Tall Tower: Una torre alta 15 chilometri

Se c’è una cosa che l’uomo ha sempre avuto nel DNA, beh, è la voglia di arrivare sempre più in alto. Inconsciamente l’essere umano è attratto dall’universo, forse perché in realtà ha sempre saputo di essere figlio delle stelle, come cantava anche Alan Sorrenti nel 1977.

E così ha iniziato fisicamente ha costruire grandi palazzi, divenuti poi col tempo, veri e propri grattaceli. Il primo grande palazzo fu costruito nel 1885 a Chicago, conosciuto come Home Insurance Company, di 13 piani. Dopo qualche anno fu superato dal Manhattan Building, sempre a Chicago (16 piani). Questa voglia di raggiungere il cielo fino a poterlo toccare con le proprie mani, ha portato l’uomo a costruire ben 15 edifici giganti. L’ultimo fu costruito nel 2010 a Dubai, il Burj Khalifa che ha un’altezza complessiva di 828 metri (fino al tetto 636 metri, compreso di antenne 828 mt.).

grattacieli-a-confrontoProgetto Tall Tower

Ma quanto in alto possiamo costruire? A porsi questa domanda è stato, non molto tempo fa, lo scrittore di romanzi di fantascienza Neal Stephenson, quando si unì ad un gruppo di ricercatori e ingegneri di Arizona State University, al fine di trovare il disegno della struttura più alta possibile. Così è nata l’idea di Tall Tower, un progetto che pare potrebbe raggiungere i 15 chilometri di altezza (più di 18 volte il Burj Khalifa).

Così Neal, insieme al tecnico delle strutture Keith Hjelmstad, pensò ad una grossa struttura in acciaio, quindi iniziarono a considerare tutti i requisiti di cui una struttura di queste dimensioni necessiterebbe, per poi passare crearla in diversi modelli semplici, e infine trovare il posto giusto per poterla costruire.

Nel corso del tempo, il cerchio di collaboratori si è ampliato, compresi esperti in ingegneria spaziale, al fine di raggiungere un modello digitale più sofisticato, in grado di resistere a disastri causati dal forte vento.

Il progetto per la Tall Tower fa parte del Project Hieroglyph, dedicato alla promozione dell’innovazione e ispirato a storie di fantascienza.

Chissà, forse un giorno utilizzeremo queste enormi torri come piste di atterraggio per veicoli spaziali.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO