Notizie & Salute: Le scoperte del prof. Pier Luigi Ighina

Pier Luigi Ighina è nato a Milano il 23 Giugno 1908.

A 16 anni scopre l’atomo magnetico.

Con un microscopio lenticolare stabilisce che è la colla della materia.

Riesce a scomporlo nei monopoli positivo e negativo.

Scopre che l’energia solare è il monopolo positivo dell’atomo magnetico e che arriva alla terra a spirale.

A contatto con la materia la riscalda per frizione.

Dalla terra, riparte verso il sole con segno negativo, il ciclo si chiude.

Ighina

Il riflesso di questa energia, abbinato al ritmo o pulsazione che la caratterizza, crea la vita, ed ogni cosa animata o inanimata è segnata da un proprio ritmo.

Le scoperte e gli esperimenti da lui fatti, sono riportati nel libro “La scoperta dell’atomo magnetico”.

Aprile 2000, fa costruire un piccolo apparecchio, denominato ERIM (Vedi foto ).

Dopo la relativa messa a punto, lo mette a disposizione dell’umanità donando la possibilità a tutti di caricare il proprio organismo dell’energia ritmica personale, ottenendo salute e benessere.

Come usare ERIM

ERIM: le sue proprietà sono dovute alla sua caratteristica forma.

Le tre spirali gialle rivolte verso l’alto,concentrano l’energia solare.

Le tre spirali e la base concentrano l’energia terrestre (attenzione parliamo di energia o meglio di bioenergia o prana) convogliando queste due energie,più esattamente una sola energia solare positiva riflessa dalla terra in negativo,sulle spirali verdi si forma un’onda ritmo magnetica sole-terra.

Entro questo ritmo si sviluppano tutti i ritmi di tutto l’esistente sulla terra animato o inanimato.

Perciò la funzione di ERIM è quella di normalizzare o meglio bilanciare tutte le cellule nel suo raggio d’azione.

La posizione ideale di ERIM è la stanza da letto dove si trascorre buona parte della giornata.Va posizionato in un posto qualunque, non proprio vicino al muro, una distanza di 10-20 cm. è sufficiente.

ERIM bonifica o bilancia la stanza e quando ci siamo noi farà altrettanto.

Per accelerare il nostro bilanciamento cellulare inizialmente,basta mettere le mani aperte col palmo rivolto e all’altezza delle spirali verdi.Il tempo quello necessario dipende dalla nostra sensibilità.

Inoltre abbiamo potuto constatare che ERIM elimina la geopatia. Sperimentazioni fatte da esperti in radionica e radioestesia.


Posando una bottiglia piena d’acqua anzi due una per parte, distanti 10-15 cm. Dalle spirali verdi l’acqua si energizzerà tornando allo stato originale.

Questo avviene anche per i cibi di cui dubitiamo della genuinità; frutta, verdura, carne ecc. mettendoli davanti alle spirali verdi sempre 10-15 cm. circa, possibilmente alla loro altezza, supportandoli con scatole o altro non metallico.

ERIM vicino ai fiori li terrà freschi più a lungo oli farà fiorire più in fretta.

Se usate il biotensor potrete verificare gli effetti di quanto vi abbiamo suggerito.

L’Atomo Magnetico

Pier Luigi Ighina,  allievo e collaboratore di Guglielmo Marconi, è stato uno scienziato pressochè sconosciuto al pubblico, perché le sue scoperte ed invenzioni non hanno ottenuto alcun riconoscimento dalla scienza ufficiale ma che, qualora fossero prese in considerazione, potrebbero (secondo il Reiki master Giuseppe Zanella, che ha curato l’introduzione del libro) cambiare radicalmente la vita dell’uomo. Nel libro, suddiviso nelle due sezioni teoria (I) e tecnica (II), l’Autore descrive le sue ricerche nel campo della fisica dell’atomo, in particolare la scoperta dell’atomo magnetico. Gli atomi magnetici sono costituiti da  triplette neutre di quark (+1,-1,0). Secondo questo modello di atomo magnetico quindi non ci sono protoni e neutroni nel nucleo atomico che contengono quark, ma i quark stessi costituiscono l’atomo.

Ighina affronta lo studio dell’atomo da una prospettiva alquanto diversa rispetto agli altri ricercatori; infatti invece di sottoporre l’atomo all’azione di potenti campi magnetici o di particelle ad alta energia, decide di contenere il suo movimento utilizzando altri atomi, definiti assorbenti, che impediscono agli atomi luce e a quelli esterni di interferire nell’osservazione.

L’atomo magnetico (vedi foto) è il più piccolo rispetto agli altri atomi, possiede una pulsazione più veloce ed inoltre ha la caratteristica di “imprimere il movimento a tutti gli altri atomi, diventando così il promotore di essi”.

Attraverso questo “geniale” accorgimento e mediante il microscopio atomico lenticolare di sua invenzione, Ighina è riuscito a classificare varie categorie di atomi in base alle loro differenti pulsazioni.

Un concetto importante che l’Autore intende sottolineare è che “l’atomo non oscilla, ma vibra, non si può dividerlo, sarebbe però possibile dividere la sua energia ma non l’atomo stesso”. La scoperta dell’atomo magnetico avviene casualmente come scrive lo stesso Ighina: “ero intento a queste prove quando, spostando inavvertitamente una calamita lì vicina, vidi che tutti gli atomi in osservazione e i cataletti di assorbimento si erano messi vertiginosamente in movimento scomparendo poi in una massa luminosa”. L’atomo magnetico (vedi foto) è il più piccolo rispetto agli altri atomi, possiede una pulsazione più veloce ed inoltre ha la caratteristica di “imprimere il movimento a tutti gli altri atomi, diventando così il promotore di essi”.

Una delle apparecchiature costruite da Ighina, il regolatore di vibrazioni atomiche magnetiche, si basa proprio sull’energia dell’atomo magnetico e più precisamente sulla variazione della frequenza di vibrazione della materia con la trasformazione della stessa.

Con questa energia è possibile, a detta dell’Autore, guarire qualsiasi malattia, fondere i metalli a distanza, produrre energia elettrica, neutralizzare le radiazioni, investigare il sottosuolo alla ricerca di giacimenti petroliferi  o falde acquifere, aumentare i raccolti agricoli ed altro ancora.

E’ indubbio che il campo magnetico sia fondamentale per la vita sulla Terra, ma la scoperta di come sia possibile la trasformazione della materia e la produzione di monopoli magnetici risulta piuttosto difficile da credere. Se così fosse, ci troveremmo di fronte alla chiave di comprensione della natura e dei suoi meccanismi.

Nella foto, scattata da P.L. Ighina nel 1940 con il microscopio atomico lenticolare, viene ripreso l’atomo magnetico, con i cinque cataletti di atomi assorbenti. L’atomo produce una pulsazione che si espande dal centro ed è rappresentata da un sottile circoletto luminoso.

Sintesi di alcuni studi sul Magnetismo

Da una calamita naturale o artificiale è stato possibile ottenere l’asportazione del flusso magnetico di una sola polarità.

Il flusso magnetico positivo o negativo prelevato da una calamita viene chiamato energia magnetica positiva o negativa. E’ stato riscontrato che l’energia magnetica positiva dona a qualsiasi materia vitalità e benessere, mentre l’energia magnetica negativa regola quella positiva e trasforma la materia.

L’energia magnetica positiva è identica alla luce solare, mentre la negativa è identica al campo magnetico terrestre.

Moltiplicazione dell’energia

Gli studiosi hanno carpito a madre natura il segreto che permette di riuscire con piccole energie ad ottenere potenze colossali di energie magnetiche positive o negative atte a poter imitare tutte le manifestazioni che avvengono nell’interno e d all’esterno del nostro pianeta come pure nell’immensità del cosmo. La loro moltiplicazione si ottiene con speciali apparecchi, ma la regola generale è molto semplice.

Con una piccola energia magnetica si caricano piccolissime particelle di materia metallica. Ognuna di queste particelle metalliche si carica di energia magnetica statica determinata dalla loro ossidazione.

Quando queste singole energie statiche hanno raggiunto e superato le ossidazioni in cui sono contenute, si scaricano tra di loro emettendo un’enorme quantità di energia magnetica.

Fenomeni atmosferici

Rating: 5.0. From 2 votes.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
3
loading...

LASCIA UN COMMENTO