Notizie sulle antiche civiltà, antichi astronauti, UFO e alieni forse terrestri.

La teoria degli antichi astronauti, o teoria del paleocontatto, conosciuta anche come paleoastronautica, è l’insieme di quelle idee, sviluppate a partire dalla metà del Novecento, che ipotizzano il contatto di civiltà extraterrestri con le antiche civiltà umane quali Sumeri, Egizi, civiltà dell’India antica e civiltà precolombiane.

Coperchio del sarcofago di Pakal (Tempio delle Iscrizioni, Palenque)

Uno dei dischi di Baian-Kara-Ula (al confine tra la Cina ed il Tibet)

Astronavi o jet d’oro precolombiane

Provenienti da Tempio di Abydos una delle più arcaiche città dell’Alto Egitto e si trova  pressappoco a 11 km ad Ovest del Nilo ed a circa 450 chilometri a sud del Cairo.

Un altro artefatto molto interessante lo si può osservare nel museo di Istanbul. Un essere dello spazio seduto dentro una specie di navicella. Indossa una tuta e le gambe sono piegate. Anche ad un occhio inesperto sembra molto aerodinamico e sembra sicuramente qualche cosa che proviene dallo spazio cosmico.

E infine queste statue che rappresenterebbero degli antichi astronauti

Qualcuno afferma che l’uomo sarebbe il risultato di creazione guidata o esperimenti genetici condotti da extraterrestri sugli ominidi (che fino a quel punto si sarebbero evoluti naturalmente sulla Terra in concordanza con la Teoria di Darwin e dunque senza nessuna apparente contraddizione) al fine di farle evolvere in tempi rapidi: adattamento evolutivo e neocreazionismo dunque sarebbero veri entrambi. Il principale argomento a sostegno di questa idea è il tempo relativamente breve impiegato dall’Homo sapiens (300.000 anni) per giungere al livello mai raggiunto da altri organismi che esistono da centinaia di milioni di anni.
L’uomo avrebbe avuto contatti con extraterrestri sin dalle ere più antiche. Questi esseri sarebbero le divinità delle società antiche e sarebbero stati raffigurati nell’antichità in diversi dipinti ed opere d’arte (egizi, maya, aztechi, popoli della Mesopotamia, romani). Gli extraterrestri si sarebbero manifestati anche in epoche successive: dipinti medievali e rinascimentali, specie a carattere religioso, raffiguranti Dio, il Figlio e gli angeli, mostrerebbero in cielo delle navicelle spaziali, a volte addirittura con degli angeli guidatori. Altri indizi della presenza di extraterrestri in epoche passate sarebbero celati in testi religiosi, come la Bibbia e il Rāmāyaṇa, o in opere di carattere storico.
Il ritrovamento di OOPArt, ossia “oggetti fuori posto”, in quanto “fuori dal tempo”, che vedrebbero l’uomo e la sua tecnologia molto più antichi rispetto a ciò che l’archeologia canonica afferma.

Ricordate il video mostrato qualche anno fa sulle antiche strutture trovate sulla Luna, che però ancora oggi nessuno ha confermato ma piuttosto ridicolizzato facendo sì che non se ne parlasse più, quasi cercando di nascondere, forse, una scomoda verità? Di seguito il famoso video che ho trovato in lingua spagnola. Se non conoscete la lingua limitatevi a guardate le immagini, sono quelle che contano.

E di quest’altro filmato cosa ne pensate?

Se non fossero un falso come qualcuno sostiene (ovviamente), non notate una somiglianza con due delle statue mostrate nelle immagini sopra? (riferito al secondo video)

Sempre se questa teoria corrisponde a verità, le tracce sulla Luna di quelle vecchie strutture non sono poi così diverse dalle nostre. Che in passato non sia esistita sulla Terra una civiltà più evoluta di noi tecnologicamente e abbia cercato di colonizzare la Luna per necessità. Il nostro pianeta ha attraversato molti cambiamenti dovuti a catastrofi naturali, forse un’antica civiltà terrestre ha reputato opportuno trasferirsi sulla Luna per un lungo periodo, fino a quando questo pianeta sarebbe tornato ad essere vivibile per l’uomo. La cosa non è poi così anomala se si pensa che l’uomo tra qualche anno inizierà il progetto per colonizzare in futuro Marte (non voglio andare oltre ci sarebbe molto da dire a riguardo, basta fare una ricerca su questo blog riguardo Marte), qualcuno non può aver pensato di colonizzare la Luna che dista a soli (si fa per dire) 384 mila chilometri dalla Terra, se veramente era più avanti di noi tecnologicamente?

Rating: 4.5. From 2 votes.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

loading...

LASCIA UN COMMENTO