Notizie sui Limiti Esterni dell’Anima

Un numero crescente di addotti e di esperti che li trattano, dicono che le loro esperienze hanno a che fare col loro spazio interno, tanto quanto con lo spazio esterno.

La prima volta che Catherine è stata ipnotizzata, ha pianto. Ricordava la notte di diverse settimane prima, quando loro sono tornati ancora per lei e l’hanno presa dall’auto. Lei ha ricordato i piccoli corpi e gli occhi penetranti a mandorla. Ha ricordato l’interno della loro astronave, la dimensione di un hangar per aerei e le file e file di letti su ogni lato, la metà occupati da persone. Lei ricordava di essere svestita e il più alto che era al comando. Quello che la fissava negli occhi per calmarla.
“Lui prese questo lungo ago e lo mise dentro di me”. “Potevo sentirlo tagliare, è servito molto tempo e non è stato piacevole. Quando lo tirò fuori c’era un feto con esso. Avevo questo senso di orgoglio da lui, tipo “Oh buona cosa, dovresti essere orgogliosa.”

Mark Gauvreau Judge
Limiti Esterni dell'Anima

Catherine, una studente di 25 anni, ride nervosamente. Sono passati due anni dall’esperienza, ma lei è ancora esitante e imbarazzata nel descriverla. Afferma ancora che è diverso rispetto al giorno della sua prima regressione ipnotica, quando le memorie hanno iniziato ad emergere. “Non potevo credere all’intensità di quello che sentivo. Stavo singhiozzando come quando ero bambina, singhiozzavo istericamente. Anche se potessi ignorare tutto come fosse una fantasia o qualche illusione, non posso negare l’intensità della sensazione di terrore. Con un’esperienza come questa, la tua base di realtà viene sconvolta.”

Catherine è una presunta addotta dagli UFO. Lei crede che creature aliene l’abbiano rapita innumerevoli volte da quando era bambina, l’abbiano portata a bordo di un disco volante e abbiano abusato di lei sessualmente con propositi di ibridazione. La sua storia non è unica. Recenti stime quantificano il numero di persone che affermano di essere state addotte, da centinaia di migliaia a circa 3 milioni. Ascoltando gli addotti e gli esperti che cercano di dare senso ai loro racconti, diviene chiaro che la profondità e l’ampiezza del fenomeno è molto più complessa degli stereotipi da fantascienza, con piccoli invasori verdi dallo spazio. Le abductions UFO, una volta considerate provincia dei fumetti, sono divenute un mistero che tocca, tra altre cose, il sesso, la psicologia, la religione e le presunzioni della mente Occidentale.

“L’unica teoria che ha senso dice che ciò che accade è esattamente quello che raccontano le persone coinvolte”, dice John Mack, lo psichiatra che si occupa di Catherine. “Ovvero, qualche tipo di entità, qualche intelligenza, entra nel nostro mondo, prende le persone e fa questo a loro”. Una stella nascente nel campo delle abductions, Mack arriva col tipo di credenziali richieste che per gli scettici sarebbero assenti nell’ufologia, lo studio degli UFO. Professore di psichiatria alla Harvard Medical School, Mack è uno psichiatra rispettato e vincitore del Premio Pulitzer. Egli ha condotto regressioni ipnotiche su oltre 100 addotti e guida un gruppo di supporto con 15-20 persone come Catherine. Insiste dicendo che l’esperienza di abduction è molto complicata, ma è convinto che sia, almeno, basata su realtà oggettiva e usa degli aneddoti da bridivo per provarlo.

Rating: 1.0. From 1 vote.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
3
4
5
6
loading...

LASCIA UN COMMENTO