Salute: Staminali e cure alternative

Staminali e ricerca

Uno scienziato USC, Qi-Long Ying e un team di ricercatori si sono impegnati a lungo sulla ricerca di una versione biotecnologica della fontana della giovinezza, cercando un modo per incoraggiare le cellule staminali embrionali (CES) e cellule staminali epiblast (EpiSCs) a auto-rinnovarsi all’infinito, dividendosi per produrre più cellule staminali.

In un paio di studi pubblicati su Nature Communications in settembre e nel The EMBO Journal nel mese di agosto, Ying e il suo team hanno rivelato alcuni dei modi che la CES e EpiSCs mantengono la loro pluripotenza, o la capacità di differenziarsi in qualsiasi tipo di cellula.

Lo studio su Nature Communications ha individuato un nuovo modo di coltura delle cellule staminali embrionali CES umane, puntando sulla Wnt/beta-catenina, un gruppo di molecole che lavorano insieme per controllare le varie funzioni cellulari, tra cui alcune relative allo sviluppo embrionale.

[La beta-catenina è una subunità del complesso proteico della caderina ed è il punto centrale del pathway Wntb-catenina, associato alla sopravvivenza cellulare.]

Con l’apprendimento di queste cellule staminali embrionali CES e cellule staminali EpiSCs, Ying e i suoi colleghi potranno riuscire a controllare le cellule staminali nel processo di auto-rinnovamento, offrendo la speranza per i pazienti con malattie attualmente incurabili e creando potenziali per una vasta gamma di altre applicazioni.

staminali

Curiosità: Per chi ancora non avesse chiaro cosa significa cellule staminali.

Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate, significa che sono in grado di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo attraverso un processo denominato deifferenziamento cellulare.

Lo studio delle cellule staminali è “molto” importante perché una volta capito (ed è una cosa che molti medici sostengono di essere più che sulla buona strada, anche se la legge non si capisce come mai, mette i bastoni fra le ruote di questi ultimi) si potranno curare malattie anche gravi senza l’utilizzo di medicinali velenosi e che nella maggior parte dei casi hanno effetti collaterali “gravi”. Già, perché come tutti sanno, un miscuglio di medicine chimiche ti elimina un male e ne favorisce un altro.

Questo non significa che non dovete prendere le medicine, ognuno è libero di fare ciò che vuole della sua propria salute, e se siete consapevoli che una medicina fa più male che bene e la prendete lo stesso anche se avete delle alternative, posso solo dirvi: “Aiutatevi!”.

Pensate che la particolarità dell’autorinnovamento delle cellule staminali fu scoperto già nel 1963 durante degli studi sul midollo osseo. Tali cellule staminali hanno la capacità di compiere un numero illimitato di cicli replicativi mantenendo sempre il medesimo stadio differenziativo.

Significa che ciascuna cellula staminale realizza l’autorinnovamento, tramite la divisione assimmetrica obbligata (la staminale dà origine ad un’altra staminale e ad una cellula destinata a differenziarsi), oppure mediante differenziamento stocastico (una popolazione di cellule staminali si conserva poiché esiste un numero pressoché uguale di staminali che generano altre due staminali replicandosi, accanto a staminali che invece generano due cellule destinate a differenziarsi).

Fonti: http://goldsea.com/Text/index.php?id=14776 – wikipedia: cellula staminale

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO