Sfrattati dalle loro case per costruire base militare

Gli abitanti dell’Isola di Ascensione, che si trova nell’Oceano Atlantico meridionale a 1600 km dalla costa dell’Africa, territorio del Regno Unito, saranno sfrattati per consentire la costruzione di una nuova base militare.

Secondo The Guardian, le zone abitabili sono proprio nel luogo in cui Washington ha in programma di costruire una nuova installazione militare.

L’isola appartiene al territorio britannico d’oltremare di Sant’Elena, Ascensione e Tristan de Acuña nel sud Atlantico. Parte dell’area è utilizzata, a partire dalla metà del XX secolo, dall’esercito degli Stati Uniti. Sull’isola sono installati radar, aeroporti e hangar per la riparazione di sottomarini statunitensi.

Negli ultimi anni la popolazione indigena dell’isola è stata ridotta a quasi un quarto, ad oggi si contano solo 800 persone, la maggior parte di queste persone sono originari di Santa Elena. Le società di servizi civili e militari preferiscono dare lavoro alle persone del continente piuttosto che hai residenti locali.

Gli abitanti si sentono in pericolo, sono convinti che le autorità del Regno Unito e Stati Uniti, non tratteranno con loro. “Loro vogliono trattare con noi nello stesso modo come hanno fatto 40 anni fa con la popolazione di Diego Garcia. Sono stati sfrattati! E adesso invece delle loro case è stata costruita una base militare degli Stati Uniti”, afferma un nativo a The Guardian.

Il Regno Unito aveva promesso ai residenti dell’isola, sostegno nell’organizzazione del turismo ecologico, ma il progetto è stato cancellato.

Che dire, non è la prima volta che i potenti cacciano dalle loro case o distruggono l’habitat delle persone. Questo accade in parecchie zone del mondo, per costruire miniere, per installare tralicci ad alta tensione, per costruire dighe o utilizzare la legna. Nonostante ci siano molte persone (forse non abbastanza) che combattono giornalmente per fermare queste grosse aziende, pare non sia cambiato nulla.

I soliti potenti egoisti che non pensano al futuro delle nuove generazione che verranno.

A parte che secondo i dati, l’uomo è sempre più impotente, sarà un caso?

Le coppie non fanno più figli, ma chissà perché?

Sembra quasi che ce la stiano mettendo tutta per non farci fare più figli… ma no, sarà solo una coincidenza…

Stiamo lasciando alle generazioni future solo tanto veleno, di questo passo non potranno più nutrirsi usufruendo di quello che madre natura offre dalla propria terra, perché sarà talmente contaminato che saranno costretti a nutrirsi con i soli alimenti modificati.

Quando il pesce, il bestiame e la terra saranno troppo inquinati, qualcosa dovranno pur mangiare?!?

Il problema è che si pensa sempre troppo al presente, mai al futuro, grazie a questa mentalità “ora” ci troviamo in questa situazione, crisi economica, malattie infettive e mortali in aumento, e guarda caso non trovano mai una cura, però continuano ad intascare milioni di euro all’anno per la ricerca, da almeno 40 anni.

Sono in grado di portarti su Marte (Mars One) però non trovano una cura per le malattie che “hanno creato”.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO