Tecnologia: Progetto per stampare in 3D una pizza

Dopo aver creato la prima arma tramite una stampante in 3D, pare che qualcun altro, la NASA, stia finanziando un’ingegnere meccanico con la modica cifra di 125 mila dollari, per un suo progetto.

Secondo The Verge’s Aaron Souppouris, la stampante sarebbe in grado di utilizzare al posto dell’inchiostro delle normali cartucce, qualsiasi condimento si ritenga necessario per il cibo, ad esempio l’acqua, l’olio, farina e pomodoro. Questo progetto, farebbe risparmiare il materiale, creando esattamente quello che si vuole, quando si vuole.

pizza

Proviamo ad immaginare un futuro, dove ogni persona possiede una di queste stampanti in grado di crearci qualsiasi cosa vogliamo, acquistando le cartucce nei negozi di alimentari sotto casa.

Significherebbe la fine dei rifiuti alimentari, perché con questo sistema si utilizzerà un conservazione per un massimo di 30 anni, in modo che ogni cartuccia, che contiene zuccheri, carboidrati complessi, proteine etc.. potrà essere completamente esaurito prima di essere restituito al negozio.

stampante 3d pizzaSchema della stampante 3D

* Secondo me è un progetto inutile, come possono paragonare un cibo come la pizza, fresco sano e genuino (almeno una volta), con del cibo in polvere, pieno di conservanti?

Ma in realtà le motivazioni che spingono la NASA a finanziare un progetto del genere, sono molto lontane dal semplice pasto in casa a base di pizza.

La NASA sta pensando bene di creare qualcosa che si possa portare a bordo di una navicella spaziale, riuscendo in questa maniera ad esplorare gli angoli più remoti dell’universo.

Tra l’altro, una curiosità, pare che gli astronauti preferiscano cibi piccanti.

Il seguente video mostra un esempio della stampante a lavoro, in questo caso viene “stampato” un dessert al cioccolato.

Per quanto riguarda la pizza? La proposta sarebbe per prima cosa “stampare” lo strato di pasta. Polvere di pomodoro, mentre acqua e olio vengono poi mescolati tra loro, una piastra di base della stampante inizia la cottura della pasta. Infine, verrà aggiunto un anonimo “strato proteico”.

Per maggiori informazioni: http://qz.com/86685/the-audacious-plan-to-end-hunger-with-3-d-printed-food/

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO