In Siria otto su dieci mercenari catturati dall’esercito siriano sono criminali stranieri

Otto su dieci mercenari che sono stati catturati dall’esercito regolare siriano sono criminali stranieri, lo riferisce il deputato rivoluzionario Adel El Zabayar, che si trova nel paese arabo, come parte della resistenza contro l’intervento militare degli Stati Uniti e i suoi alleati.

“I siriani sono stati manipolati con l’offerta di grandi quantità di dollari, al fine di arruolare mercenari che provengono dall’esterno per colpire il paese”, ha detto in un’intervista esclusiva Zabayar via telefonica, per il portale web del Correo del Orinoco.

Assicura che le forze siriane sono riuscite a colpire gruppi di mercenari, che successivamente sono stati arrestati e identificati. Pare che questi mercenari provengano principalmente da Indonesia, Filippine, Afghanistan, Pakistan, Arabia Saudita e Qatar.

zabayar 450x300Adel El Zabayar al centro, con due soldati siriani

Ha notato che molti degli arrestati sono persone che sono state private della libertà nei loro paesi di origine, liberati dalle prigioni esclusivamente per andare a combattere in Siria.

“Tra i mercenari, ci sono casi di persone che furono arrestate per stupro e omicidio, ed è stato promesso loro che se avrebbero combattuto in Siria, sarebbero stati perdonati dei loro reati”, riferisce El Zabayar.

Alcuni di questi mercenari catturati hanno riconosciuto questa situazione, affermando di non voler tornare nei loro paesi di origine, perché la loro vita sarebbe comunque in pericolo, il loro unico scopo era quello di compiere la missione nel paese arabo.

In pratica questi mercenari sono stati costretti ad andare a combattere in Siria, se dovessero tornare indietro sarebbero condannati a morte, questo è quanto afferma chi li ha interrogati.

Di recente un hacker è riuscito ad accedere alle e-mail di alti funzionari militari statunitensi, che potrebbero essere connessi con l’attacco chimico che ha ucciso più di 1.400 cittadini siriani.

“Il tempo non gioca a favore di Obama (Barack), è sempre più esposto, visto che la CIA potrebbe veramente trovarsi dietro questa situazione, con l’unico scopo di colpire la Siria, ma questo perché il governo degli Stati Uniti vuole davvero venire in soccorso dei mercenari che sono stati catturati su tutto il territorio siriano a quantità”, afferma El Zabayar.

Adel El Zabayar è membro del Comitato permanente per la Difesa e Sicurezza dell’Assemblea Nazionale (AN ), MP (PSUV – Bolívar), ha chiesto di sua volontà di prolungare il soggiorno in Siria.

Il parlamento venezuelano, Mercoledì 29 agosto ha concesso un congedo a tempo indeterminato per il deputato venezuelano, che ha riferito a nome del popolo venezuelano, che contribuirà alla lotta per garantire la pace nella nazione araba che si trova sotto la minaccia di guerra.

Fonte: www.diario-octubre.com

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO