Notizie falsi allarmi riguardanti i supervulcani nel mondo

Il record geologico detiene indizi che nel corso della sua storia la Terra di 4,5 miliardi di anni, ha avuto un’ attività di supervulcani massiccia. Tuttavia, nonostante le affermazioni di coloro che temono il 2012, non ci sono prove che una tale supereruzione sia imminente.

Che cos’è esattamente un “supervulcano” o una “supereruzione?” Entrambi i termini sono
abbastanza nuovi e favoriti dai media più di quanto gli scienziati, e i geologi abbiano iniziato ad
usarli in questi ultimi anni, per indicare eruzioni vulcaniche esplosive che emettono circa 10.000 volte la quantità di magma e cenere del Monte St. Helens, una delle eruzioni più esplosive degli ultimi anni, che sia mai avvenuta.

Caldera di Yellowstone

supervulcani nel mondo

E ‘difficile comprendere un’eruzione di tale portata, ma la superficie terrestre ha conservato indizi distinti di molte supereruzioni massicce. Espansivi strati di cenere di così grandi porzioni da coprire molti continenti. Enormi caldere – crateri, che possono essere grandi come 60 miglia (100km) quando un vulcano collassa dopo aver svuotato la sua intera camera magmatica in una sola volta, ci servono come promemoria viscerale di supereruzioni che sono avvenute in passato, in Indonesia, Nuova Zelanda, Stati Uniti, e Chile.

L’eruzioni di questi supervulcani preistorici hanno colpito grandi masse di zone. Il flusso di magma del Monte Toba in Sumutra, scoppiata circa 74 mila anni fa, in quella che fu probabilmente la più grande eruzione che si sia mai verificata, ha rilasciato una sconcertante 700 miglia cubiche (2.800 km cubi) di magma e uno spesso strato di cenere su tutta l’Asia meridionale. Per confrontarla, la quantità di magma eruttata dal monte Krakatau dell’Indonesia nel 1883, una delle più grandi eruzioni nella storia, è stata di circa 3 miglia cubiche (12 km cubi).

I Vulcanologi continueranno a cercare risposte a molte domande circa i supervulcani. Per
esempio, ciò che scatenano le loro eruzioni, e perché non riescono ad uscire dalle loro camere magmatiche raggiungendo proporzioni così enormi? Come si confronta la composizione di eruzioni più familiari? E come possiamo prevedere quando un supervulcano è prossimo a eruttare?

Ma c’è una cosa che tutti gli esperti concordano: le supereruzioni, anche se si verificano, sono
estremamente rare e le probabilità che si verificano nella vita di chiunque legga questo
articolo sono infinitamente basse.

La supereruzione più recente è avvenuto in Nuova Zelanda circa 26.000 anni fa. Ancor prima: la catastrofica eruzione del Monte Toba accaduta circa 50.000 anni prima. In tutto, i
geologi hanno individuato i resti di circa 50 supereruzioni, anche se le squadre sono in procinto di valutare una serie di altre possibilità.

Sono un gran numero. Tuttavia, quando un gruppo di scienziati ha utilizzato il conteggio di tutti i supervulcani noti, per calcolare la frequenza approssimativa delle eruzioni,
hanno scoperto che solo 1,4 delle supereruzioni si verificano in un milione di anni.

Questo non vuol dire che l’eruzione di un supervulcano si verifica ogni milione di anni a intervalli regolari. Molti milioni di anni potrebbero passare senza supereruzioni ne tantomeno supervolcani potrebbero eruttare in un breve periodo. Non abbiamo ancora una base certa per prevenire delle eruzioni future.

Gli scienziati non hanno modo di prevedere con perfetta precisione se l’eruzione di un supervulcano si verifichi in un dato secolo, decennio o anno e che comprenda il 2012.
Di sicuro tengono sotto stretto controllo le zone vulcanicamente attive in tutto il mondo, e finora non c’è assolutamente nessun segno di un incombente supereruzione che avvenga in breve tempo. (Si spera che la natura non ci si rivolti contro) (Fonte – Nasa)

No votes yet.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO