Sono presenti notizie che trattano misteri e fenomeni di ufologia comprese novità su cure alternative o tecnologia, novità astronomiche e molto altro

La Grande Piramide amplificava le frequenze della Terra

La Grande Piramide amplificava le frequenze della Terra

A quanto pare tutto ciò che si trova all’interno dell’universo emette una frequenza, dal momento che gli scienziati sono riusciti a registrare e codificare le frequenze dei pianeti che si trovano all’interno del Sistema Solare. Be’, a dirla tutta, anche le sonde Voyager che si trovano ormai nello spazio interstellare hanno trasmesso degli “strani suoni”.

Nota: Il suono nel vuoto non si propaga ma l’elettromagnetismo sì, per cui con un radioscopio è possibile captare i campi elettromagnetici e codificarli in suoni.

Si trovano diversi video su tale argomento, ne inserisco uno a caso.

A tal proposito vorrei aprire una piccola parentesi.

Anni fa, spinto dalla curiosità provai a scaricare un video che avrebbe dovuto provocarmi un viaggio astrale (Viaggio Astrale in Auto Ipnosi Controllata). I primi minuti non promettono bene, perché ad un certo punto si sente ululare e muggire, ed è ovvio che ascoltando certi suoni (con le cuffie e in una stanza buia) non ci si rilassa facilmente, però superati i primi 3-5 minuti qualcosa accade…

Premetto che il viaggio astrale è tutt’altra cosa, però devo ammettere che rilassa, e se non abbiamo “scleri” per la testa, potremmo riuscire addirittura a “visualizzare qualcosa”, una sorta di sogno lucido. È molto importante la preparazione iniziale, ovvero riuscire a raggiungere un buon rilassamento mentale tramite la respirazione. Al contrario, se siamo un po’ “nervosi”, non arriveremo alla mezz’ora di ascolto. Ad ogni modo, se non si è preparati (mentalmente) ci si addormenta e basta.

Ho aperto questa parentesi perché il video che ho inserito (quello dei suoni emessi dalla Terra) mi ricorda molto questo a cui ho appena accennato (prova ad andare avanti fino al minuto 30:00 circa). Sembra un suono quasi fastidioso, ma in realtà quando si arriva a questo punto dell’ascolto, scatta qualcosa nella nostra mente, sembra che il nostro cervello (per lo meno il mio) viene stimolato da questo suono che ricorda molto l’aria. Di solito a questo punto immagino/visualizzo una sorta di tunnel temporale che percorro ad una velocità molto elevata, chissà perché? È una suggestione involontaria…

D’altro canto sappiamo quanto influiscano certe frequenze sul nostro organismo (compreso il DNA).

Le onde cerebrali sono individuabili con tracciati grafici che evidenziano l’attività elettrica del cervello tramite la registrazione poligrafica dell’elettroencefalogramma.

A seconda della frequenza, si dividono in:

  1. Delta: sono caratterizzate da una frequenza che va da 0,1 a 3.9 hertz. Sono le onde che caratterizzano gli stadi di sonno profondo.
  2. Theta: vanno dai 4 ai 7.9 hertz, caratterizzano gli stadi 1 e 2 del sonno REM.
  3. Alfa: sono caratterizzate da una frequenza che va dagli 8 ai 13.9 hertz, sono tipiche della veglia ad occhi chiusi e degli istanti precedenti l’addormentamento. Una delle caratteristiche delle onde alfa è la loro configurazione regolare e sincronizzata. Gli esperimenti condotti registrando le onde cerebrali di monaci Zen in meditazione hanno dimostrato che tale pratica dà luogo a un’emissione consistente di onde alfa.
  4. Beta: vanno dai 14 ai 30 hertz, si registrano in un soggetto cosciente.
  5. Gamma: vanno dai 30 ai 42 hertz, caratterizzano gli stati di particolare tensione.

C’è qualcosa di magico e misterioso nella musica, anche se non ce ne rendiamo conto, i suoni (le varie frequenze) agiscono in continuazione sui nostri organismi, compresi quelli trasmessi a bassissima frequenza (gli ultrasuoni). Pensate un attimo ai grandi cetacei che per via dei sonar perdono la bussola spiaggiandosi (sempre se non impazziscono, non lo sapremo mai). Questo avviene poiché queste creature sono in grado di percepirli, tant’è che li utilizzano anche per comunicare tra loro. Probabilmente tutti gli animali hanno questa dote, il che spiega quello strano comportamento prima di un terremoto, e non mi riferisco solo a cani e gatti, anche i serpenti, topi, ecc.

Se tutti gli esseri viventi sono in grado di percepire queste frequenze, perché non lo è anche l’essere umano? Probabilmente l’evoluzione ci ha giocato un brutto scherzo. All’uomo preistorico era sicuramente utile questa cosa, noi abbiamo la tecnologia… A proposito, chi ci dice che qualcuno non sia già in grado di influenzare le nostre menti utilizzando una “tecnologia sporca”?

Gli egiziani erano a conoscenza del potere delle frequenze, più avanti scoprirete perché. Ma prima voglio inserire un messaggio che contiene molte verità.

La fisica della meccanica quantistica dimostra scientificamente che l’essere umano è un tutt’uno con l’universo, lo spazio non è vuoto…la matrice esiste ed è il collante del tutto!

Tutta la materia è vibrazione e la vibrazione è energia…(Einstein) l’uomo è capace di modificare le vibrazioni, quindi le particelle subatomiche che compongono la materia, sia con semplici parole che con pensieri (onde alfa) ed emozioni…

Poiché tutto è connesso e tutto si condensa dalla coscienza è evidente che i nostri pensieri possono influenzare qualunque cosa, ogni pensiero invia delle increspature (onde Alfa-vibrazioni) attraverso l’universo, proprio come il lancio di un sasso in uno stagno produce delle increspature verso l’esterno. Se siamo noi a modificare e\o influenzare la nostra realtà materiale che percepiamo, chi determina allora il nostro cammino? Ovviamente, noi!!

Questa è la dimostrazione che il “divino” non è al di fuori di noi (come la religione vuole farci credere) ma proprio dentro di noi, ossia siamo noi gli osservatori supremi della nostra realtà, fisica e materiale che percepiamo e che quindi creiamo.

La verità è che ogni persona è totalmente responsabile del proprio universo!

Per secoli e secoli ci hanno privato di questa responsabilità e ci hanno fatto credere che il nostro destino fosse già scritto; la fisica moderna dimostra esattamente il contrario! Ad esempio: se usciamo di casa e per qualche motivo proviamo delle belle sensazioni tutto ciò che ci accadrà sarà senza dubbio positivo, viceversa se dovessimo scendere di casa nervosi per altri motivi, ci capiteranno situazioni che potrebbero trasformarsi in eventi negativi!

Essendo noi una vibrazione di atomi (materia=vibrazione=energia) risulta chiaro che a seconda della frequenza a cui vibriamo ci accordiamo con qualcosa che vibra alla nostra medesima frequenza! Non a caso Confucio diceva:”Ciò che concorda nel tono, vibra assieme!”.

È come avere la manopola della radio tra le mani e poter scegliere la frequenza o il “tono” in cui “essere” e cosi’ vedremo quella specifica vibrazione dell’universo che diventerà la nostra percezione di materia!

Giordano Bruno diceva: “Non è la materia che genera il pensiero bensì è il pensiero che genera la materia”. Sagge parole! Fate attenzione perché sono proprio i pensieri della mente coloro i quali, data la loro natura, vibrano a frequenze molto basse e se noi li assecondiamo ci trascineranno con sé rendendo palesi le cause che generano il karma-darma. La legge di causa ed effetto.

Quindi basta osservare, prestare attenzione, immaginare coscientemente, controllare i pensieri, aggiungere ciò che desiderate nella vostra realtà, permettere ciò, e creare!

Ciò su cui una persona si focalizza è ciò che apparirà nella sua vita e nel suo mondo!!!

Se raggiungerete la consapevolezza che la realtà rispecchia i vostri pensieri sia positivi che negativi sarete sicuramente in grado di cambiare qualunque aspetto della vostra vita e non dovrete essere più alla mercé di nessuna persona, organizzazione o situazione.

Dipende tutto da noi, da ogni nostro singolo respiro e pensiero. Ciascuno di noi è molto più grande, potente e bello di quanto abbia mai immaginato. Siete magnifici! Avete il potere di cambiare il mondo! (tratto da fisica-quantistica.html)

Le misteriose funzioni della Grande Piramide

Piramide Cheope
Piramide di Cheope

Tom Danley e le sue teorie…

Sono un ingegnere acustico. Per circa venti anni ho lavorato per l’Intersonics Inc., una compagnia che sviluppava hardware sperimentale di volo spaziale per razzi, sonde e Space Shuttle. Dato che tutto il lavoro della compagnia per la NASA riguardava il campo dell’acustica, siamo stati tra i primi ad avere a disposizione una macchina TEF multi-modale, un macchinario in grado di misurare le risonanze negli ambienti.

Essendo il principale “uomo acustico” dell’Intersonics, usavo la TEF per misurare le risonanze sui carichi utili nel volo spaziale e per localizzare falle in blocchi di cemento. Sviluppavamo anche nuovi puntatori per levitazione acustica (o sonica n.d.r.) generata da due onde sonore contrapposte e un altro per produrre il bang sonico. Durante il mio lavoro all’Intersonics, una società di produzione documentari chiese di filmare il processo di levitazione acustica impiegato dal nostro hardware di volo spaziale. La dimostrazione ebbe successo e fu inserita nel documentario “Mistery of the Sphinx”, con Charlton Heston. Durante la lavorazione, feci una battuta al produttore sulla possibilità di andare in Egitto e misurare la risonanza acustica delle Piramidi. Qualche anno dopo, lo stesso produttore mi chiamò inaspettatamente per chiedermi se ero ancora interessato a scoprire perché l’interno delle piramidi “possedesse un’acustica così particolare e bizzarra”, in quanto volevano realizzare un documentario sull’argomento.

Mi portai in Egitto due sistemi di altoparlanti per produrre toni di prova; uno per le frequenze superiori a 100Hz ed un altro per quelle inferiori. Ambedue erano sigillati insieme con un amplificatore di potenza, il mio fido TEF 12, un microfono B&K e un accelerometro. Il primo giorno andammo a controllare la Grande Piramide e l’area dove saremmo entrati.

Scelsi un punto nella Camera del Re dove posizionare la fonte sonora e piazzai il

microfono di registrazione su quello opposto.

…Applicai la prima gamma di frequenze partendo da 200Hz, arrivando a 10Hz, un livello confortevole. Intorno a 90Hz, osservai una forte risonanza ambientale e modulando a 1.1Hz/sec si produceva della vera energia. Quello che fece alzare e correre tutti verso l’uscita era la risonanza intorno ai 30Hz. In quel momento, interrompevo la prova. Era una gran bella risonanza e la sua forza spaventò letteralmente alcuni membri della troupe. Sinceramente, ero un po’ preoccupato anch’io. Risonanze d’alta qualità a basse frequenze possono essere molto eccitanti! La possibilità che succedesse un incidente era bassa, ma nel caso fosse avvenuto le conseguenze sarebbero potute essere terribili. Non volendo diventare la prima persona sepolta nella piramide in tempi moderni…

Passai diverse notti a prendere misure e dati. Potei osservare nella struttura una buona distribuzione di modi ambientali di risonanza e curiosamente, il sarcofago di granito rosso esibì un numero di modi risonanti che corrispondevano direttamente a quelli ambientali.

…La mia considerazione personale è che le dimensioni della piramide, i suoi materiali di costruzione e il sarcofago all’interno della Stanza del Re, furono progettati per accrescere passivamente (come nell’elettricità zero) qualunque suono fosse presente in quella camera. Presumo, inoltre, attraverso le mie osservazioni, che qualsiasi pressione di vento, specialmente quando la piramide era appena costruita e le sue pareti erano levigate, avrebbe agito come il soffiare attraverso il collo di una bottiglia, un effetto chiamato “Risonanza di Helmholtz”. La pressione del vento creava nella Camera una vibrazione armonica d’infrasuono precisamente a 16 Hz. Essendo anch’io musicista ero particolarmente interessato a trovare un modello d’indicazione musicale a quelle risonanze che formassero un accordo di “Fa diesis”. Antichi testi egiziani indicano infatti che il “Fa diesis” era il centro di risonanza armonica della Terra…

Questa stessa nota è anche quella di riferimento per accordare i flauti sacri di molti sciamani nativi Americani. Praticamente, abbiamo 2.5 milioni di blocchi di pietra ammucchiati in Egitto accordati sulla frequenza della Terra.

…Mesi dopo, cercando di scoprire cosa si poteva celare sul nastro (che aveva registrato) con l’ausilio di un software speciale chiamato “Hyperception”, ho scoperto varie cose che non potevo osservare con il TEF. Il TEF aveva rivelato svariati toni ambientali, alcuni di sotto dei 20 Hz. Esaminando il rilevamento acustico tra un segnale prova e l’altro o le parti silenziose della registrazione, trovai dei suoni a bassissima frequenza (infrasuoni non udibili dall’uomo), risonanze che partivano ad appena qualche Hz arrivando a 15-20 Hz circa.

Il suono permaneva anche nell’assoluto silenzio. Spedii i risultati dei rilevamenti ad un

musicologo che faceva parte della nostra squadra ed egli ha confermò che vi era un disegno di frequenze che formavano un accordo di “Fa Diesis”.

Gli effetti di suoni a bassa frequenza su esseri umani sono stati ampiamente studiati da agenzie governative americane, in parte anche per il programma spaziale. Una delle scoperte riguarda il fatto che gli ultrasuoni (bassissime frequenze) possono alterare l’attività cerebrale (onde Alfa ecc.) nonché altre funzioni biologiche. Se, come alcuni suggeriscono, le piramidi furono costruite come “templi”, o per iniziazioni piuttosto che tombe, allora le basse frequenze potrebbero essere state deliberatamente “progettate” e quindi servire ad uno scopo sacro, con il suono che fomenta, se non addirittura costringe, modifiche dello stato cerebrale e del livello di coscienza.

Tra le ultime scoperte nel controllo delle onde cerebrali ci sono macchine che combinando suoni a bassa frequenza e luci psichedeliche, riescono a letteralmente intrappolare le onde cerebrali ad una data frequenza. É una sorta di viaggio meditativo, solo che non richiede alcuna pratica, il soggetto è del tutto passivo.

La gamma di frequenza è al livello più basso dello spettro uditivo, addirittura più basso

delle frequenze udibili (infrasuoni). Suoni a bassa frequenza sono noti da tempo immemorabile per il loro potere di causare risposte emotive. Gli enormi organi a canne delle antiche cattedrali furono costruiti (con notevole difficoltà) per produrre potenti suoni a bassa frequenza, anche sotto il livello uditivo (infrasuoni) a causa del potente effetto emotivo e psicologico che hanno sulle persone.

Questa ultima parte è tratta da Fenix, ad ogni modo puoi trovare altre informazioni interessanti qui → www.livesoundint.com/archives/2000/julyaug/pyramid/pyramid.php

Leggi anche: Quanto è importante la musica per il nostro cervello.

Libri…

loading...