Milanovic: I ricchi guadagnano la metà del reddito mondiale

Il ricercatore principale, ed economista della Banca Mondiale, ha rivelato che l’8% delle persone che dispongono dei maggiori fondi nel mondo, ottengono fino al 50% di tutti i redditi del pianeta.

I ricchi sempre più ricchi..

“La disuguaglianza globale è molto maggiore della disuguaglianza all’interno di un determinato paese”, afferma l’economista Branko Milanovic, dopo aver studiato la disparità di reddito nel mondo. Milanovic ha in mente di pubblicare prossimamente le sue conclusioni dettagliate sulla rivista Global Policy.

L’esperto spiega che, ad esempio, l’elenco dei PIL pro capite in diversi paesi nel 2011 ha mostrato che l’importo del reddito annuo variava da 231 dollari nella Repubblica Democratica del Congo in Africa, e 171.465 dollari nel Principato di Monaco in Europa. Il secondo paese più povero e il secondo più ricco erano, rispettivamente, del Burundi, con 271 dollari, e il Lussemburgo, con un valore annuo pro capite di 114.232 dollari.

Facendo una comparazione, secondo la classifica, gli USA avevano una media pro capite di 48.112 dollari, mentre la Cina 5445.

economia mondiale

In quanto a ricchezza personale, secondo Milanovic, l’1% delle persone più ricche della popolazione mondiale, possiede quasi la metà di tutti i beni personali. Questo gruppo selezionato, specifica l’economista, è composto dal 12% degli americani, e tra il 3% e il 6% dei britannici, giapponesi, tedeschi e francesi.

Secondo l’economista Milanovic, questo 1% è formato dai “vecchi” ricchi o le famiglie che hanno una propria attività e hanno accumulato fortune che ereditano i loro figli, i quali possono studiare nelle università più prestigiose del mondo.

Milanovic ha inoltre dichiarato che l’1% delle persone più ricche al mondo, hanno visto salire i loro redditi reali di oltre il 60% nell’arco di due decenni (1988-2008), mentre i ricavi del 5% delle persone più povere del mondo, che sono concentrate nelle regioni equatoriali, non hanno avuto nessun cambiamento .

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO