Ricerca: Dove nasce nel cervello umano l’istinto malvagio?

Un neurologo tedesco è convinto di aver trovato la zona del cervello responsabile della cattiveria di una persona. Secondo il Dr. Gerhard Roth la “macchia del male” si trova nel lobo frontale del cervello e si vede come una massa scura negli scanner.

Il Dt. Gerhard Roth avrebbe fatto questa scoperta studiando il cervello di violenti criminali per uno studio finanziato dal governo tedesco. Durante l’esperimento, , misurando le onde cerebrali che emanavano i loro cervelli nel vederli.

Che non abbia preso spunto da un film di Stanley Kubrick, “Arancia Meccanica”?

Secondo le sue analisi, alcuni oggetti osservando le scene non mostravano alcuna emozione. Nelle aree del cervello che creano la compassione e la tristezza, non ha registrato alcun cambiamento. Tuttavia, eseguendo una scansione del cervello delle stesse persone, ha notato che in questi elementi era presente una macchia scura sulla parte anteriore, il che, secondo lui, significa che alcuni criminali hanno una predisposizione genetica alla violenza.

Ogni volta che c’era scene brutali, i soggetti non ha mostrato alcuna emozione. Inoltre, il dottore afferma che ci sono casi in cui un uomo commette reati a causa della presenza di un tumore in questa zona del cervello , e una volta rimosso il tumore, queste persone ritornano al loro stile di vita abituale senza infrangere la legge nuovamente.

Il dottor Roth aggiunge che il comportamento antisociale è facile da individuare in età precoce. La delinquenza giovanile può essere il prodotto di tre fonti differenti.

La prima classe è “psicologicamente sano”. Queste persone sono state cresciute ed educate in un ambiente in cui rubare e uccidere è considerato normale, quindi per loro queste attività sono percepite come comuni.

La seconda è costituita da criminali mentalmente disturbati che vedono il mondo come una minaccia.

Il terzo gruppo sono psicopatici puri, come ad esempio, tiranni dello stampo di Hitler. Ma, naturalmente, non tutto dipende dai geni, e molte persone sono spinte al crimine dalle circostanze in cui vivono o si sviluppano, conclude l’esperto.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO