Salute: Frutti di bosco contro l’invecchiamento del cervello

Un nuovo studio ha trovato che le bacche sembrano promuovere l’autofagia, meccanismo di pulizia naturale del nostro cervello, riducendo in tal modo l’accumulo tossico.

L’autofagia è un processo cellulare che consente, alle cellule, di riciclare il proprio contenuto rimuovendo in modo selettivo mitocondri e altri organelli danneggiati.

L’effetto protettivo delle bacche contro l’infiammazione è stato documentata in numerosi studi. Le diete integrate con mirtilli e fragole hanno anche dimostrato di migliorare il comportamento e le funzioni cognitive in giovani ratti stressati.

frutti di boscofrutti di bosco

Per valutare gli effetti protettivi di bacche sulla funzione del cervello, in particolare sulla capacità del cervello, per eliminare l’accumulo tossico, i ricercatori del Centro di Ricerca Nutrizione Umana on Aging alla Tufts University e University of Maryland Baltimore County, hanno recentemente nutrito dei ratti con una dieta a base di bacche per 2 mesi, osservando poi il loro cervello che era stato posto precedentemente a radiazioni che favorivano l’invecchiamento accelerato.

Tutti i ratti sono stati nutriti con bacche per 2 mesi prima della radiazione, poi divisi in due gruppi, uno è stato valutato dopo 36 ore di radiazione e l’altro dopo 30 giorni.

Passati i 30 giorni, i ratti hanno sperimentato una significativa protezione contro le radiazioni rispetto al primo controllo. Lo riferisce il ricercatore Shibu Poulose, PhD.

L’esperimento ha dimostrato che le diete a base di frutti di bosco, creano significativi benefici nei ratti.

I ricercatori hanno esaminato i cambiamenti neurochimici nel cervello, in particolare ciò che è noto come autofagia, che può regolare la sintesi, la degradazione e il riciclo dei componenti cellulari. E ‘anche il modo in cui il cervello cancella accumuli tossici.

“La maggior parte delle malattie del cervello come l’Alzheimer e il Parkinson hanno mostrato una maggiore quantità di proteina tossica. Quindi le bacche sembrano promuovere l’autofagia, assumono un meccanismo di pulizia naturale del cervello, riducendo in tal modo l’accumulo tossico”, afferma Poulose.

I ricercatori stanno attualmente conducendo uno studio umano in persone anziane di età 60-75 anni.

baccheBacche

“Dalla moltitudine dei test eseguiti sugli animali, siamo ottimisti nel pensare che questi frutti proteggono il cervello dall’invecchiamento e invertono alcuni dei deficit comportamentali. Speriamo al più presto di poterlo confermare anche sulle persone”, prosegue la Dottoressa Barbara Shukitt-Hale, responsabile principale dello studio umano.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO