pietra con un qualche raggio laser (suppongo) del signore sono solo 10, che poi tra l’altro Mosè le fa cadere per terra perché vede che quando scende dalla montagna c’è una festa e ognuno fa ciò che vuole. In realtà l’idea è stata di Aronne che non vedendolo più arrivare, e dovendo tranquillizzare il popolo che cominciava a dubitare di questo dio, raccolse tutto l’oro che indossavano uomini, donne, e bambini e lo scioglie per costruisce una statua che raffigura un’animale.

Mosè s’infuria perché il suo dio aveva appena detto di non costruire, ne adorare sculture, ma Aronne si comportò in quel modo per calmare il popolo che aveva bisogno di fede. Ed è in quel momento che Mosè lascia cadere i “sacri comandamenti”.

Comunque, le leggi che seguono sono più o meno uguali su tutte le bibbie, magari ci sono delle piccole variazioni, ma la sostanza è quella. Si tratta di regole da rispettare se si vuole campare senza problemi. Ragazzi, stiamo parlando di quasi 3 pagine di leggi, altro che 10 comandamenti. Il capitolo 21 parla di leggi relative alla libertà alla vita. Tra queste troviamo; “Se avrai comprato uno schiavo ebreo, ti servirà per 6 anni e al settimo rimarrà libero gratuitamente. Se questo aveva moglie se la porterà via con sé, ma se non aveva moglie e il padrone gliene ha procurata una e questa ha partorito dei figli, allora lei e tutti i suoi figli rimarranno di proprietà del padrone”. Cerco di riassumere. Se il servo dichiarerà che ama il padrone e non vuole lasciarlo allora rimarrà con lui ma gli sarà inserito un orecchino come simbolo di proprietà a vita.

Wow! Quindi l’orecchino è simbolo di schiavitù, almeno in quei tempi.

Attenzione, questa è curiosa. Dice che se si uccide una persona perché gliela fatta trovare lui per strada (quindi è stato lui a chiederlo), allora va bene, ma se qualcuno si azzarda ad uccidere qualcun altro con premeditazione, questo verrà portato sull’altare e ucciso a sua volta.

La domanda è molto semplice. Quale dio pieno di amore e misericordia detta certe leggi?

Addirittura sostiene che chi offenderà o percuoterà il padre e la madre verrà ucciso. Non c’è storia, se a quei tempi mancavi di rispetto ai tuoi, ti facevano fuori perché era quel dio che voleva così. E non finisce qui. Dice ancora che si può percuotere uno schiavo però senza ammazzarlo perché altrimenti si verrà puniti, però lo si può torturare perché appartiene al padrone, lo ha pagato. 😉

Poi dice che se una donna verrà violentata e sopravvive il colpevole pagherà i danni che chiederà il marito, ma se muore, il colpevole verrà ripagato con la stessa moneta, ossia, bruciatura per bruciatura, occhio per occhio, dente per dente, ecc. Queste leggi proseguono ma mi fermo qui.

Nel capitolo 22 incontriamo le leggi relative alle proprietà. Ad esempio è scritto che se un ladro entra in casa o ruba qualcosa il proprietario può fare ciò che vuole e non verrà punito per il sangue versato. Insomma, lo si può uccidere senza essere puniti. Gli stregoni dovranno morire, chi sacrificherà agli dèi e non a lui (il loro dio) verrà punito con la morte. Il buon dio dice anche che il primogenito dei suoi figli (dell’uomo) sarà suo, e lo stesso vale per gli animali. Sette giorni resterà con la madre, l’ottavo sarà consegnato a dio (si capisce che verrà sacrificato, anche se non lo dice esplicitamente).

Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
loading...

4 COMMENTI

  1. in aggiunta al capitolo 22 dell’esodo, aggiungerei Ezechiele 20 25-26,(libro della Bibbia) nel quale precisa perchè i primogeniti sono suoi: 25- Diedi loro perfino delle leggi non buone e dei precetti per i quali non potevano vivere. 26- Li contaminai con i loro doni, quando facevano passare per il fuoco ogni primogenito, per ridurli alla desolazione affinché conoscessero che io sono il SIGNORE”.

  2. Bravo Nino, hai perfettamente ragione, voglio solo correggere un termine che hai usato.La bibbia non è una favola ma una torbida storia costruita ad arte per farci restare ignoranti. Non mi permetto di giudicare nessuno (proprio come fa l’autore di questo articolo a cui rivolgo tutta la mia stima ed ammirazione). Rispetto il pensiero altrui, ma proprio per questo motivo, esigo lo stesso rispetto su mio di pensiero. Se queste antiche credenze continuano a manipolare il genere umano sono sicura che sarà la fine (basta pensare all’ISIS). Troppo complicato da scrivere in poche righe, me ne rendo conto, ma ringraziando la “sorte” ci sono siti come questo che aiutano a capire, che non hanno retaggi mentali, che sono aperti alla conoscenza e alla divulgazione. Grazie. Buon fine settimana a tutti.


    E’ un piacere Loredana, buona serata.

  3. SONO D ACCORDO, ERA UN ALIENO,ALTRO CHE DIO, PERO E GIUSTO CHE SE SI MALTRATTANO E PICCHIANO I GENITORI SI VADA IN GALERA…SONO COLORO ( gli unici, in questo mondo ) che ti danno un amore incondizionato x quanto sia possibile nell imperfezione di questo mondo…e diseducativo andare alla leggera in questi argomenti…


    Certo, hai ragione ma non intendevo dire che è giusto mancare di rispetto ai propri genitori, ci mancherebbe altro, però uccidere per questo (per mancare di rispetto ai genitori) mi sembra un filo esagerato no?

    Mi raccomando, non mancate di rispetto ai vostri genitori che vi hanno creato con tanto amore e vi sopportano per circa 22-23 anni a seconda dei casi 😉 Non si fa!

  4. La bibbia una bella favola per chi crede che la vita sia solo nel pianeta terra e per creare potere ai furbi.

LASCIA UN COMMENTO