Ascoltare e visualizzare pensieri e immagini che attraversano la nostra mente.

Il termine telepatia è usato principalmente per definire il trasferimento del pensiero senza ricorrere ai normali mezzi di comunicazione. Il termine chiaroveggenza si riferisce, generalmente, alla conoscenza extrasensoriale di eventi futuri. I due fenomeni sono strettamente correlati e difficilmente distinguibili. Il diverso significato di questi termini è una distinzione artificiale di ciò che è essenzialmente una funzione dell’ESP.

Ci sono delle caratteristiche che si riscontrano sia nella chiaroveggenza sia nella telepatia. Prima di prendere in considerazione gli esperimenti che potete fare voi stessi parliamo di queste caratteristiche. In generale le percezioni extrasensoriali sembrano verificarsi quando la mente cosciente è distratta e questo fenomeno viene inibito dalla concentrazione cosciente. In molte occasioni la telepatia avrebbe una base emotiva: sembra che si percepiscano i pensieri delle persone psicologicamente vicine. Probabilmente non possiamo imporre a noi stessi di trasmettere o ricevere comunicazioni telepatiche, ma possiamo, non porre ostacoli affinché questo avvenga.

E’ importante che voi familiarizzate con quelle parti della mente che coinvolgono comunicazioni di questo genere. Fatelo con questo semplice esperimento:

Un esercizio pratico che possono svolgere tutti.

Ogni giorno restate seduti in silenzio per dieci minuti e ascoltate i vostri pensieri coscienti, potrebbe essere utile chiudere gli occhi. Non interferite con questi pensieri e non giudicateli. Ascoltateli obbiettivamente e basta. Questo è il vostro stream of consciousness (flusso di coscienza), quel flusso di pensieri che attraversa la vostra mente con moto pressapoco costante. Qualche volta ci accorgiamo della loro presenza, in genere avviene (di rado, perché difficilmente prestiamo attenzione) quando restiamo in silenzio. Ad esempio a me, come a molti altri, capita prima di addormentarmi, o al mattino prima di svegliarmi totalmente (quando mi sveglio, ma rimango ancora per qualche minuto con gli occhi chiusi).

telepatia

Dopo aver imparato a riconoscere questo stream of consciousness, ignoratelo. Sotto quel flusso scoprirete immagini e pensieri sconnessi. Senza troppa difficoltà vi accorgerete che lo stream of consciousness non vi coinvolge oltre e capirete cosa c’è sotto. Potreste sentire parole apparentemente senza senso oppure vedere delle immagini che subito scompaiono.

Immaginate che la vostra mente sia come un oceano. E che voi, con muta e bombole, state dirigendo scendendo lentamente verso le profondità. Prima attraversate lo stream of consciousness che si trova appena sotto la superficie, poi raggiungete il livello dove pensieri ed immagini meno familiari passano veloci davanti a voi come pesci esotici. Non cercate di afferrare queste parole e quelle immagini perché non si farebbero prendere: osservate e basta.

Dovrete ricorrere a tutte le vostre capacità percettive. Potreste sentire voci prima chiaramente e poi sfumate. Siate pazienti, non sforzatevi di vedere o sentire. Osservate ed ascoltate in silenzio.

Con il tempo e l’esperienza vi abituerete alla nuova condizione. Potreste scoprire che certe immagini durano più a lungo di altre, oppure che si vedano più chiaramente di altre. Parole dapprima confuse possono diventare comprensibili e riferirsi a situazioni che stanno accadendo proprio nel momento in cui voi sentite le parole ma a chilometri di distanza. Ma possono riferirsi al passato ed anche al futuro. Non lo scoprirete fino a quando non ascolterete e non vedrete.

Alcune immagini non avranno significato. Talvolta non sentirete o non vedrete. Delle immagini ritrarranno persone che non conoscete. Potrà essere la vostra immaginazione, oppure valide percezioni di persone ed avvenimenti difficilmente verificabili. Se sentite voci che riconoscete o parole che hanno un certo significato, scrivetele. Se vedete immagini di conoscenti o amici, riportate su un foglio di carta la descrizione esatta di ciò che avete visto. In un momento successivo provate a parlarne con le persone interessate per cercare di capirne il significato.

Non si può dare per scontata la validità di immagini e parole a meno che non siate in grado di verificarli in un modo o nell’altro. L’esperimento vi consentirà di raggiungere quello stato di sospensione simile al normale dormiveglia. E’ questa la condizione in cui vengono più frequentemente ricevute le comunicazioni telepatiche.

Non tutte le parole e le immagini ricevute saranno legate al fenomeno telepatico: qualcosa potrebbe essere fabbricato dal subcosciente, la mente interiore che agisce spontaneamente. Indubbiamente la pratica vi insegnerà a distinguere le percezioni provenienti da fonti diverse. La vostra intuizione potrebbe essere più affidabile di qualsiasi valutazione cosciente.

Rating: 2.3. From 3 votes.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO