Notizie sulla salute: Cancro, una verità scomoda.

Lo sapevate che nell’anno 1931 uno scienziato ricevette il Premio Nobel per la scoperta della causa primaria del Cancro?

Questo scienziato si chiamava Otto Heinrich Warburg (1883 – 1970). Gli fu dato il Nobel per la sua tesi: “la causa primaria e la prevenzione del cancro”.

Heinrich WarburgSecondo questo scienziato, il cancro è la conseguenza di un’alimentazione antifisiologica e uno stile di vita antifisiologico.. Perché? … perché un’alimentazione antifisiologica (dieta basata su alimenti acidificanti accompagnata da una vita sedentaria), crea nel nostro organismo acidosi.

L’acidosi, a sua volta espelle l’ossigeno dalle cellule.. Una sua affermazione: “La mancanza di ossigeno è l’acidosi sono le due facce della stessa medaglia, quando ne avete uno non può mancare l’altro”.

Le sostanze acide rifiutano l’ossigeno; in cambio, le sostanze alcaline attraggono l’ossigeno… “Privare una cellula del 35% del suo ossigeno per 48 ore può convertirsi in cancerogena”, secondo Warburg. “Tutte le cellule cancerogene possono vivere senza ossigeno, una regola senza eccezione”, e aggiunge: “I tessuti cancerogeni sono tessuti acidi, mentre quelli sani sono alcalini.”

Nella sua opera, “Il metabolismo dei tumori” Warburg dimostrò che tutte le forme di cancro si caratterizzano per due condizioni basiche: l’acidosi e l’ipossia (condizione patologica determinata da una carenza di ossigeno nell’intero organismo), ha scoperto anche, che le cellule cancerogene sono anaerobiche (non hanno bisogno d’ossigeno) e “non possono” sopravvivere in presenza di alti livelli di ossigeno.

In cambio, sopravvivono grazie al glucosio (è un monosaccaride aldeidico; è il composto organico più diffuso in natura, sia libero sia sotto forma di polimeri), sempre e quando nel suo intorno non c’è traccia di ossigeno. Pertanto, il cancro non sarebbe altro che un meccanismo di difesa, avviene una trasformazione di certe cellule per continuare a farle vivere in un organismo carente di ossigeno e circondato da acido.

Riassumendo: Cellule sane vivono in un ambiente alcalino, e ossigenato, il quale permette il suo normale funzionamento. Invece le cellule cancerogene, vivono in un ambiente estremamente acido e carente di ossigeno. Prima di procedere: Una volta terminato il processo di digestione, gli alimenti secondo la qualità di proteine, idrato di carbonio, grassi, minerali e vitamine che forniscono, generano una condizione di acidità o alcalinità al corpo.

Il risultato acidificante o alcalinizzante si misura attraverso una scala chiamata PH, i quali valori variano da 0 a 14, dove il PH 7 è un PH neutro. E’ importante sapere come influenzano la salute gli alimenti, per far sì che le cellule funzionino in maniera corretta e adeguata il loro PH dovrebbe essere leggermente alcalino.

In una persona sana il PH del sangue ha dei valori che vanno da 7,40 e 7,45. Da tenere in conto che se il PH sanguigno, scende dalla soglia del valore 7, entriamo in uno stato di coma prossimo alla morte. Quindi sarebbe opportuno per noi, controllare la nostra alimentazione o perlomeno conoscere gli alimenti “peggiori” (quelli che acidificano il nostro corpo).

Ebbene sapere che, lo zucchero raffinato e tutti i suoi prodotti fanno parte di questi alimenti. E’ il peggiore di tutti perché non contiene né proteine, né grassi, né minerali, né vitamine, solo idrati di carbonio raffinato che stressano il pancreas.


Il suo PH è di 2,1, quindi altamente acidificante, la carne (tutte), il latte di mucca e tutti i suoi derivati, sale raffinato, farina raffinata e tutti i suoi derivati (patate, patatine, etc.), i prodotti delle panetterie o forni (la maggioranza contiene grassi saturi, margarina, sale, zucchero e conservanti), caffeina, alcool, tabacco, medicine e qualsiasi alimento cucinato (la cottura elimina l’ossigeno e lo trasforma in acido) incluse le verdure cotte. Tutti gli alimenti che contengono conservanti, coloranti, aromatizzanti, stabilizzanti, etc..

Apro una parentesi prima di proseguire, essendo un po’ scettico su tutti questi alimenti che normalmente utilizziamo quasi quotidianamente, ho eseguito una piccolissima ricerca su internet, sul latte che è quello che mi preoccupava di più, visto che mai nessuno ci ha informati che il latte di mucca può danneggiare l’organismo. Ho trovato un sito, ma penso che le fonti con una piccola ricerca siano parecchie, che descriveva il latte in questa maniera:

Il latte possiede una lieve acidità naturale dovuta ai fosfati, citrati, CO2 e proteine; ma, a partire dal momento della mungitura, l’acidità aumenta in quanto il lattosio del latte si trasforma parzialmente in acido lattico. Tale trasformazione è tanto più rapida quanto più il latte è sporco o mantenuto a temperatura favorevole allo sviluppo batterico. Date le gravi conseguenze che l’acido lattico ha sulla conservatività del latte e sulle lavorazioni casearie, l’accertamento dell’acidità riveste grande importanza. La determinazione dell’acidità del latte si basa sulla neutralizzazione con sostanze alcaline (NaOH N/4), mediante titolazione, usando come indicatore la fenolftaleina oppure, metodo da noi seguito in laboratorio, seguendo le variazioni di pH indicate dal nostro pH metro e stabilendo il punto di equivalenza a pH 8,3 (corrispondente al limite inferiore dell’intervallo di viraggio della fenolftaleina)

In fine: tutti i cibi confezionati. Il sangue si autoregola costantemente per non cadere in acidosi metabolica, in questo modo garantisce il buon funzionamento cellulare, ottimizzando il metabolismo. L’organismo dovrebbe trattenere dagli alimenti solo le basi (minerali) per neutralizzare l’acidosi dal sangue e dal metabolismo, però tutti gli alimenti citati sopra, contengono molto poco di quello che realmente necessita l’organismo, e al contrario demineralizzano l’organismo (soprattutto i prodotti raffinati).

C’è poi da considerare, che nello stile di vita moderna, questi alimenti, si consumano più o meno 5 volte al giorno per 365 giorni all’anno!! Curiosamente tutti questi alimenti nominati sono “Antifisiologici”.
Il nostro organismo non è disegnato per digerire tutta questa porcheria!

Per alimenti alcalinizzanti, si intendono, quelli che ci fanno bene, ad esempio la verdura cruda (alcune sono acide però dentro l’organismo hanno una reazione alcalinizzante, altre sono lievemente acidificanti però consentono di trarne le basi per il suo corretto equilibrio) è che portano ossigeno a differenza di quelle cotte.

La frutta è uguale alla verdura, nel senso che, (a parte il limone che contiene un valore di PH approssimativamente di 2,2, che però anche questo dentro l’organismo ha un effetto altamente alcalinizzante) praticamente quasi tutta la frutta una volta ingerita, ha un effetto alcalinizzante, la frutta in più, mangiata cruda, contiene molto ossigeno che fa bene al nostro organismo. Il miele è altamente alcalinizzante, la clorofilla delle piante (di qualsiasi pianta) è altamente alcalinizzante soprattutto l’aloe vera. Naturalmente l’acqua è importantissima per il nostro organismo perché ricca di ossigeno.

“La disidratazione cronica è lo stress principale del corpo, è la radice della maggior parte delle malattie degenerative” afferma il Dr. Feydon Batmangheildj.

L’esercizio ossigena tutto l’organismo, il sedentarizzo lo consuma. Il dottore George W. Crilie, di Cleveland, afferma che tutte le morti mal chiamate naturali, non sarebbero altro che un punto terminale di saturazione di acidi nell’organismo.

Al contrario, è totalmente impossibile che un cancro si proliferi in una persona che libera il suo corpo dall’acidosi, nutrendosi con alimenti che producono reazioni metaboliche alcaline e aumentando il consumo dell’acqua pura; e che, a sua volta, evita gli alimenti che originano detta acidosi, e si riguarda dagli alimenti tossici.

Rating: 3.0. From 2 votes.
Please wait...

Prosegui con la lettura (usa il menu di navigazione).
* Nell'ultima pagina puoi trovare eventuali link del libro recensito.

1
2
loading...

LASCIA UN COMMENTO