Catturare un Asteroide per costruire una base spaziale

Pare che dei ricercatori della Nasa vogliano in un futuro non troppo lontano, catturare nell’orbita della nostra luna un asteroide che si avvicini ad un peso equivalente a 500 tonnellate.

Questo nuovo progetto servirebbe per costruire una base spaziale che sarebbe utilizzata come una “fermata” tra Luna – Terra e Terra – Marte.

Il progetto sarà preso in considerazione dal Dipartimento di Scienza e Tecnologia USA (Casa Bianca compresa), in futuro.

Si stima che solo per la fase iniziale, cioè per i primi 10 anni, dovranno essere investiti 2,6 miliardi di dollari. Se il progetto andasse a buon fine questo sarebbe il primo nella storia, lo spostamento di un oggetto di così grosse dimensioni da un’orbita all’altra.

Verrà utilizzato un razzo Atlas 5 e una speciale capsula per catturare il grosso asteroide, deviandolo tra la Terra e la Luna. Per rallentare l’asteroide verrà utilizzata una specie di sacca di mastodontiche dimensioni, una sorta di rete di un materiale speciale che lo avvolgerà. Verrà poi utilizzato un motore che lo fermerà per poi spostarlo nella gravità opposta.
Secondo gli scienziati questo potrebbe essere un primo passo per la costruzione di altri veicoli nelle profondità dello spazio.
I ricercatori fanno notare che gli asteroidi contengono grosse quantità di metalli e minerali, alcuni contengono molto ferro altri acqua, il che potrebbe essere utile per la creazione di combustibile.

Atlas 5

Di recente il Professore Russo Valery Malinin, de l’Università Idrometereologica ha dichiarato che la Terra si sta avvicinando ad una zona colma di asteroidi, che impatteranno con il nostro pianeta con una potenza di migliaia di esplosioni atomiche.

Fonte – link

Aggiungo di mio che la fonte di questa notizia non è ben chiara, forse hanno alterato un pò la notizia, fino a quando si parla di collisioni con il nostro pianeta ci può stare visto che tutti i giorni veniamo colpiti da piccoli asteroidi, ma parlare di migliaia di esplosioni paragonate a bombe atomiche mi sembra un pò troppo esagerato.

Comunque questo articolo si ricollega ad un recente post “Death Star“.

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO