La giovane Rachel lotta contro OGM e Monsanto

Una ragazza di 14 anni apre una discussione con un famoso uomo d’affari e presentatore televisivo canadese in una guerra di parole su organismi geneticamente modificati (OGM) della Monsanto.

In una edizione del programma televisivo canadese “The Lang and O’Lary Exchange”, presentato da O’Lary, Rachel Parent, una ragazza di 14 anni, ha esposto con frenesia i vari motivi per i quali bisogna opporsi alla produzione di OGM.

Rachel, iniziò a coltivare un’interesse per le conseguenze da alimenti geneticamente modificati, quando dovette fare una presentazione per la sua classe sul tema, circa due anni fa. Ora la giovane ragazza ha trasformato il suo interesse in una vera e propria battaglia giovanile contro la multinazionale Monsanto.

rachel parentRachel Parent

Durante l’intervista, Rachel, ha dichiarato che non esistono alcune prove che dimostrano, che gli alimenti geneticamente modificati non causano effetti nocivi per la salute, quindi ha continuando dicendo che, il test più lungo che ha eseguito la Monsanto sui suoi prodotti è durato 90 giorni. Il che impedisce sapere come i loro OGM, agiscano sulla salute dell’essere umano e dell’ambiente, nel lungo termine.

“Si tratta del nostro futuro, e se avete intenzione di manipolare il nostro cibo dovremmo come minimo sapere a quali conseguenze saremmo scostretti ad andare in contro. Non vi sembra che dovremmo essere almeno informati?”, affermò la giovane Rachel.

Anche i prodotti che derivano ​​da alimenti OGM, è essenziale, “in modo che i consumatori possono avere un parere”, di ciò che mangiano, sottolinea Rachel, al fine di esercitare il loro diritto di decidere cosa mangiare e cosa no.

Rachel, ha anche ricordato la mancanza di opzioni che, su questo tema, vi è negli Stati Uniti e il Canada, dove gli alimenti OGM non sono etichettati.

O’Lary dopo essere in sua difesa, replica che questo comportamento anti Monsanto, significa andare contro la scienza. Rachel ha replicato che, lungi dal contrastarla, “una scienza responsabile e un progresso etico”.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO