I Maya colonizzarono prima gli Stati Uniti

Degl’archeologi americani hanno scoperto le rovine di un’antica città Maya tra le montagne della Georgia.

La città ha circa 1.100 anni e si ritiene che i Maya la costruirono in fuga da guerre, eruzioni vulcaniche, siccità e carestie che hanno colpito l’America Centrale in quell’epoca.

Si ritiene che la città scoperta sarebbe Yupaha, la stessa che l’esploratore spagnolo Hernando de Soto seguì nelle sue ricerche invano nel 1540.

Fino ad ora, gli archeologi hanno portato alla luce 154 muri e piattaforme. Essi hanno anche scoperto un sofisticato sistema di irrigazione.

Foto yupaha

Nel 1999, l’archeologo Mark Williams dell’Università della Georgia guidò una spedizione per indagare sul Mound Kenimer, una grande piramide a cinque facce costruita circa nel 900 dC ai piedi della montagna più alta della Georgia, Brasstown Bald. Molti residenti locali hanno presunto per anni che la piramide fosse solo un’altra collina boscosa, ma in realtà si trattava di una struttura costruita su una collina esistente con un metodo che usava il popolo Maya che viveva in America centrale e nel sud-est in una tribù di nativi americani.

La speculazione ha abbondato per anni come a cosa sarebbe potuto succedere alle persone che vivevano nella grande meso-americana società del primo secolo. Alcuni storici credevano che morirono semplicemente con pestilenze e scarsità di cibo, ma altri hanno a lungo speculato sulla possibilità di migrazione di massa verso altre regioni. Quando le prove cominciarono a girare sulle connessioni ad un sito Maya in Georgia, dal Sud Africa un archeologo Johannes Loubser,  portò le sue squadre sul sito prelevando e analizzando campioni di terreno e cocci di ceramica, i quali hanno indicato, che il sito appunto, era molto antico risaliva a circa 1000 anni fa . Le persone che vi si stabilirono erano conosciute come Itza Maya, una parola conosciuta nella lingua Cherokee della regione.

La scoperta è particolarmente rilevante in quanto potrebbe stabilire legami specifici tra la cultura dei nativi americani e sud-est antichi Maya. Secondo Thornton, può essere la “più importante scoperta archeologica degli ultimi tempi.”

Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO