Notizie sull’energia del corpo umano, siamo luce cosmica

Siamo esseri che emettono luce dal nostro interno, secondo uno studio scientifico.

L’essere umano emette biofotoni di bassa densità. Essere fatti della stessa materia delle stelle ha delle conseguenze, e una di quelle è che gli esseri umani emettono luce. Anche se questa luce è invisibile all’occhio umano, scienziati giapponesi hanno scoperto che il corpo umano produce biofotoni come risultato del suo metabolismo energetico.
Scienziati del Dipartimento di Elettronica e Sistemi Intelligenti dell’ Istituto Tohoku, usarono una telecamera criogenica CCD sensibile ad emissioni fotoniche super deboli, scoprendo che il corpo umano produce impulsi ritmici di luce, ed è il viso che emette la maggiore quantità e costanza di biofotoni.

Energia corpo umano

Notarono anche che esiste una maggiore emissione di luce nel pomeriggio rispetto al mattino e alla sera, probabilmente dovuta ad un cambio del nostro metabolismo.
Scoprirono anche, che nei soggetti a cui impedirono di sognare, c’era un’emissione di luminosità più debole, ….evidentemente più si dorme bene più si emette luce.

I 7 chakra del corpo

Sarebbe interessante indagare in che misura la produzione di luce umana, anche se invisibile ad occhio nudo in condizioni normali, potrebbe essere correlata alla visione aurica che alcune persone dicono di avere: percepiscono colori i quali cambiano a seconda dell’umore e dell’energia di una persona, come uno strato distinto della sua personalità (un fenomeno chiamato “Leggera tuta spaziale”).
Lo scienziato canadese Jeremy Narby, che ha indagato sulla etnobotanica degl’indigeni della foresta pluviale amazzonica, ritiene di avere trovato una relazione tra i biofotoni emessi dal DNA, e scoperte mediche degli sciamani, che sostengono di ottenere le informazioni attraverso una comunicazione con le luci dei loro antenati. Alcune di queste comunità indigene sono riuscite a scoprire le combinazioni di piante che danno una reazione chimica, se avessero utilizzato un metodo tradizionale tramite tentaivi ed errori, ci avrebbero impiegato milioni di anni.
Il DNA emette fotoni i quali scambiano segnali da cellula a cellula in un intervallo di distribuzione spettrale di 900 nanometri (infrarosso) e circa 200 nanometri (luce ultravioletti), proprio sul bordo della banda visibile dell’occhio umano. Narby suggerisce che forse gli sciamani o guaritori sono in grado di accedere ad un livello di informazioni bio molecolare attraverso la tecnologia della coscienza (come l’ ayahuasca) e relaziona le rappresentazioni del serpente elicoidale come fonte della creazione, condivisa in molte culture con la struttura del DNA: il serpente del codice cosmico.

Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO