Notizie ESP: Paralisi nel sonno o viaggio astrale?

Vi è mai capitato di svegliarvi durante il sonno, e rendervi conto di essere paralizzati?

La paralisi nel sonno, detta anche paralisi ipnagogica, è un disturbo del sonno in cui nel momento prima di addormentarsi o, più comunemente, al risveglio ci si trova impossibilitati a muoversi. Questo disturbo dura molto poco (al massimo 2 minuti dal risveglio o pochi secondi prima di addormentarsi), talvolta di più, ma mai per un tempo oggettivamente lungo. Durante la paralisi tutti i muscoli del corpo sono paralizzati, e nonostante la persona in cui il disturbo si manifesta sia del tutto cosciente, riesce a compiere pochissimi movimenti, in certi casi solo il movimento degli occhi, della lingua o alcuni lievissimi movimenti degli arti; comunque durante le paralisi non si verificano problemi respiratori.

Questo stato di paralisi è dovuto alla persistenza dello stato di atonia che i muscoli presentano durante il sonno ed è causato da una discordanza tra la mente e il corpo: il cervello è attivo e cosciente, e il soggetto riesce spesso a vedere e sentire chiaramente ciò che lo circonda. Nonostante ciò il corpo permane in uno stato di riposo. Ciò solitamente incute terrore e angoscia nell’individuo affetto dal disturbo. Le cause più comuni sono: mancanza di riposo, stress e ritmi di sonno irregolari. Spesso la “vittima” di tale paralisi prova a gridare per chiedere aiuto, riuscendo al massimo a sussurrare debolmente, provando la sgradevole sensazione di sentire la propria voce soffocata da qualcosa di anomalo.

La paralisi notturna è una delle scoperte sul sonno più sorprendenti: durante ogni fase REM (per 4 o 5 periodi ogni notte, dunque, e per un totale di circa 90 minuti) il corpo dell’uomo (ad eccezione degli occhi) è completamente paralizzato, non è possibile muoversi e si perde il controllo dei muscoli. Probabilmente, questa paralisi ha la funzione di difendere l’individuo dai movimenti inconsulti provocati dal sogno. Perciò il periodo di paralisi durante il sonno sembra normale. Ciò che è insolito è l’associazione di questo ad uno stato cosciente della mente.

paralisi nel sonnoUn modo inquietante per mostrare la paralisi nel sonno

Le paralisi nel sonno vanno distinte dalle illusioni ipnagogiche con le quali però possono accompagnarsi causando sensazioni particolarmente vivide e talvolta terrificanti. (fonte wiki)

L’altra faccia della medaglia (descritta da esperienze personali)

Si tratta di un fenomeno che prende il nome di paralisi del sonno, ed è spesso accompagnato da vivide esperienze sensoriali e percettive, che possono includere allucinazioni complesse e inquietanti e la paura intensa.

Cosa capita nella maggior parte dei casi?

  • Ci svegliamo perché ci rendiamo conto di non riuscirci a muovere, quindi apriamo gli occhi e proviamo un senso di frustrazione, paura, inquietudine, ma questo è dovuto dal fatto che veniamo presi impreparati nel sonno.
  • Siamo completamente paralizzati, nella maggior parte dei casi si riesce a chiudere solo gli occhi e muovere la bocca, a volte si ha la sensazione di poter parlare e girare la testa ma stranamente se urliamo ad una persona che ci sta accanto, non ci sente.
  • Può accadere una qualsiasi esperienza percettiva, dipende dall’individuo, non tutti provano le stesse identiche sensazioni.

    Rating: 3.8. From 22 votes.
    Please wait...

    Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
    * Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

    1
    2
    3
    4
    5
    loading...

34 COMMENTI

  1. Pochi minuti fa, mi sono risvegliato dopo essermi addormentato ascoltando un particolare solfeggio audio e leggendo un libro: il kybalion. Ho iniziato la lettura proprio questa sera e mi é rimasto impresso come ci sia scritto nelle prime pagine che il “libro arriva quando si é pronti”.
    Beh, comunque, stavo facendo un sogno abbastanza normale di vita quotidiana, ma ad un certo punto mi sentivo non propriamente trattenuto ma come se delle mani,forse piú di due, mi stessero mettendo del ghiaccio tutt’addosso, volevo liberarmi e cercavo di guardare chi fosse, ma percepivo solo sorrisi ( non capivo se qualcuno volesse scherzare con me o mi derideva).
    Dopo vari tentativi mi sono liberato e mi sono svegliato con il cuore a 3000.
    Non so perche,mi ritrovo alle 4:27 di notte a scrivere qui, e pensare che ho errato…percepisco solo ora che avrei dovuto lasciarmi andare e vincere quelle mani, che altro nn sono che la mia battaglia in questo pianeta per questa vita.

  2. Ciao, proprio questa sera credo di essere stata vittima di una paralisi del sonno, però leggermente particolare. Mentre dormivo facevo piú volte lo stesso sogno e sempre verao la fine del sogno c’era qualcosa che mi “attaccava”. Quando mi sono “svegliata” non riuscivo a muovermi e in piú la cosa particolare è che il mio corpo sobbalzava in modo continuo e non sinceramente non so se riuscivo ad aprire a muovere gli occhi o meno so solo che li avevo leggermente aperti e vedevo la stanza con un sottotono marroncino e sentivo come se qualcosa volesse entrare dentro di me e per questo il mio corpo sobbalzava! Provo a chiamare mia madre accanto a me ma (avevo la voce soffocata) ma nulla ho provato a spostare il braccio e ho iniziato a punzecchiarla mentre la chiamavo e poi nulla mi sono svegliata
    Ah e in piú i sobbalzi erano finiti dopo un po che avevo iniziato a chiamare mia madre
    Mi scuso per gli eventuali errori e spero che mi darai una tua risposta con un tuo parere!

  3. una notte non riuscivo ad addormentarmi , e per non disturbare mia moglie mi spostai in un’altra camera . quando ero tra veglia e sonno , sento un rumore , come quando si calpestano foglie secche , ma non ci badai piu di tanto. ero in pancia in su ,e di colpo mi sento messo in croce , con due forze che mi schiacciavano le braccia, ed altre sulle gambe . qualcosa mi stava soffocando col cuscino , e mi trasmetteva in pensiero ,,io ti uccido ,,,io ti uccido. provai a chiamare mia moglie ma non potevo muovere la lingua. quando gia sentivo il cuore che mi scoppiava , in modo molto cosciente pensai .. se esiste il male esiste anche il bene . cominciai a pregare il padrenostro mentalmente . e nello stesso momento che lo feci quella forza che mi stava soffocando , mi lascio’ . vidi come essa , sotto forma di scariche elettriche strisciando per il soffitto della camera spari’ per una delle finestre . volevo sforzarmi a pensare che si trattasse di un incubo .di un brutto sonno , ma avevo lividi sulle braccia e gambe , dove sentivo ancora il dolore di quel attacco spirituale , non mi viene altro modo di chiamarlo . tutto fu vissuto in modo cosciente , e consiglio a chi soffre di questi attacchi che praticamente paralizzano tutto il corpo . di pregare a CRISTO , dirigersi a lui , nessuna persona fisica puo’ salvarti in quel momento . UN CARO SALUTO A TUTTI , COLORO CHE HANNO SOFFERTO QUESTI ATTACCHI O LEGGONO IL COMMENTO SPERANDO CHE VI POSSA SERVIRE

      • si in parte’condivido, dipende dalil’intensita’ e lo stato di coscienza nel quale ci si trova e vengono create le forme pensiero TUTTI NOI respiriamo in modo incoscente ,sia di giorno che quando dormiamo anche se con differenti ritmi vivendo nel mondo spirituale dove vivono anche esseri eterici, il sonno e’ ,un viaggio astrale incosciente.OGNI volta che avviene una modificazione del respiro in stato cosciente o semi cosciente ci troviamo a vivere con queste entita eteriche ,la cui qualita’ spirituale e’ relazionata alle nostre azioni del presente e del passato, volevo caratterizzare cio’ dato che la paralisi di sonno avviene sempre quando esiste una modificazione del respiro e ci si trova in uno stato cosciente o semi cosciente. PER FINIRE penso che le religioni , con la spiritualita’ non abbiano nulla a che fare ed il CRISTO che va al di la di ogni religione e’ molto reale, messo al centro della nostra vita ci libera da questi mali che spesso risiedono nel nostro subconscio ìe son relazionati alle nostre azioni del passato , ma il subconscio come il passato agisce in modo parallelo al presente ed al cosciente . grazie per l’opportunita’ di avermi fatto conoscere tramite la tua pagina persone che hanno vissute questa esperienza non certo gradevole . c’e molto da imparare specialmente cosa che avviene neli’addormentarsi. un abbraccio

  4. In Sardegna, la paralisi nel sonno e l’apnea notturna venivano tradizionalmente attribuite a una figura leggendaria piuttosto raccapricciante, il folletto dalle sette berrette. Ci hanno fatto anche un film “https://www.youtube.com/watch?v=viIR7JktT7s”

  5. Io non so come si chiami questa cosa…..o cosa sia……quello che so è che mi sono sfvegliato di notte e la posizione che avevo era a croce cosa strana perchè dormo sempre tutto storto…..
    Sopra di me è come se qualcuno o qualcosa mi stesse prosciugando della mia linfa vitale e non riuscivo a respirare e solo grazie alla forza di volonta sono riuscito a liberarmi

  6. io soffro spesso di paresi ipnagogica e un giorno parlando con un mio amico e di come affrontavo il problema mi disse perche’ non provi alasciarti andare?ovvero non cercare di svegliarti a tutti i costi ma vedere cosa succede…..e spero non pensiate male ma quello che ho vissuto una volta ha dell’incredibile.una volta che son riuscito a “staccarmi” ho cominciato a volare nel buio,almeno la sensazione era quella,e la mia preoccupazione era quella di poter tornare “indietro” e in quel momento vidi una specie di fune luccicante come d’acciaio e non mi preoccupai piu’…..arrivai in una stanza dove c’era una figura tipo le carte da gioco(mi sembrava cosi’) che sembrava parlasse….e poi mi son svegliato col cuore che andava a mille……ogni volta che mi succede questo ho come la sensazione di staccarmi e poi arrivare sempre in una stanza,l’ultima volta c’era una stanza quasi buia tipo cantina con tutte mani trasparenti e colorate tipo bicchieri di plastica……vivo la mia vita come tutti ma quando capitano queste cose non so dare un significato

  7. Ciao,a me spesso capita quando sono su un fianco,mi sento una forza opprimente da dietro le spalle come se mi volesse schiacciare la testa,cerco di muovermi e urlare ma nulla,apro gli occhi ma non riesco a vedere nulla,mi sento impotente..faccio forza,mi arrabbio e riesco a liberarmi,mi sveglio davvero arrabbiata e ovviamente resto infastidita durante la giornata,ormai capita sempre piú spesso!!!!Se non capita questo a volte invece avverto un attimo prima di addormentarmi la senzazione di restare immobile,completamente “risucchiata” dal letto (a pancia in su) e dei capogiri,come se ruotassi e durante quella stessa sogno di andare in posti mai visti,al mio risveglio la senzazione é reale,come se davvero avessi fatto un viaggio quella notte.

    • Ciao Roberta, è passato diverso tempo dall’ultima volta in cui mi sono trovato a dover gestire una situazione molto simile alla tua, d’altra parte la paralisi del sonno è un “fenomeno” che si presenta in maniera simile a tutte le persone, non importa in quale luogo del pianeta ci si trovi. Qualcuno ha pensato anche di farci un film documentario – The Nigthmare, dove vengono intervistati alcuni ragazzi che raccontano le proprie esperienze.

      Come te, l’ho vissuta in prima persona per cui ho guardato il documentario più che altro per confrontare le mie situazioni. Diciamo che le sensazioni sono le stesse quasi per tutti coloro che hanno sperimentato la “paralisi notturna”, ciò che ci distingue sono le visioni, che probabilmente cambiano a seconda della nostra personalità, esperienze, cultura, spirito…

      Purtroppo non è per nulla semplice capire cosa ci accade in quei momenti, l’unica mia certezza è che non sono utili per eventi futuri, diversamente da “alcuni” sogni lucidi, dove successivamente si potrà constatare che accadono realmente certi fatti (perlopiù robe personali, anche banalità di cui potremmo farne a meno…).

      Di solito, quando vivevo queste situazioni, avevo a che fare con persone defunte, strane presenze, alcune sembravano voler assorbire la mia energia, altre non facevano assolutamente nulla, mi guardavano, una volta ho visto anche un bambino/a, avrà avuto 2 anni al massimo, era seduto davanti a me e mi parlava come un adulto, il problema è che in quel caso mi spaventai sbloccandomi in men che non si dica (era troppo vicino, mi colse impreparato 😉 ). Poi mi pentii perché pensai che forse quel bimbo voleva dirmi qualcosa di importante, il suo sguardo non era minaccioso era un bebè normalissimo, però come avrai anche tu constatato, quando ti sblocchi, e in un certo senso “riacquisti la lucidità” dopo non è più possibile rientrare in quello stato (ho tentato diverse volte).

      Ad ogni modo, questo è un argomento molto ampio, ci si potrebbero scrivere dei libri, per cui cercherò di andare dritto al punto.

      Se questo fenomeno non è piacevole (per alcuni lo è) dovresti cercare il modo di disinteressartene.
      Molto probabilmente non mi capitano più certe esperienze perché ormai sono così convinto dell’esistenza di certi fenomeni, che non provo più alcun senso di paura (probabilmente è quest’ultima una delle cause principali (paura dell’ignoto)).

      D’altro canto la suggestione è molto importante, infatti non è raro leggere in libri che trattano certi argomenti, consigli per autosuggestionarsi prima di andare a letto (viaggi astrali, sogni lucidi), prima di una seduta/invocazione, o di un autoipnosi, ecc. In effetti potresti autosuggestionarti affinché tu non debba vivere forzosamente certe esperienze.

      Se dietro ai tuoi fenomeni di “paralisi notturna” non ci sono altri fattori (tipo: stress, depressione, schizofrenia, e molti altri che non elencherò perché non sono un medico) puoi semplicemente fregartene costruendoti una sorta di scudo. So che sembra difficile, ma in realtà basta prenderne coscienza accettandone l’esistenza. Dovrai distorcere l’attenzione da quanto ti capita durante la notte, il “chissenefrega!” in molti casi funziona. Il fatto è che non siamo tutti uguali, a me è bastato distorcere l’attenzione concentrandomi in altre cose, altri pensieri…

      Se sei di quelle persone che provano strane sensazioni durante la notte (senti delle presenze non volute), basta mandarle a quel paese (mentalmente), senza troppa cattiveria perché non funziona. C’è una soluzione per quasi tutto, dimostrati forte (lo sei realmente, come spirito/energia), applica una buona dose di forza di volontà e convinciti che non potrà mai succederti niente. Le presenze che eventualmente vogliono infastidirti, non possono far nulla, è rimasto loro solo lo spirito mentre tu hai ancora un corpo, sei molto più forte di loro, devi solo convincertene. Inoltre, nei sogni lucidi sei in grado di spostare le montagne col pensiero, come ti dicevo, basta prenderne coscienza.

      Da quando ho cominciato ad occuparmi di altro, mettendo in disparte il “paranormale” (argomento del quale provo sempre una certa attrazione) non ho più avuto esperienze simili, ogni tanto faccio qualche sogno premonitore (quelli non puoi evitarli). Prima prendevo nota dei miei sogni, e la cosa era molto utile soprattutto per la memoria. Come ben saprai, normalmente gran parte dei sogni non li ricordiamo. Addirittura alcune persone sono convinte di non sognare 😉 .

      Il nostro inconscio si presenta puntualmente durante la notte attraverso i sogni, dal più banale al più complesso. Se la nostra priorità è per esempio, imparare una nuova lingua, durante la notte il cervello cercherà di mettere insieme quanto abbiamo appreso fino ad ora, così da poter agevolare l’invocazione di questa memoria nascosta da qualche parte nella nostra mente. Anche per questo è importante dormire. Questa cosa è molto più evidente quando siamo così interessati ad un argomento quasi dall’essere ossessionati, in effetti in certi casi durante la notte può capitare di svegliarsi con fastidiosi mal di testa.

      Magari non funziona cono tutti, ma molte volte basta non fissare troppo l’attenzione su certi argomenti, perché come dicevo, l’inconscio non dimentica nulla…

    • A me sfortunatamente non capitano più da molto tempo .La prima volta mi è capitato a 13 anni e pensavo che stessi per morire . Poi , superato questa fase , verso i 20-30 anni incominciai a studiare la strana sensazione . Mi divertivo molto perchè mi sembrava di materializzare e vivere tutto ciò che pensavo tipo : volare sopra la città , volare verso il sole o tra le stelle ,vedere persone che non conoscevo o amici , distese di fiori , mare in tempesta o calmo . Mi sembrava di fare tutto ciò che volevo e poi quando mi volevo svegliare mi concentravo e facevo un profondo sospiro . A distanza di anni l’unica cosa che mi lascia perplesso è che a 14 anni , quando mi sembrava di volare sulla città , vedevo tutti i palazzi in prospettiva come quando vedi dall’aereo che sta per atterrare . Io a 14 anni non ero mai stato su un aereo e non avevo nessuna conoscenza prospettica di come appaiono gli oggetti (palazzi ) se guardati da una grande altezza . E’ possibile che l’essere umano possa entrare in un altra dimensione e che le illusioni ipnagogighe siano realtà extra-sensoriali alle quali possiamo accedere solo in un particolare stato della coscienza ? Non lo so…Anche se sono un pò scettico non riesco a dare una spiegazione valida . Forse per capire qualcosa di innaturale dobbiamo pensare senza preconcetti o barriere mentali . Einstein diceva che per capire l’universo non dobbiamo pensare con le conoscenze di fisica attuali ,ma liberare la mente e pensare diversamente ….. Ora ho 64 anni e dopo i 30 anni queste esperienze sono diventate molto rare per cui non ho potuto affrontare il problema con la mente libera dalle mie conoscenze . Non avere paura e cerca di capire aprendo la mente …

  8. Cosa strana capitatami (2013)

    Avevo circa vent’anni, e perché
    mi affliggevo per un certo motivo,
    mi misi seduto su divano, nello stesso
    luogo dove oggi dipingo ceramica.
    Rilassandomi in posizione yoga,
    inspirando ed espirando un profondo Om,
    binja mantra, mi capitò di sentire un tuffo
    al cuore e di veder il mio corpo piegarsi,
    mentre io assumevo ancora quella postura.
    La luce era un po’ diversa, come di ora
    più meridiana; poi, sentii alla mia sinistra
    una voce, e mi diceva di non preoccuparmi:
    c’era una sfera luminosa, dentro a essa
    rividi il mio stesso parto e i primi anni
    dell’infanzia, attaccato alla gonna
    di mia madre. La stessa voce mi rassicurò
    che mi stavo assillando troppo per il futile;
    dopo di ché, non so come, mi ritrovai
    sdraiato. Questa fu un’esperienza troppo
    particolare, più non praticai lo yoga,
    ma sospetto che tutto ciò mi sia capitato
    grazie ad area cerebrale particolare,
    che fa del dentro il fuori e del nulla
    il tutto della vita a cui partecipo.

    • la pratica dello yoga al contrario di quel che la maggior parte delle persone crede e’ un esercizio non adatto per la popolazione occidentale , e spesso puo’ rivelarsi nocivo .

  9. tutto quello che hai scritto mi sta succedendo, e mi è successo a me.
    la prima notte fu 4 anni fa ora ho 21 anni.
    la prima volta era stato una cosa spaventosa,
    vedevo 5 ombre davanti a me,io sdraiato a pancia in su,
    riuscivo a vedermi a guardarmi come se fosse il riflesso di uno specchio.
    vedevo me sdraiato a crocefisso che guardavo loro,queste ombre.
    non mi spaventai delle ombre, anche perchè il giorno prima provai a contattare un demone
    di nome malphas,quindi pensai che fosse il mio subconscio.
    ma la cosa che mi spavento di piu erano queste ombre che sembrava,che mi squartassero.qualce minuto dopo non vidi me,ma vidi le loro braccia sfocate che mi toccavano ovvunque.
    come se fossi ritornato nel mio corpo.
    qualche minuto dopo mi svegliai,ma non riuscivo a muovermi,pessai di essermi svegliato,ma non riusci a muovere nessuno muscolo del corpo.ci provavo e riprovavo,cercavo di urlare,di chiamare mia madre,ma niente non veniva a svegliarmi.dopo qualche minuto apri gli occhi,con il letto pieno di sudore.
    negli anni dopo i ”sogni”se si possono dire sogni,cambiavano.tranne per la paralisi di tutto il corpo quello rimaneva,sentivo voci,suoni fastidiosi,come un suono acuto.molto fastidioso
    non so come spiegare queste cose questi sogni o incubi.
    ma da allora ogni amplificatore ,o cassa sonora che toccavo si distorce,come se smettesse di inviare i segnale.infatti in casa per poter ascoltare la musica a tutto volume mi devo mettere dei guanti di lattice.
    certe volte non basta il lattice,succede anche mentre penso molto a qualcosa.solo se chiudo gli occhi,rincominccia a funzionare tutto…
    non so cosa mi stia succedendo.
    non so a cosa mi sono messo in contro.
    anche perchè dopo malphas incominciai a crederci ed acculturarmi.
    pensando che fosse questa entita la causa di tutto.

  10. cari lettori, non date retta alle stronzate e lasciatevi andare: tutto questo guazzabuglio, cioè le allucinazioni, le presenze oscure, i demoni, fanno parte del nostro subconscio, e ognuno poi le interpreta secondo la propria emotività e secondo le maniere più disparate. dico questo perchè anche io fino a molti anni fa mi sentivo preda delle allucinazioni, e sentivo mostruose presenze che sembravano volersi impadronire di me incutendomi estremo terrore, ma poi ho scoperto con mia grande sorpresa, che tutto questo era un preludio per fare viaggi astrali controllati; ed ora che ne ho acquisito padronanza, al contrario, non vedo l’ora che il mio corpo si addormenti, o meglio che l’io prenda nuovamente coscienza per staccarsi dalla mente e viaggiare velocemente nelle dimensioni, appunto,astrali come sogliono chiamarsi. tutto quello che dovete fare è CONTROLLARE LA VOSTRA PAURA:lasciare tuttavia che queste sgradevoli suggestioni vi scivolino addosso. potrebbe sembrare un controsenso, ma data la mia quarantennale esperienza,posso affermare che niente e nessuno in realtà potrà farvi del male. ultimamente, mi è capitato di avere sperimentato una paralisi notturna, di quelle ipnagogiche secondo cui non riesci neanche a emettere un lamento. al contrario quando mi accade questo, e sento quella solita VIBRAZIONE, mi preparo e sorrido, perchè so che è giunto il tempo di uscire dal corpo; quindi, in sostanza, mi lascio andare. lascio che tutto questo mi sfugga dalla mente: mi faccio travolgere dalle sensazioni, perchè altro non sono, e mi spingo solo con la mente fuori dal corpo, come se volessi alzarmi dal letto. lo so, è difficile inizialmente, ma controllando la mente potrete viaggiare. consiglio molto di non sforzarvi inutilmente a muovere gli arti del corpo, perchè non ci riuscirete, e fatelo solo con la mente. vedrete così che il vostro io astrale si sdoppierà facilmente, e potrete ammirare il vostro corpo che giace immobile sul letto. in alternativa alla vostra stanza, potrete così spiccare realmente un VOLO PINDARICO e adare dove volete, anche da un vostro amico che dorme, o fa le ore piccole mentre lo spiate inosservato.TRANQUILLI, non vi accadrà nulla anche se doveste sentire qualche demone che vi tira un piede per gettarvi giù dal letto: è solo una reale immaginazione se si può dire così; anzi, fate in modo che questo accada, e scivolerete via dal vostro corpo come una piuma, o un lenzuolo che cade leggero dal materasso. io ci vado a genio: mi diverto, e ogni volta scopro cose nuove, c’è chi non crederà a questi viaggi astrali, e anche il fanatico religioso, ma provateci; non posso scrivere un libro qui! buona paralisi allora!

  11. Per beppe: perché nel none di Gesù ogni ginocchio si piega, nei cieli in terra e sotto terra, perché egli è il figlio Unigenito di Dio e nostro Fratello! !!!

  12. avete troppa paura, pensate troppo alle tradizioni ed alle superstizioni mediche che vedono questo fenomeno con occhi spaventati e non ne conoscono l’origine. In realtà è un dono e voi avete la forza sia per scacciare ogni illusione e presenza malefica, sia per spingervi oltre e vedere cosa c’è un po’ più su. Controllate la paura, quella sensazione di immobilità è soltanto un segno per dirvi che siete in certe condizioni, che siete in un altro corpo. Pensate che volete proteggere i vostri corpi e la vostra anima e che volete andare in alto, o magari che volete vedere un posto, o magari che volete parlare con qualcuno che vi spieghi, possibilmente non chiamate i vostri cari defunti.
    Distinti saluti e davvero un bell’articolo.

  13. Beh volevo contribuire con la mia esperienza di paralisi del sonno, ma esula molto da tutte quelle che ho avuto modo di leggere qui, e mi ha devastato psicologicamente, se devo essere sincero non ricordo formicolii o peso sul torace ma di percepire degli echi come in una caverna buia a me inizia cosi’:

    continua poi come udire uno sgocciolio dal soffitto di questa caverna (sempre nel buio piu’ totale) seguito da sbattiti di piccole ali come uccelli o pipistrelli in seguito sussurri, crepitii come battiti di mani …al culmine di questa infinita’ di suoni , cominciano le allucinazioni visive: se mi muovo non e’ per mia volonta’, (la presenza maligna e’ percepibile , ma di solito si manifesta come una proiezione psichedelica coloratissima che verso la fine tende a prendere la forma di una faccia con una bocca enorme (la sensazione e’ estremamente negativa) che tende a inghiottirmi piu’ volte, tengo a precisare che una volta mangiato cioe’ mentre sono in viaggio all’interno delle sue fauci, da lontano se ne ripresenta un’altra che mi fagocita nuovamente, questo per svariate volte…al culmine della ”cosa ” mi ritrovo a volteggiare per le stanze a testa in giu’ e distinguo chiaramente il pavimento e il disegno delle piastrelle.

    Tento di svegliarmi urlando ma senza risultato,come se cercando di riempirmi i polmoni di aria potessi liberarmi ma non esce che un lieve gemito.

    Addirittura una volta mi sono svegliato in piedi dietro la porta della cucina…rabbrividisco a rammentare queste cose…
    Non sono entrato in tutti i particolari ,per amor di brevita’.
    Il risveglio avviene di botto, di solito sono sudato e zuppo.
    Vi garantisco che e’ terrificante.
    Mi chiedo :perche’ queste sensazioni sono sempre maligne ?????
    Ora sono 2 anni che non mi succede piu’ ma qualche volta quando cominciano i sintomi della paralisi (premetto che non sono praticante di nessuna religione, anzi prima ero ateo convinto) chiedo aiuto nel nome di Gesu’ e la cosa si ferma li’ , non ho idea del perche’ ma questo rimedio e’ una potenza.

    Saluti Beppe.

  14. Ciao, ho letto questo articolo per cercare una risposta.. per capire perché molto spesso faccio sempre lo stesso sogno…da come ho letto mi sembra di essere anch’io nella fase di paralisi nel sonno. Adesso ti spiego…anche se non riesco a descriverlo dettagliatamente. Intanto, tutte le volte che succede sono a pancia in su. La mia sensazione sta sempre nel fatto che non riesco a muovermi, mentre ad occhi chiusi vedo me stessa vestita con una camicia da notte bianca, sospesa a mezz’aria in orizzontale a pancia in su..intorno a me è tutto nero e sento (anche nella realtà) un energia pazzesca nel mio corpo, una sensazione che sembra che qualcuno stesse succhiando via la mia energia…la mia anima…non so come spiegarlo. Tutte le volte che lo sogno, oltre al fatto che non riesco a muovermi e non aprire gli occhi, io sono consapevole in quel momento che sono sveglia in realtà…so che sto sognando ma il mio cuore va all’impazzata. Tutte le volte è sempre così. Poi è vero anche che spesso quando sono sveglia sento una forte energia intorno a me…come se ci fosse una presenza, qualcuno che mi osserva ma non c’è nessuno. E questo tutte le volte mi porta ansia, mi dà fastidio.

  15. Ciao! Ho scovato per caso il tuo blog. Chissà se è lo tieni ancora attivo…la prima volta che mi è successo avrò avuto tre anni…quando l’ho raccontato ai miei genitori oltre a farsi una grossa risata mi hanno liquidata con un “era un sogno”. Così capii che dovevo tenere tutto per me…non ti dico che infanzia…fino a che una volta accadde che una di quelle ombre mi stava uccidendo. Mi soffocava davvero, cercavo di lottare (stando ai medici non sarei stata in grado in quanto paralizzata…o se fossi riuscita a farlo in pochi secondi avrei ripreso coscienza). Mano a mano avevo sempre meno forza e mentre mi stavo lasciando andare una figura meravigliosa lucente mi ha alzata sollevata (forse sono uscita dal mio corpo con l’anima) e poi mi ha ti adagiato nel mio corpo. È rimasta un po’ ad osservarmi con un’espressione talmente serena…ho il suo volto nella mente come fosse una fotografia…una delle sensazioni più belle che abbia mai provato. Si allontanò da me fino a sparire. Chiedi con tutte le mie forze che quella cosa smettesse. E così è stato. Ho chiesto di smettere di vedere e di sentire. E così è stato. Anche nel senso fisico: ho perso di colpo 6 diottrie di vista e un acufene ha iniziato a fischiarmi nelle orecchie… Ho “dormito” per quasi 15 anni. Poi qualcosa ha iniziato a dirmi che dovevo cercare qualcosa. Ho deciso di riaprirmi e piano piano sta succedendo. Mi succedono cose assurde ma non ho più tutta la paura di allora. Rimane sempre perché sento il momento arrivare e faccio fatica a lasciarmi andare a vivere questa cosa…proprio 2 notti fa mi è successo e piano piano cerco di lasciarmi andare. Col risultato che ho sentito una voce sussurrarmi delle cose. Purtroppo non ricordo tutto quello che mi è stato detto ma solo una parte del discorso…ed era una voce amichevole. Nel mentre che parlava mi vedevo dall’alto. Mi vedevo a letto, con gli occhi chiusi girare la testa da un lato all’altro. E sono curiosa di sapere come andrà avanti quest’esperienza….

    • Ciao Luna, la questione della paralisi del sonno è abbastanza complicata perché può dipendere da diversi fattori che non starò qui ad elencare per ragioni di spazio. Ti posso dire però, che personalmente non mi sono mai trovato a combattere fisicamente (in quelle condizioni) con una qualche entità, proprio perché non riuscivo a muovermi. In un solo caso mi è capitato di lottare “mentalmente” con questa strana entità che ad un certo punto si è volatizzata aprendo una sorta di portale sul pavimento dove ho visto delle luci (sfere) colorate. Questa è stata senza dubbio l’esperienza più forte che ho provato in uno stato di paralisi notturna.

      Credo nel paranormale (in generale) perché ho le mie ragioni e poco importa quello che pensano gli altri, d’altro canto “probabilmente” al loro posto mi comporterei allo stesso modo. Certe cose sono talmente inverosimili che solo provandole sulla tua pelle capisci di che si tratta. Una persona sana (che non si droga e non usa farmaci) non può far finta di non aver visto nulla o accontentasi di “una semplice allucinazione” o “scherzo della mente”.

      Ho conosciuto persone dove lui ha sempre sofferto di paralisi notturne fin da piccolo, e quando ha cominciato a convivere con la propria donna, quest’ultima ha iniziato a lamentare di soffrire dello stesso problema (prima di conoscerlo non le era mai capitato). Ora, mi farebbe davvero piacere che un medico mi spiegasse questa cosa… 😉

      È ovvio che avviene più di una semplice allucinazione ipnagogica.

      Devo ammettere che nel tuo caso mi fa strano (passami il termine) che hai perso addirittura 6 diottrie.

      La tua esperienza (di qualche giorno fa) ha tutta l’aria di essere un viaggio astrale, e forse lo era anche la prima dove raccontavi di aver lottato con questa strana entità. In effetti solo in quel caso potresti aver potuto lottare.

      Ad ogni modo devi sapere che in quei casi basta l’intenzione (affermazioni mentali) per “sconfiggere” le nostre paure. Nel mondo astrale puoi trasformarti in una sorta di dio, poiché sei in grado di trasformare l’ambiente con il solo pensiero (è comunque importante “crederci”).

      Prova a leggere qualche libro di William Buhlman, questo ad esempio → Come uscire fuori dal corpo. Viaggiare nel mondo astrale e sperimentare il sé superiore potrebbe esserti utile.

  16. Poco fa i sono svegliato nel pomeriggio mi e’ capitata la paralisi come si chiama del sonno ma non e’ la prima volta mi e’ capitato un sacco di volte di avere questa sensazione di essere sveglio ma non riuscivo a muovermi , non riuscire a parlare e a chiamare la persone che dormiva affianco una brutta sensazione oggi ero da solo a casa immaginate la paura .Ho notato che prima di svegliarmi e come se tornassi nel sonno e poco dopo mi trovo sveglio la stessa posizione …quindi come se avessi sognato di essere bloccato ma non di essere sveglio …l’articolo pero’ dice di che siamo svegli questo e’ inquietante!

  17. Anche io ho avuto queste esperienze e ai tempi circa 10 anni fa pensavo di essere un po pazzerella.pazzerella ma come Alberto mi credo molto intuitiva appassionata della mente curiosa ecc. . Anche io ho nelle mie paralisi vedevo letto molto più lungo .mi dimenavoo con forza per liberarmi di questa presenza scura sul mio petto ma non mi muoveva. Urlavo mamma mamma con tutta la voce e non un fiato! Provavo disperazione totale e dopo un po non respirava più! Mi dicevo di svegliarmi che era un sogno come spesso mi capita di svegliarmi a comando quando ho paura.ma li nulla!mi sapevo già sveglia! Sono affascinata da queste cose e nella quotidianità cerco risposte a quesTe stranezze!

  18. Mi è capitato questa mattina e non era la prima volta.. È tutto il giorno che sento questo stato di ansia dentro! E quando ne parlo reagiscono come fossi una malata mentale o chissà cosa.. Mi piacerebbe parlarne con qualcuno che ha provato lo stesso, il tuo articolo è stato davvero d’aiuto! Ti racconto la mia esperienza: È mattino, sono le 8,40 e sono ancora a letto. Non ho voglia di alzarmi e mi lascio cullare dal leggero vento prodotto dal ventilatore. Sono sdraiata a pancia in su e guardo serena il soffitto, le ombre che si proiettano grazie al gioco di luci della tapparella ancora abbassata mi catturano quando sento una pressione sul mio corpo. Forte decisa. Per scacciarla inizio a calciare.. Uno due ma poi le mie gambe di bloccano, i polsi, le braccia.. Non ho il controllo del mio corpo. Cerco di alzare la testa ma niente. Nulla mi trattiene, urlo più forte che posso ma la mia voce rimbomba nelle orecchie come da un vecchio stereo lontano.. L’angoscia prende il sopravvento, vorrei scappare vorrei urlare ma non posso sono lì e sento ogni muscolo contrarsi senza libertà di movimento. Cerco di tenere gli occhi aperti, grido: “bastardo vigliacco fatti vedere”. Niente nessuna risposta. Riesco ad alzarmi ma è come se su di me gravasse una tonnellata, la stanza e inclinata come se fosse in discesa, o forse sono io ad essere piegata.. Continuo con le urla vuote, il respiro è spezzato ma combatto.. IO DEVO USCIRE DA LÌ! Poi gli occhi si chiudono, solo ansia intorno a me, non riesco a tenerli aperti, mi gira la testa.. Mi arrendo. la prima volta ero spaventata poi ho iniziato a provare solo rabbia

    • Ciao Roberta,
      ho provato diverse esperienze di questo tipo, ma non mi è mai capitato di non riuscire a tenere gli occhi aperti, la verità è che sono diversi i fattori che determinano questa strana sensazione. Come ho già detto, questa cosa l’ho provata più volte sulla mia pelle, inoltre, ho avuto l’opportunità di parlare con altre persone (fidate) che hanno vissuto questo fenomeno decine di volte, e ti posso dire che non sempre è legata al “paranormale”. Io stesso ho notato che si diventa coscienti (quindi ci si sveglia, ma con l’impossibilità di muoversi) anche quando (probabilmente) il nostro cervello reputa che ci troviamo in una situazione di pericolo imminente. Ad esempio mi è capitato un paio di volte (fortunatamente non mi è più successo da allora…) che per qualche assurda ragione non riuscivo più a respirare, una volta mi trovavo a pancia in su e l’altra nell’esatto contrario, quindi con la bocca rivolta sopra il cuscino, una cosa inspiegabile, ma è successo, forse in quel momento provavo un piccolo dolore al collo e inconsciamente mi sono messo in questa posizione da “suicidio” ;-). Sta di fatto che mi sono svegliato, e ti assicuro che un risveglio del genere non lo auguro a nessuno. In pratica non potevo muovermi, ed ero con gli occhi aperti, stavo soffocando e non potevo far nulla. Ciononostante, riuscivo appena a sbattere un piede sul longherone (fianco del letto) cercando di attirare l’attenzione di qualcuno, ma niente …potevo morire soffocato. Fortunatamente l’adrenalina che mi si è messa in circolo per autodifesa mi ha permesso di sbloccarmi. Ho messo così tanta forza che sono praticamente saltato dal letto. 😉 Ricordo che il cuore mi batteva a mille, già cominciavo a pensare che non ce l’avrei fatta, e sarebbe stata una morte assurda. Ancora oggi non capisco come sia stato possibile, è stato come se qualcuno mi avesse preso dalla nuca e schiacciato la faccia contro il cuscino, ma sono sicuro al 200% che nessuna persona fisica ha fatto questo. Ricordo solo che in quel momento prima di svegliarmi, mi trovavo davanti ad una strana creatura poco umana, aveva gli occhi rossi ed era pallida, ma non mi faceva nulla, né tentava di spaventarmi né interagiva, al contrario sono stato io ad andare verso di lui perché mi sembrava di conoscerla. Tuttavia sono convinto che non è stata sicuramente questa creatura a svegliarmi, la ricordo solo perché in quel momento presi coscienza.

      Ti ho raccontato questo episodio proprio per farti notare che a volte ci capita per un “problema fisiologico”, dovuto magari da una carenza, come l’impossibilità nel respirare come nel caso appena descritto. E come se il nostro cervello ci avverta che dobbiamo svegliarci perché siamo in pericolo, e a quel punto non importa se siamo ancora bloccati, perché è necessario agire subito.

      Poi c’è l’altra paralisi del sonno, quella che io amo, anche se mi prende quasi sempre alla sprovvista e non reagisco mai come vorrei/dovrei. Quest’ultima è legata (secondo me) al paranormale, ne sono praticamente certo ma è una cosa mia, per cui non posso garantire per tutti. 🙂 Solitamente quando mi capitano questi “incidenti” mi trovo davanti a persone defunte, a volte mi è capitato di parlare o ricevere “consigli”, mentre altre volte mi sono trovato davanti a strani esseri oscuri come quello descritto nell’articolo. In verità queste energie, creature, o chiunque siano, non fanno nulla di terribile/spaventoso. Non è mai stata, la loro immagine poco chiara (indefinita) a trasmettermi paura, voglio dire, vedere un orso incarognito, o un bambino che ti sorride è la stessa cosa, poiché di natura l’ignoto ci trasmette quel senso di insicurezza, non ci sentiamo protetti. Chissà perché?
      In realtà ho scoperto che basta reagire per capovolgere la situazione, con il solo pensiero riusciamo a smembrare queste creature che sembrano (in alcuni casi) volerci succhiare l’energia, non so come caspita facciano, né come sia possibile assistere ad una scena del genere. Questo ci fa capire quanto poco conosciamo, o in un certo senso, quanto siamo ciechi. Ciò che percepiamo della nostra realtà è sicuramente incompleto, ma la cosa triste è che non c’è modo di interagire coscientemente con queste “altre dimensioni”. Tutto, pare debba avvenire solo quando il nostro corpo si trova a riposo, per cui non è possibile percepire certe “energie” in maniera così chiara durante la veglia (non parlo delle voci e/o messaggi di cui si servono alcuni medium per aiutare la gente a risolvere casi/questioni). D’altro canto pare che l’essere umano non ne possa fare a meno, il sogno è necessario non solo per rigenerare l’organismo, ma anche per entrare in contatto con queste energie, tant’è che penso facciano parte della nostra vera natura.

      È un discorso delicato e forse poco razionale, ma sono convinto che in natura non siamo altro che energia e per riequilibrare, depurare, e riuscire a sopravvivere dentro questo corpo, abbiamo bisogno di entrare/attraversare queste fasi che comprendono anche la catalessi notturna.

      Fantasie, allucinazioni, che importanza ha? Secondo diversi scienziati/ricercatori la stessa vita quotidiana è un’allucinazione (ologramma) creata dal nostro cervello, tutto è davvero poco comprensibile per la mente umana, ma questo non significa che certi fenomeni non sono reali.

      Infine, prima di terminare, aggiungo che ho conosciuto persone che facevano coppia (uomo/donna) dove lui soffriva di paralisi notturne da praticamente una vita, con tanto di allucinazioni e incubi. Lei totalmente scettica sull’argomento, ma dopo qualche mese di convivenza ha cominciato a lamentare lo stesso disturbo. Questo come lo spiega la scienza? Mi piacerebbe davvero saperlo…

  19. Non posso dire di aver vissuto un’allucinazione ipnagogica all’alba scorsa qunato piuttosto un fenomeno di auto-ipnosi trattandosi di spontanea volontà a chiudere gli occhi, controllare il respiro giuntare le dita delle mani e meditare…considerando proprio quelle dita giuntate come un’esperimento di “focalizzazione”.
    Cio che é successo appena dopo é stata la netta perfezione di vedermi al di fuori del corpo leggermente assottigliato e rivestito di “un’aura” argentea a distinguo del corpo interamente fatto di luce bianca.
    Il tutto é durato pochi istanti anche se dopo, risvegliandomi ho constatato che era passata piu fi mezz’ora. Tutta la situazione non ha ptovocato in me nessun timore o stato di ansia, ne tanto meno disagio ne visualizzazione di altre figure estraneee.
    Non pratico Yoga, ma sono stato curato molti anni fa con dell’ipnosi attiva x una forma di adenoma asintomatico.
    Da allora la mente mi affascina ma nn ho mai provato ad auto-ipnotizzarmi.
    E neanche la notte scorsa.
    Ho solo chiuso gli occhi e unito le mani pensando di rilassarmi avendo a disposizione poche ore di sonno.
    Ma anziche addormentarmi la mia mente ha creato “una proiezione” di me stesso appena a di fuori del mio corpo.
    Cio che mi ha sorpreso peró é stato il momento del “risveglio”.
    Come se nn fossi del tutto preparato a gestire quella situazione e come se “qualcosa” mi avesse fatto tornare bruscamente nel mio corpo-fisico…facendomi aprire gli occhi ma rendendomi del tutto incapace di sciogliere le dita delle mani e di muovere la testa ed il corpo.
    X solo pochi istanti. Poi ho ripreso ogni funzione tattile e visiva.
    Sarei piú propenso a pensare d’aver compiuto un viaggio astrale. Ma del tutto inconsapevolmente; e di ció mi dispiaccio, x non aver potuto ampliare questa esperienza attraverso la volontà.

    Qualcuno sa se siano possibili viaggia astrali spontanei e perché essi avvengano? O cosa ci stia suggerendo la mente durante queste esperienze che la letteratura specifica invece considera molto complesse da attuare volontariamente?


    Si sono possibili anche se non è facile come dicono alcuni. Secondo me avviene perché è la vera natura dell’essere umano (probabilmente anche gli animali ma non sono abbastanza documentato). Noi in realtà non siamo altro che energia, la stessa energia che ha formato e forma l’Universo.

    Cerco di riassumere e semplificare in base a quello che ho capito documentandomi negli anni, ed esperienze personali, o di altri. Sostanzialmente si pensa che la creazione (secondo alcune entità) sia nata da una sorta di gioco, ovvero, una forza (chiamiamola Dio, o Creatore) ha cominciato a creare tutto ciò che si trova all’interno di questo Universo. Tutti noi, animali, piante, etc., siamo fatti della stessa energia del presunto Creatore (anche se non abbiamo e non avremmo mai alcuna conferma, almeno da vivi) e pare che ci abbia creato per fare esperienza (lui/lei), quindi non gli importa molto se siamo buoni o cattivi. Questo significa che noi (secondo questa teoria) dovremmo paragonarci a delle sonde intelligenti che vengono messe a caso qua e là nell’Universo.

    In più di una occasione è stato detto da queste entità “evolute” umane o aliene, che un giorno indefinito, queste sonde (noi) torneremo alla fonte (dal Creatore). Questo dovrebbe accadere non prima di aver raggiunto la massima evoluzione, quindi ogni vita trascorsa dentro un guscio (corpo umano) si andrebbe ad aggiungere ad una sorta di archivio, il quale una volta completo tornerà appunto alla fonte. Ma ci sarebbe tutta una graduatoria, o meglio, dei livelli da raggiungere. E pare che l’evoluzione non si acquisisca con poche vite trascorse, per esempio sulla Terra, ma sarebbero necessarie tantissime reincarnazioni.
    Ci sarebbe poi da considerare che il tempo è un unità di misura che vale solo nella dimensione in cui ci troviamo. Quando ognuno di noi termina una delle sue vite terrene, può impiegarci da pochi anni, a diversi secoli prima di reincarnarsi, per tutta una serie di questioni. Infatti i bambini che ricordano altre vite secondo queste entità, non avrebbero lasciato passare troppi anni tra una reincarnazione e l’altra.

    Ci sono spiriti che rimangono bloccati (smarriti) in un luogo perché non capiscono che dovrebbero proseguire il loro cammino, vuoi perché sono morti ammazzati, o sono andati via all’improvviso, oppure sentono che devono stare vicini ai loro cari. Nella loro dimensione il tempo non esiste, ma per noi rimangono bloccati per centinaia o forse migliaia di anni.

    Ma come comprenderai, non possiamo avere alcuna certezza, potrebbe essere tutta una storiella raccontata per cercare di dare un senso alla nostra esistenza, ma potrebbe anche esserci qualcosa di vero.

    Se ti può interessare conosco alcuni libi di William Buhlman che oltre a spiegarti il fenomeno dei viaggi astrali, inserisce diversi esercizi e tecniche per uscire fuori dal corpo. Li puoi trovare nella sezione libri: http://www.coscienza-universale.com/viaggi-astrali/

  20. mi ricordo 3 anni fa ero in Croazia in ferie , una sera siamo usciti con gli amici fuori in discoteca ,siamo rientrati abbastanza tardi in albergo ,sono andato a letto verso le 5 di mattina,vi racconto quello che si ha successo dopo,mentre dormivo ho sentito che mi alzo dal letto e comincio a volare ,sono uscito fuori dalla finestra e son arrivato nella mia citta natale (cca 1500 km da dove ero io in quell momento) vedevo mia mamma e mia zia che parlavano tra di loro stavano davanti ad una agenzia lotto , visto che ero li ho detto di guardare anche i numeri usciti quella settimana ,mi sono svegliato subito ,ho scritto i numeri sul cellulare ,dopo una settimana siamo arrivati acasa (a padova)avevo dimenticato dei numeri mi ricordo bene era di sabato sera ,ad un certo punto mio figlio trova 5 euro per terra e subito mi vengono in mente i numeri ,gioco questi numeri solo che sul cell avevo scritto solo 3 numeri su 5 che avevo visto nel sogno gli altri li avevo dimenticati,sono usciti 3 numeri ,avevo vinto sui 1400 euro,mi succede speso alla notte sognare di volare ma non riesco piu purtroppo vedere dei numeri perche mi sveglio subito


    La tua è sicuramente una bella esperienza, ma come ti sei reso conto non avviene di spontanea volontà. Però probabilmente tu sei predisposto visto che ti capita spesso, sei fortunato 😉

    Riguardo le vincite al lotto, da quel che ho capito in base alla mia esperienza. “Qualcuno” ogni tanto ci fa un “piccolo” regalino, solitamente accade quando ne abbiamo più bisogno. A mio parere questo tipo di aiuti sono limitati quindi non diventeremo ricchi grazie a un nostro caro defunto, la nostra guida, il nostro stesso spirito, o chiunque credi sia stato a regalarti la visione dei numeri. Se tu dovevi sistemarti economicamente facendo una grossa vincita, quei 5 numeri ti venivano mostrati in modo da farteli ricordare. Probabilmente ti venivano ripetuti in mente fin quando non ti saresti svegliato, ma visto che l’intenzione era quella di farti un regalino, te ne sei ricordati solo 3.

    Quindi, è possibile “sognare” dei numeri vincenti, ma ci verrà comunque sempre “donato” il minimo indispensabile, e mai la ricchezza. A meno che non deve andare così perché per qualche ragione in questa vita dobbiamo diventare ricchi (mia opinione).

  21. Salve a tutti ho avuto questo disturbo del sonno da bambino appena arrivati in Italia nel 1985. Mi svegliavo la mattina e mi ritrovavo bloccato a letto con gli occhi aperti senza poter chiedere aiuto a nessuno visto che la voce non usciva.
    Questo problema dopo essersi verificato 2-3 volte a quei tempi sembrava fosse scomparso invece in questa settimana mi è capitato per ben 2 volte….ho fatto delle ricerche e tutte portano a questa paralisi del sonno ma posso darvi in alternativa un altra ipotesi molto interessante anche se poco credibile…..parlando con mia nonna di questa cosa che mi era successa lei è rimasta un po poi mi ha dato una soluzione al problema è mi ha detto:” prima di andare a letto metti una scopa davanti la porta di casa. ..”
    Io gli ho chiesto il perché è lei mi ha risposto che la notte viene a trovarmi la “Ianara” o ombra grigia come avete scritto voi….che si mette sul petto e conta i capelli….bloccandoti a letto.
    Ecco allora il perché della scopa la “Ianara” arriva alla porta e conta i peli della scopa senza entrare.
    ciao.


    Ciao Mirko, esistono diverse storie accomunate alla paralisi del sonno e credo che ogni regione abbia la sua. Per alcuni anziani si tratta di uno spirito maligno che viene ad assorbire la tua energia dalla bocca, per altri, è uno gnomo che può farti diventare ricco se riesci a sfilargli il cappello. Ti posso dire che conosco diverse persone che vivono questa situazione e ognuno la interpreta a modo suo.

    Ti racconto un fatto curioso, soprattutto per quelle persone che pensano si tratti “esclusivamente” di un problema fisiologico. Conosco due persone che chiamerò per rispetto della loro privacy Mario e Alisa.

    Mario soffre di questo disturbo notturno da una vita, se lo porta dietro dall’infanzia. Mario, nonostante siano passati diversi anni non si è ancora abituato a questo fenomeno ed è terrorizzato poiché ci racconta sempre di vedere degli spiriti malvagi durante questo suo disturbo. Egli racconta di vedere delle persone, non delle ombre, e questo lo terrorizza, se poi aggiungiamo il fatto che gli capita anche 3 volte a settimana, povero Mario che la vive in questo modo.

    Qualcuno gli ha suggerito che questi problemi sono dovuti dallo stress, dall’ansia, etc., ma lui non crede che sia questo il motivo, egli sostiene che c’è un’energia negativa, qualcuno per qualche ragione lo perseguita dall’infanzia. Così un bel giorno s’innamora di Alisa, incontra finalmente la donna della sua vita, e tutti noi sappiamo che l’amore guarisce gran parte dei nostri problemi, alleggerisce in un certo senso la nostra vita (per lo meno finché si prova questo sentimento).

    Tutto sembra andare alla grande per Mario e Alisa, basta guardarli per rendersi conto che sono fatti l’uno per l’altra, si amano e sono felici. Ma quando comincia la convivenza accade qualcosa d’inaspettato. Alisa mi racconta (e Mario conferma) di essere rimasta bloccata durante il sonno e di aver provato paura e panico, poiché in 27 anni non gli era mai capita questa cosa e non sa come spiegarselo.

    Morale della storia. Mi domando com’è possibile che Alisa non abbia mai sofferto di paralisi notturna ma quando s’innamora di Mario inizia ad avere gli stessi disturbi? Sarei curioso di sapere come lo spiegherebbero i medici, cosa s’inventerebbero pur di dare una risposta logica.
    Per questo ho ribadito più volte che la paralisi del sonno non è da considerare solo un problema fisiologico. Non sappiamo con precisione di cosa si tratta, tuttavia, sono convinto (per esperienza personale) che è collegata ad alcuni fenomeni paranormali.

    Sai che le persone anziane difficilmente raccontano bugie, anche perché non hanno più nulla da nascondere. E se una persona anziana ti dice di aver visto degli strani esseri durante una paralisi del sonno e che è riuscita ad interagire con questi ultimi, vuol dire che così è andata. Certo rimane un fenomeno inspiegabile per la mente umana, ma lo stesso accade per tanti altri. Lo scienziato, medico o ricercatore, non si accontenta di dire “non lo so” e deve per forza trovare una spiegazione per ogni cosa, anche dove non è in grado di dare una spiegazione. Ovviamente potrebbe anche dipendere da un fattore fisiologico, di stress o ansia, ma non è per tutti così.

  22. Interessante articolo, lo leggerò meglio e con più calma.
    Ho avuto anch’io un unico episodio di paralisi mentre dormivo nel 1995 e mi sono svegliata. Io invece ho sentito e poi visto la presenza di 3 alieni in fondo al mio letto, credo fossero dei “grigi”. Cercavo di urlare ma non mi usciva la voce, ero nel panico più totale, poi mi sono fatta coraggio e mi sono ribellata utilizzando la telepatia e mi sono resa conto che ad un certo punto mi sentivano. Pur non capendomi hanno avvertito che c’era qualcosa che non andava ed hanno lasciato perdere. Il fatto è avvenuto qualche tempo prima di un importante intervento chirurgico che dovevo fare al ginocchio sinistro (ma io stavo bene allora) e questi tre: 2 di sesso maschile e 1 di sesso femminile erano delle specie di scienziati e volevano operarmi. In seguito capii che avevano soltanto cercato di aiutarmi. Infatti l’intervento fatto dal chirurgo “umano” andò male ed io restai menomata per tutta la vita. Loro invece avevano una tecnologia tale che avrebbero forse potuto salvarmi il ginocchio. In genere non credo agli Ufo ed agli alieni, sono cose che mi fanno troppa paura e da allora per fortuna non ho avuto altre esperienze simili. Non era una bella sensazione essere totalmente in loro balia e non potermi muovere. Non capivo come potessero intervenire senza che ci fosse una specifica richiesta da parte mia, in modo così arbitrario, come se fossi solo un insetto. Tu che dici? Allucinazione o erano veri alieni?


    Magari, fossi in grado di risponderti con certezza. Il fenomeno della paralisi del sonno può avvenire per diversi fattori, ma da quel che hai scritto sembra tu abbia provato le mie stesse sensazioni, ed io, ancora oggi, dopo quasi 20 anni sono più che sicuro che quel giorno (di cui parlo nell’articolo) ero sveglissimo, anche se non so spiegarmi cos’era quella grossa figura che si trovava sopra il mio corpo.

    Prima di continuare, devo dirti che sono una persona (se non l’ho già scritto nell’articolo) che si sveglia facilmente la notte, i piccoli rumori mi fanno aprire gli occhi, non è raro infatti che mi svegli più volte in piena notte senza conoscere il motivo. Sono talmente abituato che non apro neanche più gli occhi, a volte per curiosità guardo l’ora, ma non sempre lo faccio. Conoscendomi, posso dirti che mi fanno svegliare quei piccoli rumori di assestamento, anche se a volte sono così forti e si ripetono in determinati orari, che mi riesce difficile credere che si tratti di rumori di assestamento, ma non è di questo che stiamo parlando.

    Tornando a quel famoso caso (l’unico di quel genere) ti posso dire che quella cosa mi ha lasciato stare solo dopo che ho provato rabbia. Ricordo di aver seguito con la testa l’attimo (perché è stata una cosa abbastanza rapida) in cui si diresse verso l’angolo della stanza, è stato sorprendente vedere quelle piccole sfere di vari colori, che emettevano luce, apparire e sparire in pochissimo tempo, fu come se si aprì un buco sul pavimento della casa e quella cosa entrò dentro sparendo completamente.

    Forse non l’ho specificato in questo articolo, ma mi trovavo nelle isole Egadi in Sicilia, e dormivamo in una casetta/villetta di una sola pianta.

    A differenza tua, di paralisi notturne ne ho avute parecchie, ora non ricordo il numero esatto ma credo di aver superato la decina. So per mia esperienza, che la paralisi notturna può essere legata ai “viaggi astrali” perché diverse volte ho visto persone defunte, e, ho notato che mi sveglio solo quando la mia coscienza (concedimi il termine) si allarma per qualcosa, forse prova una sensazione di pericolo, non lo so (non credo sia la paralisi in sé a farci svegliare, probabilmente ci capiterà diverse volte ma non ci facciamo caso). Fatto sta che in più occasioni ho aperto gli occhi per aver provato timore, sai la classica sensazione di disagio dopo un incubo?

    Ricordo che una volta mi spaventai per aver visto una piccola creatura, era un neonato, e lo tenevo tra le braccia, ma non era proprio uguale ad un neonato, era strano, sembrava soffrire di una qualche patologia, era biancastro e aveva gli occhi rossi e la cosa che mi “sconvolse” fu che ebbi la sensazione che fosse mio figlio. Quella fortunatamente fu l’unica volta che “sognai” perché non so come altro potrei definirlo (sogno lucido?) una cosa del genere. Vedi fu molto diverso, quella volta in vacanza avevo gli occhi aperti e vedevo la luce della luna entrare dentro la stanza, per questo intravidi l’ombra che mi stava sopra, etc.

    I Grigi di cui parli, credo di averli visti solo una volta, ma non erano bassi, io mi ricordo tre esseri alti e mentre uno mi faceva qualcosa dietro la testa, gli altri due mi guardavano dritto negli occhi. Mi trovavo in un posto che poteva somigliare ad una cupola di color metallo, mi trovavo sdraiato su una specie di letto, e avevo una luce puntata in faccia. Ricordo che quel periodo provai un leggero dolore dietro la testa per circa un mese, e nonostante cominciai a preoccuparmi pensando al peggio (tipo un tumore, stavo entrando in paranoia per questa cosa), non mi feci mai visitare, non amo farmi visitare per ogni piccolo problema, anche perché cosa avrei dovuto dire? Ho sognato tre alieni che mi hanno fatto qualcosa in testa?

    Comunque, per farla breve (ci provo, ma non ci riesco mai) tu potresti aver visto davvero tre esseri grigi, e forse come tu stessa hai detto, volevano solo aiutarti, e glielo hai impedito. Anche se, credo che queste esperienze siano molto più comuni di quel che si pensa, il fatto è che non le ricordiamo. Questo significa che potrebbero essere tornate e la tua coscienza ha cancellato il ricordo (o forse questi esseri). Ma rimane sempre il dubbio (solo tu sai ciò che hai provato e visto) che tutto potesse essere stato un sogno, quindi frutto di immaginazione.

    Prima di chiudere definitivamente, aggiungo che, le poche volte che ho visto esseri alieni, tutto mi è sempre apparso come un sogno, molto realistico, ma lo considero sempre un sogno. Ho visto esseri bianchi, grigi, e un’unica volta rettiliani, per dirla tutta “ero io” che guidavo quel grosso corpo squamato e facevo cose spaventose, ma fortunatamente era solo un sogno. Di quelli che ti fanno svegliare con malumore.

    Molte cose, la scienza stessa, non è in grado di spiegarle, e se diamo retta ai medici, stiamo sempre male ed ogni scusa è buona per prescriverci un farmaco. Ma sono convinto che prendere farmaci e trasformarci in zombie (parlo degli psicofarmaci), non è per niente la giusta mossa. Rimangono esperienze inspiegabili che si vivono ogni tanto, molte persone non le vivono affatto, mentre altre le vivono spesso e volentieri, così è la vita. 😉

    • Volevo precisare tre cose, che mi sono parse un po’ come delle domande indirette nella tua risposta….i tre “grigi” che ho visto non erano piccoli, erano piuttosto magri e lunghi invece (avevano comunque una parvenza molto umana) erano ricoperti da una specie di tuta in effetti, ma molto aderente, tipo quella che dei medici adotterebbero in caso di pericolo da contaminazione o simili. In seguito, ho addirittura pensato che invece di alieni, potessero esseri umani che arrivavano dal futuro, e che il prolungato soggiorno nello spazio li avesse modificati geneticamente e fisicamente. Cioè il tipico processo di evoluzione-adattamento che succede anche agli animali di frequente e a volte in modo molto veloce tra una generazione e l’altra. Per quanto mi sforzassi di muovermi e di urlare proprio non ci riuscivo, eppure ero sveglia! Mi ero svegliata proprio perchè mi era venuta una strana sensazione al ginocchio, come se qualcuno la stesse operando. Non sentivo dolore, solo fastidio. Potevo solo muovere gli occhi, una strana forma di anestesia comunque perchè il cervello era vigile e per niente annebbiato. La visione di ciò che mi stava intorno però era alterata, deformata e allungata. Il mio letto sembrava molto più lungo del normale. Io avevo la sensazione di levitare sopra il letto a pochi centimetri dal materasso. Le loro braccia arrivavano a operarmi il ginocchio pur restando ai miei piedi, una cosa stranissima. Non riesco a capire come mai avessi la netta percezione che uno di loro fosse di sesso femminile, non era dissimile agli altri se non forse per le movenze, un po’ più ingentilite. Telepaticamente urlavo come una pazza per farmi capire, ero indignata, rabbiosa per quello che mi stavano facendo. Loro mi guardavano come se fossi un animale da laboratorio, come se pensassero che non potessi avere una coscienza o una volontà mia. Quindi sono rimasti abbastanza sorpresi dalla mia reazione e dal fatto che avessi capito che avrei potuto interagire con loro telepaticamente. Non assumevo certo psicofarmaci in quel periodo e di solito dormivo benone e non avevo bisogno di sonniferi o cose del genere. Mi sono semplicemente svegliata di soprassalto nel cuore della notte ed ero sola con questi tre esseri che gironzolavano nella mia camera! Avevo il cuore che mi batteva all’impazzata. So cosa intendi quando parli di fuoriuscire dal proprio corpo, mi è capitato spontaneamente molte volte, specialmente da bambina. Ma è una sensazione completamente diversa da quella. Qui ero dentro il mio corpo, ero normale. Solo che non ne avevo il controllo. Ero come uno stoccafisso in loro balia. Sentivo che erano loro a rendere rarefatta l’atmosfera ad alterare la mia visione affinché mi apparisse il più normale possibile. Percepivo che erano molto soddisfatti dell’esito, come se avessero sperimentato un modo nuovo di operare, era il loro step 2 per così dire. Non era cattivi. Erano semplicemente indifferenti, distaccati. per questo ho parlato di scienziati, ma potevano anche non esserlo.


      Beh, leggendo la tua storia sembrerebbe che sei stata vittima di un’abduction a tutti gli effetti. Questo dimostra ciò che intendevo dire nel messaggio precedente, ovvero che ci sono vari tipi di paralisi notturne, io per esempio, che ne ho avute parecchie, non ho mai visto alieni davanti al mio letto.

      Chiaramente mi riferisco a quelle occasioni dove ero totalmente vigile (sveglio), in quell’occasione (della grossa ombra) l’ho vista, non era un’allucinazione, ne sono convinto al 200%. In altri casi invece è stato come un sogno reale, ho sentito più o meno gli stessi tuoi sintomi, tipo una percezione alterata ed è proprio in quei casi che ho visto presenze che non appartengono più a questo mondo, per capirci, quelle persone che hanno un colore grigio/bianco che tutti amano definire fantasmi.

      Quest’ultimo fenomeno mi affascina parecchio, ma ho notato che non sono sempre pronto ad affrontarlo nella maniera più adeguata. Non sono ancora riuscito ad abituarmi, a volte reagisco come vorrei, quindi affrontando coraggiosamente ciò che mi aspetta, altre volte reagisco male, mi spavento e svegliandomi sparisce tutto. Posso provare, felicità, tristezza, angoscia, o nulla, a seconda della situazione in cui mi trovo.

      E’ molto difficile da spiegare, per chi non l’ha mai provato, a volte mi spaventa anche solo parlare con uno spirito di un bambino innocuo, mentre altre combatto contro spiriti dall’apparenza sinistra. Più volte mi è capitato di tornare in me (svegliarmi) e pensare: “porca miseria perché me ne sono andato, mi voleva dire qualcosa!”.

      Comunque, il discorso è abbastanza vario e complicato da comprendere, per molti.

      Anche se forse non sarà il tuo caso, visto che sei anche uscita una volta dal tuo corpo, ciò significa che hai delle doti sempre se no le hai perse rinnegandole inconsciamente per proteggerti, come facciamo quasi tutti.

      Guarda ho ricevuto da poco un messaggio, e non so se ti può essere utile, dice:
      Stiamo lavorando alla rimozione efficace di chip alieni di abduction, usiamo sistemi non convenzionali se dovesse servire e poteste farci pubblicità, l’intervento è semplice, veloce e accessibile.

      Questo è il suo sito ), però non lo conosco quindi non mi sento di poter garantire per lui. Te lo dico perché hai scritto di averli visti “operare” nel tuo ginocchio, magari protesti fare prima un controllo serio, una risonanza, o anche no, insomma, saprai tu cosa fare. 😉

  23. Ciao, purtroppo anche a me capita spesso la paralisi, soprattutto prima di svegliarmi, a volte all’improvviso e piú raramente sono cosciente che è appena terminato un sogno, ad esempio subito dopo un sogno ho avuto la paralisi e appena riprendevo il controllo ho visto un portale tipo buco nero che si chiudeva come se mi avesse sputato o avesse risucchiato qualcuno.

    Mi dai qualke buon consiglio per superare questo problema fastidioso? Mi capita spesso, va a periodi ma finisco sempre per sentirmi soffocare e mi agito molto. grazie un abbraccio.

    • Semplice! Comincia a non considerarlo un problema, dovresti allenarti con la respirazione, per imparare a rilassarti. Anche se la questione della paralisi del sonno può dipendere da vari fattori. Se ti senti soffocare può essere dovuto dal fatto che molto probabilmente dormi a pancia in su. Russi? Soffri di apnea notturna? Questo è importante, perché è una cosa diversa, molto più seria, anche se risolvibile.

      Il fatto è, che dormendo in questa posizione (a pancia in su), la lingua, una volta che ci siamo rilassati, tende a scendere andando a restringere le vie respiratorie. L’ostruzione può essere determinata da tonsille e adenoidi ipertrofiche, ma una grossa lingua, associata al normale rilassamento muscolare e conseguente collabimento dei tessuti molli che avviene durante il sonno, può essere la causa di apnee. Talvolta, può essere causa di questa sindrome anche un’anomala struttura della mandibola o delle vie aeree. (leggi -http://it.wikipedia.org/wiki/Sindrome_delle_apnee_ostruttive_nel_sonno)

      Per risolvere questo problema nella maggior parte dei casi basta dormire in un’altra posizione, in un fianco o a pancia in giù.

      Se invece, questo non è il tuo caso, allora, come ti dicevo prima devi solo prendere il controllo di te stesso/a devi imparare a rilassarti, non devi aver paura, perché non può succederti niente di malvagio, mostruoso o qualunque altra tua paura inesistente. Te lo dico per esperienza personale, non per sentito dire.

      Occhio però, se soffri di apnea notturna, ti consiglio di rivolgerti ad un medico (quello di famiglia). Perché potresti passare dei guai seri, anche se conosco personalmente persone che ne soffrono e tirano avanti da una vita, senza porsi alcun problema.

      Spero di esserti stato utile, ciao..

  24. Sono attratto da tutto ciò che ha a che fare con il mistero, il paranormale, e l’universo. Sono molto curioso e in cerca della verità, la quale probabilmente non conoscerò mai, analizzo i fatti e ne traggo conclusioni personali, non amo seguire la massa e sono convinto che non per forza bisogni dare una spiegazione logica a ogni cosa, seguo il mio istinto mettendo da parte la mente razionale. Un’ultima cosa, ho tutte le rotelle al suo posto, almeno credo..

    Ho trovato questa pagina per caso e quando ho letto queste parole ne sono rimasto colpito perche mi sembrava di ascoltare me stesso, mi presento sono alberto ho 19 anni e sto dando la maturità al momento portando una tesi relativa alla massoneria; mi sono sempre ritenuto superiore d intelligenza rispetto alla massa che mi circonda, questo poichè mi sono sempre posto domande che nessuno si pone, e in piu cerco vivamente le risposte, mi sto appassionando di esoterismo , occultismo e sono dedito allo studio delle cosiddette teorie del complotto, questo perchè tutto ciò su cui si basa la società nel quale vivo mi sembra erroneo , e programmato , e le persone mi sembrano tutte gusci vuoti incapaci di generare idee personali ma solo di emulare ciò che viene detto loro inconsapevolmente . su facebook sono Alberto Botta, come immagine del profilo ho il simbolo degli illuminati =) , ah e ovviamente soffro anche io di allucinazioni ipnagogiche, ora è qualche mese che non ho questo disturbo diciamo ma va a periodi, e dunque gradirei approfondire l argomento ! Ora finirò di visitare questo sito che mi pare interessante, attendo risposta, saluti

LASCIA UN COMMENTO