Salute: Importanza dello iodio in gravidanza

Secondo una nuova ricerca pubblicata su The Lancet, la carenza di iodio durante la gravidanza può avere un effetto negativo sullo sviluppo dei bambini.

Lo iodio viene ingerito soprattutto attraverso i prodotti lattiero-caseari e di pesce, fondamentale per l’ottenimento di ormoni secreti dalla ghiandola tiroide, che hanno un effetto diretto sullo sviluppo del cervello del feto.

Gli effetti negativi dello iodio sullo sviluppo del cervello sono noti da tempo, tuttavia, pochi studi hanno analizzato l’effetto della carenza di iodio moderata o lieve durante la gravidanza, sullo sviluppo mentale del bambino.

Un team di ricercatori provenienti dalle università di Surrey e Bristol, in Inghilterra, ha condotto uno studio utilizzando i dati di un vecchio progetto, “Children of the 90s”.

In questo progetto hanno partecipato oltre 14.000 madri durante la loro gravidanza, nel 1991 e nel 1992, è stata monitorata la salute e lo sviluppo dei loro figli.

gravidanza

Dopo aver esaminato le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla quantità raccomandata di iodio durante la gravidanza, sono state classificate, le donne che avevano una quantità di iodio inferiore ai 150 μg/g (microgrammi) giornalieri, come carenti di iodio, e quelle con un rapporto di 150 μg/g o più con iodio sufficiente.

Più di due terzi delle donne (67%) sono state classificate con meno di 150 μg/g. Lo sviluppo cognitivo dei bambini delle donne è stato esaminato misurando il QI del bambino all’età di 8 anni, e la capacità di lettura all’età di 9 anni.

Dopo aver esaminato i risultati considerando anche fattori esterni, come l’educazione dei genitori e l’allattamento al seno, i ricercatori hanno riscontrato che i bambini delle donne inserite nella categoria, carenza di iodio, avevano molte più probabilità di avere bassi punteggi di QI verbale, comprensione della lettura, e la precisione di lettura.

Dr Sarah Bath, un co-autore e dietista suggerisce che le donne incinte, e coloro che stanno programmando una gravidanza dovrebbero garantire un adeguato apporto di iodio. Delle buone fonti alimentari sono il latte, i latticini e il pesce. Le donne che per qualche ragione sono costrette ad evitare questi cibi, e che cercano fonti alternative di iodio, possono consultare la scheda di iodio che abbiamo sviluppato e reso disponibile sui siti web della University of Surrey e la British Dietetic Association.

Pertanto, è raccomandata una dose giornaliera di iodio pari a “150 microgrammi”, per tenere in considerazione le esigenze dello sviluppo del feto. Tuttavia, è sconsigliata una dose esagerata di iodio.

Una carenza di iodio potrebbe provocare un ingrossamento della tiroide ed altre patologie. Mentre un insufficiente apporto di questa sostanza, potrebbe causare un deficit intellettivo in età adulta e adolescenziale.

Uno studio simile, pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism (JCEM) ha suggerito che la carenza di iodio lieve può danneggiare lo sviluppo neurologico del bambino. I bambini che non hanno ricevuto adeguate quantità di iodio, nel grembo materno hanno avuto punteggi più bassi nei test di alfabetizzazione all’età di nove anni.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO