Utilizza stampante solare 3D per fondere sabbia creando oggetti di vetro

Il designer tedesco Markus Kayser ha progettato una stampante 3D molto particolare che funziona sfruttando la luce del sole e la sabbia del deserto per costruire oggetti e figure in vetro. Il vetro si forma riscaldando ad altissime temperature i minerali che formano la sabbia. Sfruttando i raggi solari si può ottenere la fusione della sabbia.

  • La stampante utilizza la luce solare per fondere la sabbia e ottenere il vetro.
  • Impostando i dati, il computer permette di creare figure e costruire oggetti solidi.
  • Questa stampante è un prototipo sviluppato da uno studente di design.

Le stampanti 3D funzionano per fusione del materiale, generalmente si utilizza la plastica, la quale viene lavorata, modificata, strato per strato fino a formare un solido oggetto tridimensionale.

Il materiale utilizzato può essere iniettato in modo simile a una stampante convenzionale, che utilizza inchiostro liquido su carta. La stampante 3D può operare anche proiettando un laser preciso che riscalda la plastica sciogliendola. Lo stesso vale per altri materiali come resine liquide o polvere di metalli che si fondono con elevata precisione, e solidificato nella forma desiderata.

stampante 3D
Markus Kayser al lavoro con la sua stampante 3D

In questo modo funziona la stampante solare 3D di Markus Kayser: concentra e manipola la luce del sole in un punto specifico, proiettandola su un mucchio di sabbia che si scioglie sotto il calore intenso, in questo modo strato dopo strato si formano oggetti di vetro. Il risultato finale è un oggetto solido costituito con la sabbia.

Come funziona la stampante solare 3D

Prima di sviluppare questa stampante 3D unica, Markus Kayser aveva già optato per l’uso della luce solare per tagliare il materiale, “una versione economica” delle macchine da taglio laser: quest’ultima utilizzando solo la luce del sole, la quale passava attraverso una serie di lenti, che a sua volta, con la giusta concentrazione e temperatura trasformavano i raggi solari in un “utensile” in grado di tagliare pannelli di legno come il compensato, cartone, e carta.

Questa stampante 3D funziona allo stesso modo, utilizza l’energia solare per azionare i motori e l’elettronica, e utilizza un computer per coordinare i movimenti della testa sulla quale si concentra la luce del sole sopra la sabbia.

Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO