Janis Sharp vince dopo una lunga lotta per il figlio Gary McKinnon

Janis Sharp, la madre del famoso hacker Gary McKinnon, ha scritto libro sulla sua situazione, 10 anni di lotta e mantenimento, per cercare di estradare il figlio che sta trascorrendo la sua vita in un carcere degli Stati Uniti, per aver hackerato i computer governativi, “Saving Gary McKinnon – La storia di una madre”.

Per chi non lo sapesse Gary McKinnon era (è) un programmatore e hacker britannico. Fu accusato dalla giustizia statunitense di aver preparato la più grande intrusione informatica su computer appartenenti alla difesa che si sia mai verificata in tutti i tempi.

mckinnon e madreJanis Sharp e Gary McKinnon

Gary McKinnon è stato accusato per essere riuscito ad entrare in ben 97 server militari degli Stati Uniti e della NASA nel 2001 e 2002. L’hacker è riuscito a penetrare nelle reti della NASA, US Army, US Navy, dipartimento della difesa e della Forza Aerea degli Stati Uniti, oltre ad un sistema appartenente al Pentagono, creando anche un disagio economico per risistemare il tutto, stimato tra i 450.000 e i 700.000 dollari.

Gary McKinnon ha dichiarato di aver trovato prove dell’esistenza di UFO, alieni, e tecnologia super avanzata, accusò anche il governo USA perché stava cercando di sopprimere la diffusione della Free Energy (energia libera). McKinnon è stato arrestato e interrogato nel marzo del 2002.

Nel 2001 si svolse uno dei più famosi congressi in cui si parlava di UFO, alieni e tecnologia avanzata. Si tratta del Disclosure Project, che si svolse al National Press Club di Washington DC. Ci furono parecchi testimoni che ammisero di essere a conoscenza dei parecchi cover-up (insabbiamento di prove) che riguardavano il governo americano, sostenendo quindi che Mckinnon non si sbagliava. Per chi non sa di cosa sto parlando, può guardarsi tutta la conferenza qui, o leggere la documentazione qui.

testimoni disclosure

McKinnon era convinto che il governo americano nascondeva la verità riguardo le attività extraterrestri. L’hacker affermò di aver visto tra i vari files, una fotografia che mostrava una grande nave a forma di sigaro sopra l’emisfero settentrionale, e non solo. E’ riuscito a rintracciare un documento con un elenco di ufficiali “non terrestri”.

ufo sigareiformeUFO sigareiforme ripreso dalla ISS

ufo sigaro vulcanoUFO sigareiforme vulcano Popocatépetl – link1link2

Secondo McKinnon gli Stati Uniti sarebbero in possesso di una propria flotta spaziale. Purtroppo, McKinnon, per quel che ne sappiamo, non è stato in grado di scaricare nessuna presunta prova. Quando fu arrestato, nel marzo del 2002, a McKinnon è stata offerta la possibilità di scontare una pena di tre o quattro anni, ma sentiva che quello che aveva visto con i propri occhi era troppo forte per negoziare.

Nel novembre del 2004, la giuria federale USA lo accusò di sette capi di imputazione per crimini informatici, con una pena massima di 10 anni di carcere.

A questo punto, la madre Janis Sharp, iniziò una serie apparentemente infinita di ricorsi. Per i prossimi quattro anni farà appello per riuscire ad ottenere l’estradizione del figlio McKinnon, ma senza alcun esito positivo.

Nel 2008, a Gary McKinnon fu diagnosticata la sindrome di Asperger, una forma di autismo. Alcuni studi hanno indicato che le persone affette da sindrome di Asperger hanno più alti tassi di suicidio, quindi la madre, Janis Sharp, sta lottando per ottenere l’estradizione perché teme per l’incolumità di McKinnon. Dopo anni di lotta sembra che Janis Sharp a vincere la causa.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO